Apple accusata di aver creato un cartello sugli e-book

9 anni fa

Il dipartimento di Giustizia USA ha messo sotto indagine Apple e cinque colossi dell’editoria (Simon & Shuster, Hachette Book Group, Penguin Group, Macmillan e HarperCollins Publishers) con l’accusa di collusione per aver creato un cartello teso a mantenere alti i prezzi degli e-book.

In pratica, a differenza di Amazon, che pubblica e-books a prezzi inferiori di 9.99$, spesso molto convenienti rispetto ai loro corrispettivi cartacei, i membri di questo trust sono giunti all’accordo che i quelli venduti da Apple vengano scontati del 30% e che la stessa percentuale sia lo sconto massimo consentito in libreria.

Le class action nel tribunale di New York stanno aumentando a dismisura ma è probabile, comunque, che si arrivi ad una soluzione patteggiando.

Notizia su: Il Corriere della Sera e Webnews.

Amazon non vuole che si ripeta l'incidente social delle bottigliette piene di urina
Amazon non vuole che si ripeta l'incidente social delle bottigliette piene di urina
Amazon: niente tasse per il 2020, anzi crediti d'imposta
Amazon: niente tasse per il 2020, anzi crediti d'imposta
Facebook: si sta formando una class action europea
Facebook: si sta formando una class action europea
Apple, 200 milioni per il rimboschimento
Apple, 200 milioni per il rimboschimento
Amazon chiede scusa per le recenti "imprecisioni" su Twitter
Amazon chiede scusa per le recenti "imprecisioni" su Twitter
Amazon sotto accusa per i prodotti venduti da terzi, si ritiene non responsabile
Amazon sotto accusa per i prodotti venduti da terzi, si ritiene non responsabile
Amazon: per combattere i sindacati cambia persino il timer ai semafori
Amazon: per combattere i sindacati cambia persino il timer ai semafori