Lenti innovative con sensori di profondità compatti ispirate dai ragni

28
3 anni fa

Per risolvere il problema di dimensione e velocità di calcolo ci si è rivolti alla natura e questa volta sono state realizzate delle lenti che riprendono la struttura degli occhi e la capacità di elaborazione delle immagini dei ragni.

I ricercatori di Harvard guidati dal professore di ingegneria elettrica Federico Capasso ispirandosi ai ragni hanno creato delle lenti ad alta tecnologia con sensori di profondità costituite da un hardware e da una potenza di elaborazione molto ridotti.

I ragni saltatori, quelli che hanno ispirato la ricerca, sono efficaci predatori e devono vedere dove stanno andando e cosa stanno afferrando: ciascun occhio è di per sé un sistema di rilevamento della profondità.

 

Ogni occhio è multistrato, con retine trasparenti che vedono l’immagine con diverse livelli di sfocatura a seconda della distanza. Le diverse sfocature e gli strati vengono confrontati nel piccolo sistema nervoso del ragno e producono una misurazione accurata della distanza.

Il dispositivo combina metalenses multifunzionali, componenti nona-ottici ultrasottili che controllano la luce, e calcoli efficienti per misurare la profondità dalla sfocatura  dell’immagine.

Le lenti di nuova generazione leggono un’immagine in arrivo come due immagini simili con diversi livelli di sfocatura. Queste immagini vengono confrontate usando un algoritmo simile a quello del ragno ottenendo un calcolo della profondità dell’intera immagine in tempo reale.

 

 

Rispetto ai precedenti sensori di profondità passivi, il sensore di profondità così realizzato è compatto e richiede brevi tempi di calcolo: potrebbe essere installato facilmente su microrobot e microsensori.

 

I primi risultati del satellite Prisma presentati al Living Planet Symposium di Milano
I primi risultati del satellite Prisma presentati al Living Planet Symposium di Milano
Ignobel 2016: Le ricerche più improbabili
Ignobel 2016: Le ricerche più improbabili
My Man, Sir Isaac Newton
My Man, Sir Isaac Newton
Fotografia Schlieren
Fotografia Schlieren
I Retinex
I Retinex
La teoria percettiva di Young–Helmholtz
La teoria percettiva di Young–Helmholtz
La danza dei pendoli
La danza dei pendoli

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.