Recensione Abra Kazam!

16
1 anno fa

6 minuti

MS Edizioni questa settimana ci accompagna in un mondo fatto di maghetti, incantesimi e bacchette magiche con Abra Kazam!. Impugnate la bacchetta e dimostrate di essere un novello Harry Potter mentre incantate i vostri amici!

Il gran giorno è arrivato, la tunica delle grandi occasioni è stirata, la bacchetta è pronta e con una certa dose di nervosismo ci avviamo verso l’aula dove si terrà il nostro Esame di Magia.

I nostri compagni di classe sono lì a fianco a noi, ma sappiamo bene che dovremo batterli in prove di sapienza magica. D’altronde, solo uno di noi diventerà Gran Mago.

Ma chi sarà questo campione di magia? quali incantesimi dovremo affrontare? per quanto tempo dovrò stare con la lingua a penzoloni come un San Bernardo? a tutte queste domande risponde Abra Kazam!

 

Tavola apparecchiata e tutti pronti alla sfida!

 

 

 

Un pizzico di magia

Abra Kazam! è un family game da 3 ad 8 giocatori dove i partecipanti dovranno sfidarsi a turno lanciando incantesimi

Abra Kazam! è un family game da 3 ad 8 giocatori dove i partecipanti dovranno sfidarsi a turno lanciando incantesimi e facendo indovinare agli altri aspiranti maghi i movimenti magici che hanno eseguito. Sul tavolo saranno presenti 24 carte raffiguranti dei movimenti da compiere con la bacchetta ed altrettante carte coperte che andranno a formare un mazzo da cui verrà estratta la formula magica da eseguire in quel turno.

La persona che ha letto più di recente un libro sui maghi impugnerà la bacchetta, pescherà una carta dal mazzo coperto e gridando “Abra Kazam!” dovrà muovere la bacchetta imitando la forma presente sulla carta per cercare di farla indovinare agli altri giocatori.

Ognuno degli altri giocatori dovrà cercare di indovinare quale figura sta cercando di imitare, pronunciarne il nome ed indicarne la carta corrispondente presente sul tavolo. Il più veloce ad indovinare vince la carta di questo turno; la prende e legge la sfida sul retro. Ora toccherà a lui lanciare l’incantesimo successivo, ovviamente dovendo sottostare alle penalità imposte dalla sfida. Il mago che ha fatto correttamente indovinare l’incantesimo invece terrà con sè la carta piccola che ha pescato ad inizio round: alla fine del gioco, ogni carta grande o piccola vale un punto.

La partita finisce quando sul tavolo rimangono solo 10 carte grandi ed il vincitore sarà il mago che avrà con sè il maggior numero di carte, sia grandi che piccole. Verrà incoronato Gran Mago e potrà bearsi di essere sullo stesso livello di Merlino (più o meno)

 

 

 

 

Bacchette e bacchettate

Abra Kazam! è un party game di quelli che bastano cinque minuti a spiegarlo ed un quarto d’ora per giocarlo.

Abra Kazam! è un party game di quelli che bastano cinque minuti a spiegarlo ed un quarto d’ora per giocarlo. La meccanica delle sfide ricorda un po’ le maledizioni di Vudù, però risulta molto meno penalizzante dato che l’effetto di ogni incantesimo dura solo il tempo di lanciare l’incantesimo successivo: diventa quindi un gioco a cui è facile far approcciare bambini di ogni età che magari mal sopportano il passare i seguenti quaranta minuti con la testa appoggiata al tavolo (cosa che, ad essere sinceri, non piace nemmeno a certi adulti).

Se per caso questo tipo di interazione più spinta ci interessa, però, nella scatola sono inclusi gli incantesimi rossi, che hanno effetti permanenti e durano fintanto che la persona su cui sono stati scagliati non riesce ad indovinare un’altra carta. C’è insomma il modo per decidere in maniera abbastanza varia il livello di difficoltà, in modo da adattare l’esperienza di gioco ai partecipanti.

Le meccaniche semplici e briose non sono l’unica cosa che salta all’occhio.

Infatti, anche dal punto di vista dei materiali ci troviamo davanti ad un prodotto che ha una qualità di produzione inaspettatamente alta.

Una volta aperta la scatola, infatti, la bacchetta in legno intagliato fa la sua porca figura incastrata nel simil velluto rosso dell’inserto, che è strutturato in modo da tenere separate carte grandi e carte piccole con gran classe. Siamo a livelli di tutto rispetto che risultano ulteriormente inaspettati per un prodotto che è generalmente indicato per giocatori giovincelli.

 

 

Lo spazio in alto è occupato solitamente dal manuale, quando non lo si dimentica in giro per casa

 

 

Dico “generalmente” perchè ho trovato una nicchia di utilizzo di questo gioco nelle serate più inaspettate. Se a prima vista può sembrare un giochino che si rivolge principalmente ai più piccini, con un goccio di alcool nel mix all’improvviso tutti si vogliono lanciare in mirabolanti prodezze magiche ed anche i più scettici si improvviseranno Harry Potter in una sfida all’ultimo incantesimo. Dato che permette di giocare dai 3 agli 8 giocatori Abra Kazam diventa quindi un ottimo modo per rompere il ghiaccio in una serata a casa di qualcuno, anche se non è privo di difetti ovviamente.

Il gameplay infatti, una volta passato l’effetto novità, è interessante fin li. Se mi viene facile immaginare i nostri più giovani amici lanciarsi in interminabili sfide a colpi di bacchetta, per un pubblico di adulti Abra Kazam diventa un ottimo modo per rompere il ghiaccio ma che in una serata non vedo come rigiocabile più e più volte; una partita è quello che basta per una dose più che sufficiente di magia, per poi passare a qualche gioco più succoso. C’è inoltre una certa dose di esclusione per chi non riesce ad azzeccare nessun incantesimo: infatti, dato che la bacchetta passa dal mago che ha lanciato l’incantesimo a chi lo ha indovinato, c’è il rischio di non poter mai fare nulla di interessante nel corso della partita. La durata breve di ogni match mitiga molto questa caratteristica che tuttavia è da tenere in considerazione.

 

“Come posso mostrare in una foto quanti sono gli incantesimi e quanto sono privo di senso estetico?”

 

In definitiva Abra Kazam! è il party game per gli amanti di Harry Potter che vogliono avere l’occasione di sgranchirsi un po’ le gambe mentre si fanno due risate. È un gioco semplice, veloce ma al tempo stesso divertente, ottimo per iniziare o concludere una serata in amicizia e decisamente kids-friendly.

Se avete un giovane appassionato di giochi da tavolo a cui fare un regalo questo Natale o se volete un gioco semplice che anche degli adulti possono trovare divertente, questo gioco sicuramente vi lascerà incantati!

 

 

Cerchi un regalo di Natale? Non scordarti di dare un’occhiata alla nostra nuova Guida ai Regali di Natale 2019.

 

 

73
ME GUSTA
  • Meccaniche semplici da spiegare ed imparare
  • Qualità dei materiali ottima per il tipo di gioco
  • Un successo assicurato coi bambini...
FAIL
  • ...meno scontato per quanto riguarda gli adulti
  • Non vale la pena giocarlo in 3 giocatori
  • Non indovinare significa talvolta non giocare per nulla
Recensione Etherfields: ritrovare se stessi tra sogni ed incubi
Recensione Etherfields: ritrovare se stessi tra sogni ed incubi
Stardew Valley si manifesta anche in formato gioco da tavolo
Stardew Valley si manifesta anche in formato gioco da tavolo
Recensione The Crew: nello spazio nessuno può sentirti urlare "briscola!"
Recensione The Crew: nello spazio nessuno può sentirti urlare "briscola!"
Recensione La Casa di Carta Escape Game
Recensione La Casa di Carta Escape Game
Back to the Future: Dice Through Time
Back to the Future: Dice Through Time
Recensione Unicorn Fever: scommesse in salsa di unicorno
Recensione Unicorn Fever: scommesse in salsa di unicorno
Pocket Detective: CSI in un palmo di mano
Pocket Detective: CSI in un palmo di mano