Netgear Nighthawk R7100LG LTE

5 anni fa

10 minuti

netgear-1

Un buon router con modem LTE ha due utilizzi principali: offrire una connessione mobile di backup in caso quella principale non funzioni, oppure puntare tutto sulla connessione LTE magari sfruttando le nuove offerte flat che sono da po’ disponibili anche in Italia.

Il primo uso è interessante, ma davvero utile solo a chi deve avere una connessione ad internet assicurata, solitamente in campo professionale. Ha ben poco senso per un privato investire in un router così costoso e in un contratto mobile dedicato solo per avere una connessione di backup.

Il secondo uso è invece quello più interessante per quanto mi riguarda e anche quello che ne faccio io a casa mia:

Non ho infatti una connessione ADSL nel mio appartamento, ma tutta la connettività casalinga è affidata ad un abbonamento flat 4G.

Ci sono da diversi anni ormai operatori che offrono questo tipo di abbonamenti anche in Italia: oltre ai grandi operatori (TIM, Vodafone, Wind, etc) ci sono almeno 3/4 MVNO che si appoggiano alle reti di questi per rivendere connettività illimitata 3G/4G a prezzi più che competitivi. Personalmente ho a casa un abbonamento da 20€ al mese con Alternatyva Mobile che si appoggia alle reti Wind e mi offre una connettività illimitata 4G.

I vantaggi sono evidenti:

  • Portabilità: posso in qualunque momento mettere la SIM dell’operatore in un router portatile e avere una connessione 4G illimitata ovunque in Italia.
  • Costi: con 20/25€ al mese ho tutto incluso, nessuna inutile linea telefonica da pagare, nessun contratto legato al domicilio, si paga solo la connessione mobile.

Così come lo sono gli svantaggi:

  • Ping: le connessioni mobili hanno un ping più alto rispetto a quelle fisse, non ideale per giocare online a giochi come sparatutto o similari.
  • Velocità: le connessioni mobili 4G sono molto veloci, ma non quanto può esserlo un’ottima ADSL o una connessione in fibra ovviamente
  • Instabilità: il tempo atmosferico o il carico sulla cella a cui vi poggiate può influire anche pesantemente sulle prestazioni della connessione.

Sta a voi cercare il miglior operatore (in base a come prende la rete su cui si appoggia nella vostra zona e ai costi ovviamente) ma nel mio caso mi ritengo abbastanza soddisfatto: ho una connessione mobile da 10/20Mbs che funziona abbastanza bene e che posso portarmi in giro alla bisogna.

Il problema, fino a poco tempo fa, era la stabilità della connessione: ho cambiato ben tre router / modem LTE prima di passare a questo Netgear e tutti mi hanno sempre dato problemi. Parliamo di router/modem molto costosi, non di aggeggi da 49€, intendiamoci: questa particolare categoria di router/modem è solitamente prezzata molto premium, proprio perché sono le aziende di solito a servirsene e non i privati.

Ho speso diverse centinaia di euro in modem LTE fissi e portatili, ma tutti avevano svariati problemi di stabilità della connessione o di gestione dei dispositivi collegati.

A casa ho molta roba collegata al router sia via cavo che via WiFi: una Smart TV, una streaming box, due o tre PC e Mac, una PS4, un sistema Philips Hue, un paio di smartphone, un paio di tablet…

 

 

netgear-3

 

 

Gestire tutta questa roba e al tempo stesso offrire una banda decente al tutto partendo da una seppur veloce connessione 4G si è dimostrata una impresa impossibile per i router che ho avuto prima di questo Netgear.

Ma ora è cambiato tutto.

La linea Nighthawk si dimostra ancora una volta al top del mercato e anche in questo particolare segmento non smentisce la sua fama. Non solo tutte le funzionalità di routing sono presenti e funzionano benone come abbiamo già visto nel modello D7800 che ho da poco recensito, ma anche la connessione LTE è stabile e perfettamente ripartita tra i diversi device collegati grazie al fantastico sistema di QoS (“Quality of Service”)

In pratica il router decide autonomamente a quali device dare precedenza quando più di uno richiede l’uso della connessione.

In pratica il router decide autonomamente a quali device dare precedenza quando più di uno richiede l’uso della connessione. Sarete sempre in grado di dare voi una precedenza di massima ad ogni dispositivo (media, alta, altissima, etc) per esempio stabilendo che la Smart TV su cui gira Netflix deve avere la massima precedenza sul resto e gli smartphone che invece in background scarica aggiornamenti alle app via Wi-Fi venga limitato con una precedenza minima.

 

screen-shot-2016-11-20-at-18-43-54

È possibile impostare una precedenza ad ogni device collegato e vedere in tempo reale quanta banda sta consumando.

 

Non ci rendiamo conto di quanto “ciuccino” i vari smartphone e tablet che sono costantemente collegati via Wi-Fi alla rete casalinga.

Questo semplice sistema è l’uovo di Colombo: il problema più grosso delle reti casalinghe è proprio la cattiva gestione della ripartizione della connessione internet tra i diversi device collegati.

Ad esempio non ci rendiamo conto di quanto “ciuccino” i vari smartphone e tablet che sono costantemente collegati via Wi-Fi alla rete: magari stanno scaricando giga e giga di aggiornamenti, oppure occupando tutta la banda in upload caricando le ultime foto che avete fatto… e intanto voi smadonnate chiedendovi perché Netflix non funziona o perché non riuscite a navigare decentemente.

Il poter vedere in tempo reale chi sta occupando banda e il poter affidarsi ad un sistema intelligente che ripartisce tutta la banda disponibile tra i tanti dispositivi collegati è semplicemente fondamentale per chi come me ha molte cose collegate… ma chi ormai non ha in casa almeno una smart TV, una console, uno o più smartphone, un tablet, un PC?

Ancora una volta mi tocca scriverlo: ai nostri tempi affidarsi ad un router scadente è davvero la scelta peggiore che possiate fare,

è oggi davvero fondamentale avere un buon router che sappia gestire efficacemente la connessione casalinga.

 

 

 

netgear-4

 

 

Caratteristiche Tecniche

Codice del prodotto R7100LG LTE
Tecnologia WiFi Dual band Gigabit 802.11ac
Modem LTE 4G Category 6
Prestazioni WiFi AC1900 (300 + 1600 Mbps)
Banda WiFi Dual Band Simultaneo 2.4 e 5 GHz
Numero di porte Ethernet Cinque porte Gigabit Ethernet da 10/100/1000 Mbps (1 WAN e 4 LAN)
Numero porte ADSL 1 porta DSL, supportaADSL/ADSL/ADSL2+ and VDSL/VDSL2
Numero porte USB Due porte USB: una porta USB 3.0 e una porta USB 2.0
Processore Dual core a 1 GHz
Memoria 128 MB di memoria Flash e 256 MB di RAM
Caratteristiche Dimensioni: 12,05 x 10,3 x 8″
Peso: 2,48 lb
Contenuto della confezione
  • Modem Router Nighthawk AC1900 4G LTE (R7100LG)
  • Tre antenne rimovibili
  • Una 1,5 metri (5 ft). Cavi Ethernet
  • Guida all’installazione rapida
  • Alimentatore
Standard router
  • Due porte USB: una porta USB 3.0 e una porta USB 2.0
  • IEEE® 802.11 b/g/n 2,4 GHz + supporto 256 QAM
  • IEEE® 802.11 a/n/ac da 5,0 GHz
  • Cinque porte Gigabit Ethernet da 10/100/1000 Mbps (1 WAN e 4 LAN)

 

p1010581

Sul retro del router vediamo da sinistra: il tasto per spegnere i led sul fronte (molto comodo!) l’alloggiamento per la Micro SIM, il tasto per il reset hardware, quattro porte ethernet LAN, una porta ethernet WAN, una porta USB 2, il tasto di accensione e la porta di alimentazione.

 

Sul retro è presente un comodissimo tasto che permette di spegnere i LED di servizio nel caso diano fastidio. Esattamente come abbiamo già visto nell’altro router Netgear Nighthawk che ho da poco recensito.

 

 

 

Caratteristiche principali

  • AC1900 (600 Mbps a 2,4 GHz con supporto 256 QAM +1300 Mbps a 5 GHz 11ac)
  • WiFi dual band simultaneo: Tx/Rx 3×3 (2,4 GHz) + 3×3 (5 GHz)
  • Processore dual core super potente da 1 GHz
  • Amplificatori ad alta potenza: tre antenne esterne
  • LTE Category 6 (download a 300 Mbps, upload a 50 Mbps), carrier aggregation 2-band (fino a 40 MHz)
  • Slot Micro SIM 3FF
  • LTE B1 (2100 MHz), B3 (1800 MHz), B7 (2600 MHz), B8 (900 MHz), B20 (800 MHz), B38 (2600 MHz), B40 (2300 MHz)
    3G B1 (2100 MHz), B8 (900 MHz)
  • Memoria: 128 MB di memoria Flash e 256 MB di RAM
  • QoS downstream e upstream: riconosce e assegna automaticamente la priorità alle applicazioni
  • ReadySHARE USB: condividi una stampante e un disco rigido USB
  • ReadyCLOUD USB Access: un accesso cloud protetto e personale allo storage USB, ovunque e in qualsiasi momento
  • Supporto IPv6 (Internet Protocol version 6)
  • Opzione di accensione/spegnimento LED
  • URL gratuito personalizzato per la configurazione del proprio server FTP
  • Supporto VPN: accesso remoto protetto. Ora anche su dispositivi mobili.
  • Accesso alla rete guest: separato e protetto
  • WiFi Protected Access (WPA/WPA2—PSK)
  • Doppia protezione firewall (firewall NAT e SPI)

