Iniziato il 15° Genova Film Festival

9 anni fa

8 minuti


Inizia stasera la 15esima edizione del Genova Film Festival, uno dei festival indipendenti con quel nonsochè di cineclub, di cineforum… di corazzata Potemkin per capirci.

Ma il cinefile viene fuori in questi frangenti, quando il gioco si fa duro.

Ci sono film, concorso di cortometraggi e documentari, rassegne, retrospettive, workshop sulla teoria del Cinema, l’inevitabile approfondimento sul G8, gli altrettanto inevitabili incontri col Regista e presentazioni di libri… ce n’è per tutti i gusti e ci sono diverse cosette interessanti.

Sotto il programma:

[more]

Lunedi 2 Luglio


ore 21:00 Inaugurazione

Medianeras
di Gustavo Taretto (2011, 95’)
v.o. in spagnolo con sottotitoli in italiano
Martin è un web designer che ha trovato in Internet il modo per uscire di casa il meno possibile. Mariana è una vetrinista con attacchi di claustrofobia che ha appena chiuso una lunga relazione. I due abitano nella stessa strada, in edifici uno di fronte all’altro e non si sono mai incontrati. Ma come possono incontrarsi in una caotica e sovraffollata città come Buenos Aires?

Al termine del film incontro con il produttore Lluis Miñarro
presentano Cristiano Palozzi e Antonella Sica direttori artistici del Festival

Martedì 3 Luglio

Ore 16:00
ABCinema: Lluis Miñarro
Come si produce un film indipendente
workshop con il produttore e regista spagnolo Lluis Miñarro
Per iscriversi: workshop@genovafilmfestival.org

Ore 21:00
Omaggio a Vittorio Gassman
presentazione del libro I filobus sono pieni di gente onesta. Il sorpasso 1962-2012 a cura di Oreste De Fornari (edizioni Falsopiano)
Incontro con Oreste De Fornari, Claudio G. Fava e Aldo Viganò
seguirà la proiezione di

Omaggio a Vittorio Gassman:
Il successo di Mauro Morassi (1963, 100’)
Il trentottenne e infelice intellettuale Giulio Cerioni, funzionario di una società immobiliare, ha una brava moglie ed un vero amico ma si ritiene un fallito poiché pensa che solo con il denaro si possa raggiungere la felicità. Convinto di fare un affare, compra un terreno sulla costa sarda impegnandosi a pagare dieci milioni nel giro di tre mesi. Non avendo il denaro per acquistarlo, Giulio si fa in quattro per avere dei prestiti da vecchie conoscenze, fino a perdere ogni dignità. Alla fine riuscirà nel suo intento ma nella grande villa costruita con i proventi della sua speculazione rimarrà solo, senza la moglie e l’amico.

Mercoledì 4 Luglio

Ore 17:30
Genova per noi
La Banda di piazza Caricamento di Alessandro Plaia (2012, 40’)
La proiezione sarà seguita da un concerto acustico della Banda di Piazza Caricamento.
In collaborazione con il Festival Musicale del Mediterraneo.

Ore 20:30
Ingrandimenti: Stefano Sollima

Incontro con il regista Stefano Sollima e il critico Oreste De Fornari
Seguirà la proiezione del film
ACAB – All Cops Are Bastards di Stefano Sollima (2012, 112’)
Negro, Mazinga e Cobra sono tre celerini, ossia tre agenti antisommossa, ma anche tre compagni che svolgono il loro lavoro dentro gli stadi, lungo le strade e intorno alle piazze, che ‘ripuliscono’ la domenica dagli ultras, le case dagli sfrattati, dai delinquenti e dalle prostitute. Provano a dimenticare il privato dolente nella cosa pubblica, picchiando duro chi minaccia l’ordine e la nazione. Compromessi dalla ‘spedizione genovese’ e perduta l’anima nella scuola Diaz, sei anni dopo cercano il riscatto nell’azione e nell’istruzione alla fratellanza di un giovane agente individualista e ribelle. Adriano, eccitato dal sangue e iniziato col lacrimogeno, seguirà gli anziani sul confine, decidendo, per sé e per la divisa che indossa, un domani meno celere.

Giovedì 5 Luglio

Ore 21:00
Oltre il Confine: documentari e cinema d’animazione tedesco con DOK Leipzig
Documentari: Wadans Welt di Dieter Schumann (Il mondo di Wadan, 2010, 100’)
v.o. in tedesco con sottotitoli in italiano
Un cantiere navale di Wismar, città della Germania orientale, subisce le conseguenze della grande crisi economica americana. 5.000 posti di lavoro si ritrovano improvvisamente in pericolo. Un abisso si apre tra lavoratori e dirigenti, un abisso fatto di diffidenza e rabbia.

Al termine del film seguirà un incontro con il regista Dieter Schumann

Venerdì 6 Luglio

Ore 17:40
Genova per noi
Black Block di Carlo A. Bachschmidt (2011, 77’)
Il regista è riuscito a rintracciare alcuni ragazzi stranieri che si trovavano dentro la scuola Diaz di Genova la notte del 21 luglio 2001. Lena Zuhlke e Niels Martensen e altri appartenenti al movimento raccontano la loro versione sui fatti accaduti durante il G8 genovese, descrivendo le violenze e i soprusi subiti prima alla Diaz e successivamente nella Caserma di Bolzaneto.

Al termine incontro con il regista Carlo A. Bachschmidt

Ore 21:00
Proposte
La vita facile di Lucio Pellegrini (2011, 102’)
Tre amici, tre visioni opposte del mondo, tre vite facili che si sono terribilmente complicate.Luca è un medico italiano che lavora in Kenya, insieme ad un’infermiera e qualche aiutante, in un piccolo ospedale umanitario. Mario è uno stimato chirurgo di una clinica privata romana che lo raggiunge con la scusa di volerlo rivedere dopo anni di distanza ma che in realtà mira solo ad allontanarsi opportunisticamente e brevemente dal luogo di lavoro. Quando, malgrado le diverse scelte di vita, Mario e Luca ritrovano le ragioni dell’amicizia che li aveva tanto legati in passato, si presenta in Africa anche Ginevra, la donna che entrambi hanno amato e che ha sposato Mario. Gli equilibri faticosamente raggiunti saltano e la vita si ripresta a svolte e imprevisti…

Al termine incontro con il regista Lucio Pellegrini e l’attrice Camilla Filippi

Sabato 7 Luglio

Ore 21:30
Premiazione concorsi
Durante il Genova Film Festival verranno proiettati i cortometraggi e i documentari finalisti del Concorso Nazionale per Cortometraggi e Documentari e di Obiettivo Liguria (vedi programma). Cuore della manifestazione e importante osservatorio sulle nuove tendenze del Cinema Italiano, alle selezioni del Concorso Nazionale per Cortometraggi e Documentari hanno partecipato più di 500 registi da tutta Italia. I film finalisti che partecipano a questa edizione sono 28: 19 fiction e 9 documentari.
Durante il Festival gli autori interverranno a presentare i loro film.
La giuria ufficiale del Concorso Nazionale Cortometraggi è composta dall’autore televisivo Filippo Casaccia, dall’attrice Camilla Filippi e dal regista Lucio Pellegrini.
La giuria ufficiale del Concorso Nazionale Documentari è composta dai registi Carlo A. Bachschmidt, Giovanni Covini e Massimo Lauria.
I cortometraggi e i documentari finalisti partecipano anche all’assegnazione del Premio della Critica, del Premio Daunbailò e del Premio del Pubblico, assegnato mediante votazione popolare

Dopo la premiazione verrà proposto in anteprima il film

The Summit di Franco Fracassi, Massimo Lauria (Italia, 2011, 90’, documentario)
The Summit getta luce, a dieci anni di distanza, su molte zone d’ombra del G8 di Genova, racconta quei due indimenticabili giorni, le speranze dei manifestanti, i meccanismi che hanno portato alla violenza indiscriminata da parte delle forze dell’ordine e di una parte dei manifestanti, gli interessi politici internazionali intorno a quel G8. The Summit è il frutto del lavoro di oltre cinquanta persone, di oltre cento intervistati, di oltre mille pagine di documenti raccolti, di oltre mille ore di registrazioni audio ascoltate, di oltre cento ore video visionate. Un viaggio attraverso le forze dell’ordine e la catena di comando, nazionale ed internazionale. Un viaggio che parte dal vertice dell’Organizzazione mondiale per il commercio a Seattle fino al G8 di Genova, passando per i summit di Nizza, Praga, Napoli e Goteborg. Un film in cui si intrecciano riprese dal vero e ricostruzioni attraverso disegni ed animazioni.

Dalle ore 24:00 festa del Genova Film Festival al Banano Tsunami, Piazza delle feste – Porto Antico

Domenica 3 Luglio

Ore 16:00
Luci ed Ombre – lighting workshop

workshop con il direttore della fotografia Luca Massa
Per iscriversi: workshop@genovafilmfestival.org

Ore 20:30
Genova per noi
Dark resurrection Volume 0 di Angelo Licata (2012, 40’)
Il Maestro Sorran, ossessionato dalla ricerca di un’antica civiltà che secondo la leggenda custodisce il segreto dell’immortalità, si imbatte dopo molti anni nel relitto della loro nave stellare più potente: La Resurrection.Sorran ignora i pericoli e ordina alla sua squadra di attraccare. Gli esploratori e Sorran stesso, affronteranno i misteri della Resurrection e il segreto dell’origine del lato oscuro.
Segue la proiezione di una selezione dei film premiati

Ore 21:00
presentazione del libro:
Manoel De Oliveira. Cinema, parola, politica di Francesco Saverio Nisio (Ed. Le Mani, 2010) Interviene Francangelo Scapolla, editore di Le Mani
seguirà la proiezione di

ABCinema: Lluis Miñarro
Singularidades de uma Rapariga Loura di Manoel De Oliveira (Singolarità di una ragazza bionda, 2009, 64′)
v.o. in portoghese con sottotitoli in italiano
Il giovane Macario, durante un viaggio in treno, racconta ad una sconosciuta la sua triste storia. Lavorava come contabile presso l’azienda di tessuti dello zio. Un giorno dalla finestra del suo ufficio nota una ragazza bionda con un ventaglio cinese in mano affacciata alla finestra del palazzo di fronte e se ne innamora. Dopo essersi incontrati i due decidono di sposarsi ma lo zio del ragazzo si oppone al matrimonio. Macario decide di abbandonare la vita agiata per cercare di sposare Luisa con le sue sole forze. Una grande delusione lo attende mentre sta per ufficializzare il suo sogno di amore…[/more]

Per chi viene da fuori occhio alla lista di hotel e locali convenzionati.
Genova Film Festival

After Wave, il documentario sul dopo-tsunami Giapponese
After Wave, il documentario sul dopo-tsunami Giapponese
Future Film Festival 2015
Future Film Festival 2015
Italia Unita per la Scienza
Italia Unita per la Scienza
Apps4Italy: un concorso per l'open data
Apps4Italy: un concorso per l'open data
Roma, la nuova Stazione Tiburtina
Roma, la nuova Stazione Tiburtina
Giochi Bethesda gratis a vita per Dovahkiin Tom Kellermeyer
Giochi Bethesda gratis a vita per Dovahkiin Tom Kellermeyer
Una scomoda verità
Una scomoda verità