Coronavirus: l'OMS dichiara l'emergenza mondiale

Coronavirus: l’OMS dichiara l’emergenza mondiale

2 Febbraio

Per l’organizzazione mondiale della sanità l’emergenza è diventata globale. Vista la gravità dell’epidemia oltre i confini del paese di origine si richiede un intervento coordinato a livello mondiale: azioni adeguate a contrastare la diffusione del virus e la ricerca per un vaccino e terapie appropriate.

Il primo evento di emergenza globale dichiarato dalla OMS è stato nel 2009 per l’H1N1, l’influenza suina, poi per la poliomielite nel 2014, stesso anno in cui è stata dichiarato anche quello contro il virus Ebola, per la Zika nel 2015 e nel 2019 per l’epidemia di Ebola ancora in corso in Congo.

Fino a qualche giorno fa ancora si parlava di emergenza localizzata. Ne avevamo parlato anche qui:

 

Data la diffusione del virus e l’aumento dei decessi il Comitato ha quindi raccomandato l’adozione dell’emergenza.

Può raccomandare quindi misure per il controllo ed eventuali restrizioni dei viaggi e delle esportazioni

L’OMS non ha alcun potere per imporre le misure a livello internazionale ai singoli Stati e spetta il compito di fornire raccomandazioni temporanee che i singoli Paesi dovrebbero prendere per prevenire o contenere la diffusione del contagio. Può raccomandare quindi misure per il controllo ed eventuali restrizioni dei viaggi e delle esportazioni ma anche effettuare la valutazione delle disposizioni in ambito sanitario dei Paesi colpiti.

Il Comitato viene riconvocato almeno ogni tre mesi per la valutazione della situazione internazionale e l’eventuale rinnovo dell’emergenza.

L’OMS, come si legge nell’ultimo report pubblicato, è a conoscenza della possibile trasmissione di 2019-nCoV da persone infette prima che sviluppino sintomi ma

è probabile che la trasmissione da casi asintomatici non sia un importante fattore di trasmissione. Le persone sintomatiche diffonderanno il virus più facilmente tossendo e starnutendo.

Si stanno studiando le storie cliniche dei pazienti per capire come potrebbe essersi verificata la trasmissione asintomatica dell’infezione: la trasmissione da una persona asintomatica è molto rara in casi con altri coronavirus.
In tempo reale la mappa della diffusione del virus creata da ricercatori statunitensi.

 

 

Newsbot15

Newsbot15

Science Newsbot
Aree Tematiche
Chimica Medicina News Scienze
Tag
domenica 2 febbraio 2020 - 13:14
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd