Apple Earnings Call: un riassunto #LegaNerd
di
itomi itomi
3

liveblog-20140422_timcook_0006-final

Sembrava dovesse essere una noiosissima earning call di passaggio e invece qualche novità è trapelata e i numeri sono ancora da record per Apple.

In primis sappiamo che Apple è ricca sfondata: ha oltre 150 miliardi di dollari in cassa. A chi gli chiede di spenderli Tim Cook continua a rispondere che lo sta già facendo, in ricerca e sviluppo, marketing e nuovi mercati. Fatto sta che il “war chest” di Apple diventa sempre più grande e il motivo è presto spiegato:

appletrailing12

We are not going to underinvest in this business.

Semplicemente il nostro deposito di Zio Paperone continua a riempirsi di soldi più velocemente di quanto umanamente sia possibile spenderli.

Apple ha poi pensato bene di tenersi buoni gli azionisti con varie azioni di “foraggio” che hanno portato le azioni a crescere di oltre il 7% a fine giornata.

 

Il nuovo CFO di Apple è italiano.

Il nuovo CFO di Apple è italiano: si chiama Luca Maestri, ha lavorato in tutto il mondo, viene da Xerox ed è in Apple dall’anno scorso. A quanto pare si è fatto amare da tutti ed è molto simpatico. La stampa lo adora. Ci fa piacere. Bravo Luca.

Proprio Maestri ci ha ricordato il successo straordinario di iPad negli ultimi anni, davvero impressionante:

  • 2/3 degli acquirenti di iPad nell’ultimo quarto erano al loro primo iPad
  • Il traffico web generato su iPad è quattro volte quello di tutti i tablet Android combinati tra loro.
  • In quattro anni Apple ha venduto 210 milioni di iPad.
  • iPad è l’unico prodotto di Apple ad essere diventato una hit nei tre mercati di riferimento: consumer, business e education.
  • Nel mercato business il 91% dei tablet attivati sono iPad e il 98% delle aziende del Fortune 500 usa iPad e la maggior parte ha sviluppato applicazioni dedicate.
L’iPod è destinato a morire

L’iPod è destinato a morire quest’anno o al massimo il prossimo: le vendite son in calo verticale, così come quelle della musica su iTunes. Il mercato è sempre più rivolto ai nuovi servizi di streaming come Spotify, Pandora and iTunes Radio.

L’iPod verrà probabilmente sostituito nella line-up di Apple da iWatch a fine anno.

La Apple TV è passata da “hobby” a prodotto su cui puntare nel 2014: nel 2013 ha venduto per oltre un miliardo di dollari e quest’anno arriveranno sicuramente grandi novità. Tim non sembra per niente spaventato da Amazon Fire TV e concorrenza varia e immagino che se giocheranno le loro (ottime) carte potranno prendersi il mercato facilmente.

 

There’s a number of markets out there where we’re beginning to really catch on to a number of customers […] I am particularly proud of the results in these markets. These have not been historic strong points for Apple.

Cook si riferisce all’espansione di Apple in Cina, dove è cresciuta di oltre il 13% nell’ultimo anno, con un fatturato di oltre 9.8 miliardi di dollari. I margini di crescita sono ancora enormi:

I feel like there’s still loads of opportunity there.

Direi.

Tim ha trovato anche il tempo di commentare il rilascio di Office per iPad:

If it had been done earlier it would have been even better for Microsoft, frankly.

Come dargli torto.

 

Tim Cook ha poi dovuto rassicurare tutti che Apple è ancora concentrata sull’innovazione: non ne abbiamo prove concrete da anni, ma vogliamo ancora crederci. Sapete la mia opinione in proposito:

Cook deve tornare a fare i conti con la calcolatrice nel retro bottega e lasciare a qualcuno più coraggioso e visionario la responsabilità del green lighting dei progetti.

In conclusione Apple è in super forma nonostante il sempre maggiore numero di hater online ci faccia credere il contrario. Il suo enorme successo gli ha portato tanto odio, ma non lasciamoci condizionare da quattro ignoranti quando valutiamo un’azienda.

La cosa incredibile è che i margini di crescita sono ancora impressionanti e i mercati da aggredire ancora numerosi. Ci vuole “solo”, lo ripeto, più coraggio e più velocità di esecuzione. Gli allori seccano se non li si cambia mai.

itomi

Antonio Moro a.k.a. itomi

Fondatore e capo redattore di Lega Nerd. Scrivo editoriali e recensioni su tecnologia, innovazione e pop culture. Mi occupo di UI/UX e direzione creativa, soprattutto su progetti web e gaming. Faccio cose e conosco gente su internet dal 1996. Più info su antoniomoro.com e itomicreative.com
Aree Tematiche
iPhone / iPad Lavoro Mac / OS X Mobile Tecnologie
Tag
giovedì 24 aprile 2014 - 11:35
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd