500 milioni di download per Pokémon GO

5 anni fa

Pokémon GO

Quale palco migliore se non quello dello Special Event Apple per dare il lieto annuncio dei 500 milioni di download per Pokémon GO?

Sicuramente il fenomeno Pokémon GO è stato determinante nelle scelte per il futuro che la stessa Nintendo intraprenderà d’ora in avanti. Probabilmente Super Mario Run è solo l’inizio di una trasformazione epocale, trasformazione che al momento vede il suo apice proprio in quell’incredibile fenomeno che è Pokémon GO.

Il gioco di Niantic e The Pokémon Company ha raggiunto quota 500 milioni di download, e lo sviluppatore ci tiene a ribadirlo con un comunicato stampa che vi riportiamo di seguito:

The Pokémon Company e Niantic, Inc. hanno annunciato oggi che dal suo lancio in luglio Pokémon GO, il gioco per dispositivi mobili che invita i giocatori a uscire ed esplorare il mondo intorno a sé per cercare e catturare Pokémon, è stato scaricato più di 500 milioni di volte da giocatori di tutto il mondo. Pokémon GO, che è anche il gioco più scaricato sull’App Store nella prima settimana di lancio, si basa sull’iconico marchio Pokémon ed è stato pubblicato e sviluppato da Niantic, Inc.

Il marchio Pokémon è alla guida dell’industria dei giochi e alla ribalta nelle tecnologie emergenti fin dal lancio del primo gioco in Giappone 20 anni fa, diventando presto un fenomeno globale ed entrando a far parte della cultura popolare. Icone del marchio, come Pikachu, sono amate e riconosciute da generazioni di fan di tutto il mondo e le vendite al dettaglio superano i due miliardi di dollari annui tra videogiochi, Gioco di Carte Collezionabili Pokémon, cartoni animati, licenze e altro ancora.

Il successo fenomenale di Pokémon GO in occasione dei festeggiamenti per i 20 anni di Pokémon è un incredibile segno di quanto i Pokémon siano amati in tutto il mondo”, ha dichiarato Tsunekazu Ishihara, presidente e amministratore delegato di The Pokémon Company. “Il team di Niantic ha creato un’esperienza veramente unica che salda la sua competenza nelle tecnologie innovative di localizzazione alle classiche dinamiche di gioco e agli amati personaggi Pokémon. Il connubio del giusto marchio con la giusta tecnologia si è rivelato ideale e ha trovato il favore di milioni di fan vecchi e nuovi nel mondo”.

Oggi all’evento Apple a San Francisco, Niantic ha svelato alcuni dettagli in anteprima circa Pokémon GO per l’Apple Watch. I fan attenderanno con impazienza il lancio di Pokémon GO per l’Apple Watch previsto più avanti nel corso dell’anno.

“Il marchio Pokémon amato globalmente, unito alla piattaforma e al design di gioco di Niantic che incoraggia l’esplorazione, il movimento e le interazioni sociali nel mondo reale, ha portato milioni di persone di qualsiasi età ad uscire tutti insieme,” ha detto John Hanke, amministratore delegato di Niantic, Inc. “Siamo entusiasti della divulgazione velocissima del gioco e siamo contenti di vedere così tante persone camminare e giocare ogni giorno. Pokémon GO per l’Apple Watch sarà un altro modo per le persone di incorporare il gioco nella vita di tutti i giorni ancora più facilmente”.

Epic Vs Apple: la causa verte sulla pornografia e su una banana nuda
Epic Vs Apple: la causa verte sulla pornografia e su una banana nuda
Pokémon Go, ormai le pubblicità sono ovunque
Pokémon Go, ormai le pubblicità sono ovunque
Nintendo e Fujifilm collaborano: la Instax Mini Link ora stampa direttamente dalla Switch
Nintendo e Fujifilm collaborano: la Instax Mini Link ora stampa direttamente dalla Switch
Xbox Cloud Gaming anche su iOS e Windows 10, parte la beta
Xbox Cloud Gaming anche su iOS e Windows 10, parte la beta
Epic Vs Apple: in Australia si è fermato tutto, in attesa dei giudici USA
Epic Vs Apple: in Australia si è fermato tutto, in attesa dei giudici USA
Animal Crossing: New Horizons è il gioco Nintendo che ha venduto più velocemente in Europa
Animal Crossing: New Horizons è il gioco Nintendo che ha venduto più velocemente in Europa
Niente da fare, Valve dovrà far leggere i propri dati ad Apple
Niente da fare, Valve dovrà far leggere i propri dati ad Apple