PewDiePie cancellerà oggi il suo canale Youtube da 50 milioni di iscritti: perché?

4 anni fa

pewdiepie

È successo: il canale Youtube di PewDiePie ha superato i 50 milioni di iscritti e ora lo youtuber svedese sta per chiuderlo: ma perché lo fa? È forse impazzito?

La conferma della cancellazione è arrivata ieri, con questo tweet:

 

https://twitter.com/pewdiepie/status/806981139399405569

 

Sembra proprio quindi che il canale con più iscritti di Youtube, quello che ha più fatto parlare di se, quello che ospita lo youtuber che ha di fatto portato all’attenzione mondiale il fenomeno stesso degli “youtuber”… verrà cancellato.

Ma perché?

Il tutto è spiegato in questo lungo video in cui Felix Arvid Ulf Kjellberg (questo il vero nome di PewDiePie) spiega, ovviamente a modo suo e in maniera molto spiritosa e sarcastica, le ragioni della sua decisione:

 

 

Quello che dice Felix è semplice quanto pienamente condivisibile.

Quello che dice Felix è semplice quanto pienamente condivisibile: Youtube sta cambiando, molto, e sta cambiando in peggio per i piccoli e grandi creatori di contenuto.

Come sta cambiando? semplice. Mentre prima si dava priorità sulla home page di ogni utente ai nuovi video creati dagli youtuber ai quali quell’utente era iscritto (come è normale che sia) ora invece si da priorità ad un nuovo feed di video “suggeriti” (“recommended”) da Youtube stessa attraverso un fantomatico algoritmo che, ovviamente, non funziona proprio benissimo.

Recommended Vs. Subscriptions

Quello che vedete nelle vostre home di Youtube è spesso semplicemente quello che è “trending” su Youtube. Quello che attualmente è molto visto. O quello che Youtube stessa vuole “spingere”, per un motivo o per l’altro, ha poca importanza.

Ma non è quello che avete detto a Youtube che volete vedere cliccando sul fatidico tasto “iscriviti”. È altra roba. Roba che stanno guardando in tanti (trending) ma che probabilmente a voi farà cagare. Video che puntano sul clickbaiting nel titolo e nella thumbnail in modo da fare molte view e sfruttare al massimo questo meccanismo. Merda.

Moltissimi youtuber si lamentano da mesi di questa situazione e riscontrano un calo molto vistoso delle view dei loro video.

Ora. Felix / PewDiePie può stare simpatico o antipatico. Poco importa. Ma sta dicendo cose molto giuste che coinvolgono lui in prima persona, ma anche i piccoli creatori di contenuto.

Perché cancella il suo canale? Perché sarà un’azione straordinaria, che avrà una visibilità straordinaria.

 

https://twitter.com/pewdiepie/status/804807437320654848

 

Creerà un nuovo canale ovviamente, dove farà probabilmente milioni di nuovi iscritti in poco tempo. Buon per lui.

Ma al tempo stesso darà un segnale forte e, si spera, diffonderà la coscienza di un problema sulla piattaforma che ora è in gran parte taciuto.

Speriamo che chi darà copertura alla sua azione non si limiti a dire che “Lo youtuber più grande del pianeta ha cancellato il suo canale”, ma che spieghi anche il perché.

E voi li fuori, hater senza rispetto e ignoranti, magari ora ne sapete un po’ di più e potete smettere di scrivere sciocchezze e magari informare anche gli altri sul perché tutto questo sta succedendo.

Intanto aspettiamo e vediamo cosa succederà oggi alle 5.

 

Update

Aaaaand da bravo capo troll supremo Felix ha appena pubblicato un video in cui dice che… era tutto uno scherzo. Ma cancellerà il suo canale quando arriva a 100 milioni di abbonati.

LOL

 

 

 

Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
WandaVision, la spiegazione del finale
WandaVision, la spiegazione del finale
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, dalle parole di registi, sceneggiatori e producer
Raya e l'Ultimo Drago, dalle parole di registi, sceneggiatori e producer