La barriera corallina vive grazie ai piccoli pesci criptobentonici

29
4 anni fa

Le barriere coralline prosperano in zone molto povere di nutrienti: adesso è stato compreso come questo sia possibile.

Persino Darwin se l’era domandato, ma ora Simon Brandl e Carole Baldwin, autori dello studio pubblicato su Nature, svelano il mistero:

Abbiamo scoperto che le larve di pesci criptobentonici dominano le comunità larvali delle barriere coralline, fornendo un flusso continuo di nuove generazioni di piccoli pesci che rappresentano una fonte alimentare per le altre creature della barriera.

Questa categoria, comprendente anche ghiozzi e bavose, si riproduce e depone le larve nella barriera, in modo da non disperderle in mare aperto come la maggior parte degli altri pesci.

 

Ghiozzo, tipico piccolo pesce di barriera

 

Aumentano così le chance di sopravvivenza della specie, che da adulta costituisce una grande fonte di cibo per i pesci più grandi, contribuendo all’intero ecosistema marino.

L’importanza di questo piccolo pesce era stata fino ad oggi trascurata e non ritenuta influenzante la stabilità ed il benessere della barriera; oggi invece la questione è chiara.

Possiamo addirittura dire che i pesci criptobentonici siano una risorsa fondamentale per la ripresa delle barriere coralline sofferenti di tutto il pianeta.

 

Il segreto di un manoscritto di Darwin vecchio di 157 anni
Il segreto di un manoscritto di Darwin vecchio di 157 anni
Pesci: calcolano le distanze per trovare la strada di casa
Pesci: calcolano le distanze per trovare la strada di casa
Cambiamento climatico: anche i pesci cambiano rotta
Cambiamento climatico: anche i pesci cambiano rotta
Pesce più velenoso al mondo: piccolo ma letale
Pesce più velenoso al mondo: piccolo ma letale
Pesci: 200 nuove specie esotiche nel Mediterraneo
Pesci: 200 nuove specie esotiche nel Mediterraneo
Acciughe: perché piovono a San Francisco?
Acciughe: perché piovono a San Francisco?
Australia: senza turisti si lavora a ripopolare la barriera corallina
Australia: senza turisti si lavora a ripopolare la barriera corallina