 

 

netgear-10

Sul fronte trovano posto tutti i LED di servizio principali e due tasti all’estrema destra, uno dedicato al WPS e uno che consente di disabilitare la rete WiFi con un comodo tasto hardware.

 

 

Oltre al QoS questo router Nighthawk ripresenta tutte le altre funzionalità molto comode.

Oltre al QoS che vi ho appena descritto questo router Nighthawk ripresenta tutte le altre funzionalità molto comode che abbiamo già visto nelle passate recensioni: dalla possibilità di diventare un comodo NAS (ReadySHARE) collegando alle porte USB un hard disk o una chiavetta, vedendo poi i file nella rete locale o in remoto tramite un servizio gratuito (ReadyCLOUD)… o la possibilità di collegare sempre alle porte USB una stampante per condividerla su tutti i dispositivi collegati alla rete, anche wireless. Funzionalità comode e facili da utilizzare anche per chi non è un gran smanettone.

Trovo scomoda la porta USB 3 sul fronte e avrei preferito che fosse stata inserita sul retro insieme all’altra o, al limite, sul fianco come nel modello D7800. Alla fine una porta frontale è comoda unicamente per collegare al volo una chiavetta, ma se volete invece collegare stabilmente un hard disk quel cavo che spunta dal davanti è scomodo e brutto da vedere.

Le antenne presenti offrono un’ottima connessione LTE e WiFi anche se, come nel mio caso, “nasconderete” il router tra mille altri device in casa. Un problema che avevo con i router LTE precedenti era la ricezione del segnale 4G: problema scomparso con questo nuovo router e il merito è sicuramente in gran parte di queste nuove antenne.

È possibile volendo anche svitare ogni antenna e utilizzare al suo posto una più potente antenna esterna nel caso si abbiano esigenze particolari di ricezione.

 

 

Il router tenterà la prima volta di autoconfigurarsi individuando la connessione mobile presente autonomamente.

Il router tenterà la prima volta di auto configurarsi individuando la connessione mobile presente autonomamente.

 

 

Dove invece Netgear potrebbe fare molto meglio è il design del proprio software.

Dove invece Netgear potrebbe fare molto meglio è il design del proprio software. Le funzionalità ci sono tutte, non fraintendetemi, ma è proprio l’estetica e in generale l’esperienza utente ad essere molto scadente.

Bello che ci sia ad esempio un’app dedicata per iOS e Android per la gestione del router che replica buona parte delle funzionalità presenti nell’usuale admin via web… ma orribile è la sua realizzazione. E anche l’interfaccia via web è di un “vecchio” non più accettabile nel 2016.

Insomma, cara Netgear, hai tutto al top, hardware perfetto, funzionalità stupende, ma diamine assumi un designer degno di questo nome e ridisegna le tue app e admin in maniera più esteticamente gradevole e, soprattutto, più user friendly.

La UI e UX sono ormai fondamentali nell’epoca della popolarizzazione dell’informatica.

 

 

netgear-7

Finito il pippone sulla UI/UX non posso che comunque promuovere a (quasi) pieni voti questo splendido router / modem LTE: certo, è molto costoso, ma è comunque in linea con questa particolarissima fascia di mercato e, soprattutto, funziona molto meglio rispetto alla concorrenza che ho avuto modo di testare in passato. Non mi pare poco.

Guardatevi il mio unboxing qui sotto per vedere meglio come è fatto questo router e cosa contiene la confezione.

 

 

80
ME GUSTA
FAIL
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
Eddie Murphy: i 10 migliori film con il popolare attore comico
WandaVision, la spiegazione del finale
WandaVision, la spiegazione del finale
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
Il Principe cerca Figlio, la recensione: Eddie Murphy come Black Panther
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
WandaVision, la recensione dell’episodio finale: Wanda (e Visione) all along
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Fino All’Ultimo Indizio, la recensione: quando l'indagine diventa ossessione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, la recensione
Raya e l'Ultimo Drago, dalle parole di registi, sceneggiatori e producer
Raya e l'Ultimo Drago, dalle parole di registi, sceneggiatori e producer