Spotify Vs. Google Play Music All Access: La guerra dello streaming #LegaNerd
di
Dukko
3

Spotify vs Google Play Music All Access

Google Play Music All Access (GPMAA d’ora in poi) è appena uscito in Italia. Come si comporta in confronto al suo rivale Spotify?

Senza indugi, cominciamo! Nota: uso come paragone le versioni Premium di entrambi i servizi

 

 

Il Catalogo

Cominciamo subito con l’unica cosa che veramente conta in un servizio di streaming musicale: il catalogo brani.

GPMAA vanta 18+ milioni di canzoni, mentre Spotify addirittura 20 milioni!

Sì, sì, belle parole, ma all’atto pratico? Per testare i due servizi ho usato tre canzoni: Yellow Submarine dei Beatles, Immigrant Song dei Led Zeppelin e la mia “test-song”, una roba oscura e introvabile, Rymdhest dei Boss Fight.

Per i Beatles nulla da fare: né Google né Spotify hanno la licenza per le Blatte.
GPMAA : FAIL
Spotify: FAIL

Beatles GPMAA

Niente Beatles per GPMAA.

 

Immigrant Song invece compare in alta qualità su GPMAA, mentre un vuoto pneumatico è il risultato della ricerca su Spotify.
GPMAA: WIN
Spotify: FAIL

LED ZEPAGAIN

Led Zepagain? No thank you.

 

 

Sorpresa Spotify, che trova i Bossfight. GPMAA fallisce, stavolta.

GPMAA: FAIL
Spotify: WIN

Bossfight Spotify

Eccoli!

 

 

Al di là di questi tre test, l’impressione è che quei 2 milioni in più di Spotify funzionano bene per trovare roba un po’ strana o introvabile, mentre Google s’è concentrata sui grossi nomi (avere i Led Zeppelin non è roba da poco).

Comunque la roba famosa si trova tutta in entrambi.

Ed è tutto in alta qualità per entrambi.

WIN per entrambi.

 

 

Applicazioni

E qua casca l’asino Google.

GPMAA infatti non offre alcuna app iOS o desktop (PC/Mac). Questa è una mancanza gravissima secondo me. No, il player web non è una soluzione viabile: niente supporto ai tasti media della tastiera, nessuna possibilità di tenere offline i propri pezzi, consuma troppa RAM.

Molto bella l’app Android, ma non so voi, io ascolto musica anche da PC.

Spotify invece vince a mani basse, con supporto a iOS, Android, player browser mobile e desktop, nonché app per Windows e OSX.

L’app Windows è discutibile (sembra un porting dell’app OSX, meh), però funziona bene, consuma poca RAM e permette tutte le funzioni di Spotify (radio, download, ecc).

2013-08-08 14_30_33-

Qua il WIN è per Spotify.

 

 

Radio

Entrambi i servizi offrono un’opzione radio, cioè scegli una canzone/artista/album/playlist e ti propinano roba simile.

La qualità della radio di entrambi i servizi è ottima, a parte qualche incertezza iniziale (facilmente correggibile con i comodi tasti pollice su/giù).

Anche qua WIN per tutte e due.

 

 

Pricing (ovvero i $$$)

Spotify furbescamente offre una versione gratis

Spotify furbescamente offre una versione gratis, zeppa di pubblicità e senza app mobile, ma che all’Italiano medio piace tantissimo (NUN SE PAGA!!1!1!).

GPMAA non è così furbo e non ha offerte free per lo streaming (puoi caricare comunque 20k canzoni sui loro server, ma non è streaming, dai).

Google Play Music All Access

Anche per i servizi a pagamento Spotify vince, perché offre 2 diversi livelli: a 4.99€/mese ottieni la rimozione della pubblicità e lo streaming high quality, a 9.99€/mese invece oltre a questo anche le app mobile e il download della musica (non mp3, eh, solo per ascoltare offline).

GPMAA invece offre solo 9.99€/mese (7.99€/mese se ti registri entro Settembre) per lo streaming e download offline. I due livelli da 10€ si somigliano, quindi, ma Spotify offre più opzioni.

Entrambi offrono una prova gratis per un mese.

WIN per Spotify, più scelta è sempre meglio.

 

 

 

Social

Google offre solo lo sharing delle singole canzoni su Plusla terra dei morti il social network di Google, e nessuna opzione per seguire gli amici.

Anche qua Spotify s’è fatta saggia e ha deciso di fare una partnership molto forte con Facebook: puoi condividere tutta la musica che ascolti, seguire i tuoi amici su Facebook e spiare scoprire cosa sentono e altre cazzatine che però aiutano nella condivisione della propria passione musicale. Si può condividere anche su Twitter e Tumblr, oltretutto.

GPMAA invece con la solita miopia Google offre solo lo sharing delle singole canzoni su Plus, la terra dei morti il social network di Google, e nessuna opzione per seguire gli amici.

WIN per Spotify, opinabile ma WIN.

 

 

Conclusione

Il sottoscritto non passerà a GPMAA, vuoi per il nome orribile, vuoi per il catalogo incompleto (per i miei gusti osceni), vuoi per l’assenza di un client desktop.

Sono due servizi molto buoni, ma mi sento di consigliare Spotify al momento.

Dukko

Ma stai zitto.
Aree Tematiche
Entertainment Internet Musica Recensioni
Tag
giovedì 8 agosto 2013 - 15:54
Edit

Lega Nerd Podcast

Lega Nerd Live

LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd