C’era una volta…prima di Mazinga e Goldrake

5 anni fa

4 minuti

robot

C’era una volta… prima di Mazinga e Goldrake. Storia dei robot giapponesi dalle origini agli anni Settanta. Questo il titolo del nuovo libro di Massimo Nicora.

Una interessantissima retrospettiva che analizza un fenomeno culturale che ha visto il suo apice negli anni ’70 ma che ancora oggi non intende arrestarsi. Un vero e proprio tsunami originato in Giappone che ha però coinvolto nel corso degli anni anche tutto l’occidente, in particolar modo il nostro paese. Questo libro (edito Youcanprint Edizioni) vi appassionerà in 186 pagine di storia del mondo dei Robot, con interessantissime curiosità anche sugli attori meno noti di questo fenomeno così massificato.

L’autore è Massimo Nicora, classe 1972, laureato in filosofia teoretica presso l’Università Cattolica di Milano, si occupa di comunicazione e relazioni con la stampa per conto di diverse importanti aziende con focus specifico su settori di forte interesse per un pubblico giovanile quali i videogames, l’home video, e l’animazione.

Giornalista pubblicista, ha collaborato con diverse testate scrivendo di videogiochi e tematiche legate  all’animazione giapponese degli anni Settanta e Ottanta.

Appassionato di Gō Nagai e in particolare di Goldrake, si è anche occupato, per conto del produttore giapponese d/visual, del lancio e della promozione dei dvd ufficiali in Italia.

Di seguito vi riportiamo il comunicato ufficiale con le informazioni dettagliate sul libro e il sommario, oltre ovviamente ai link con i quali reperirlo fin da ora!

 

copertina

 

Un viaggio nella storia e nella cultura popolare giapponese che parte dai karakuri, gli ingegnosi automi creati dagli artigiani in epoca Tokugawa (1603-1868) e che arriva agli anni Settanta analizzando la ricca e caleidoscopica produzione giapponese di manga e anime a tema robotico che ha preceduto l’avvento dei più celebri Mazinga e Goldrake.

Il Giappone è stato, spesso e volentieri, definito come il “Regno dei Robot” e, nell’immaginario collettivo, il paese del Sol Levante è ormai diventato sinonimo di elettronica e tecnologia.

Certamente alla creazione di quest’immagine hanno contribuito i notevoli passi avanti compiuti in campo industriale a partire dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, ma è altrettanto vero che il concetto stesso di robot sembra essere quasi consustanziale alla cultura giapponese in quanto tale, affondando le sue radici nel passato stesso del paese.

Se tra le luci sfavillanti di Akihabara, il quartiere di Tōkyō noto per essere un vero e proprio supermercato dell’elettronica, è possibile non solo trovare qualsiasi tipo di gadget ultra tecnologico, tra cui anche robot giocattolo realizzati con grande cura dei dettagli, è altrettanto vero che bastano pochi passi per imbattersi in antichi templi, retaggio di un passato glorioso che convive, in maniera più o meno armonica, con la modernità e i suoi nuovi riti.

Una dicotomia questa che si ritrova, non a caso, anche nei fumetti e nei disegni animati dove gli elementi della storia e della tradizione si sposano, in maniera quasi sempre del tutto naturale, con la modernità e il futuro immaginato dalla fervida mente degli autori di manga e anime.

Se questo vale in generale, vale ancora di più in particolare per i fumetti e i disegni animati aventi come protagonisti dei robot che risultano essere un vero e proprio compendio tra passato, presente e futuro, avveniristici giganti di acciaio che tradiscono, in maniera evidente, il retaggio di una cultura più antica e pregna di simboli, con richiami neppure troppo velati alla tradizione marziale:

Raccontare la storia dei robot giapponesi significa intraprendere un lungo viaggio tra realtà e fantasia che, dai primi automi creati da abili artigiani in epoca Tokugawa (1603-1868), arriva alla più moderna produzione di manga, anime e serie tv, in un florilegio di idee e protagonisti che hanno segnato un’epoca e l’immaginario fantastico di più di una generazione.

Da Tetsuwan Atom a Tetsujin 28, da Eight Man ai Cyborg 009, da Astroganga a Doraemon, la fantasia degli autori giapponesi ha dato vita a una lunga serie di personaggi che hanno accompagnato tutta la storia del Giappone moderno gettando le basi per una produzione che, a partire dagli anni Settanta, ha subito un incremento esponenziale con la creazione di numerose serie che hanno trovato nel mercato europeo il loro Eldorado.

Prima dei più noti Mazinga, Goldrake e Jeeg, dunque, ci sono molti altri robot, spesso famosi e talvolta sconosciuti, che hanno conquistato il grande pubblico. Questa è la loro storia.

 

 

 

Gigi la Trottola: l'anime è disponibile su Amazon Prime Video
Gigi la Trottola: l'anime è disponibile su Amazon Prime Video
Il Trono del Re: speciale viaggio in Giappone (pt.1)
Il Trono del Re: speciale viaggio in Giappone (pt.1)
Disney annuncia le prime date d'uscita di Disney+
Disney annuncia le prime date d'uscita di Disney+
Ultraman
Ultraman
Gundam, Brian K. Vaughan scriverà la sceneggiatura del live action
Gundam, Brian K. Vaughan scriverà la sceneggiatura del live action
Il parco a tema dello Studio Ghibli aprirà nel 2022: ecco i primi concept art
Il parco a tema dello Studio Ghibli aprirà nel 2022: ecco i primi concept art
RG RX-0 Unicorn Gundam (con Rivestimento color oro) - Gundam Base Tokyo Limited
RG RX-0 Unicorn Gundam (con Rivestimento color oro) - Gundam Base Tokyo Limited