Meco

11 anni fa


Yub nub, eee chop yub nub,
Toe meet toe pee chee keene, g’noop dock fling oh ah.
Yah wah, eee chop yah wah,
Toe meet toe pee chee keene, g’noop dock fling oh ah

Ewok Celebration – John Williams

Meco, oltre a rappresentare un’abbreviazione di un modo di dire tipicamente romano, è il nomignolo che la famiglia affibbiava a Domenico Monardo, oltre che il nome d’arte da lui usato nel mondo della musica.
Meco nasce il 29 Novembre 1939 a Johnsonburg, Pennsylvania con un’evidente radice italiana. Il padre gli trasmette la passione per il trombone, nonostante fosse più desideroso di suonare la batteria e, suonando a scuola e in un gruppo formato da emigrati italiani, vince una borsa di studio per la Eastman School of Music a Rochester, New York.

Le sue abilità sono notevoli e finisce per intraprendere una carriera da turnista dapprima nel jazz, poi nell’emergente disco-music che cominciava ad impadronirsi delle classifiche musicali, suonando e producendo artisti come Diana Ross e Gloria Gaynor, grazie anche alle grandi conoscenze musicali che avrà durante i suoi studi.

Il punto di svolta che però ci interessa di più, oltre che inizio del vero successo per Meco, arriva il 25 Maggio del 1977: il giorno in cui Star Wars fa capolino nei cinema di tutto il mondo.
Meco va al cinema e apprezza il film talmente tanto che il giorno dopo l’ha visto quattro volte. E ancora di più col passare dei giorni, fino all’idea definitiva: riarrangiare la colonna sonora del film di John Williams in versione disco.
All’inizio il produttore Neil Bogart, facente parte della Casablanca Records, non trovava l’idea allettante, ma il grande successo del film e della colonna sonora lo convinsero della bontà dell’intuizione.
Ecco quindi nel giro di pochi mesi Star Wars and Other Galactic Funk (la cui copertina apre questo articolo) che diventa un successone nella classifica americana Billboard e toccando la prima posizione con il singolo estratto Star Wars Theme/Cantina Band.

Da lì Meco ha riarrangiato decine di colonne sonore, ad esempio Incontri Ravvicinitati Del Terzo Tipo, Il Mago Di Oz e tante altre, più alcune composizioni su supereroi, classici della musica e chi più ne ha più ne metta.
Tutto questo fino al 1985, quando la disco-music cominciava ad accusare il peso degli anni insieme al filone della fantascienza in un lento peggioramento, permettendo quindi a Meco un’uscita di scena più che dignitosa, con molti quattrini in tasca e permettendogli una buona carriera come mediatore d’affari.

Insomma, un vero musicista da nerd che per molti è sicuramente sconosciuto ma ha le carte in regola per fare la sua comparsa sulle pagine di LN! :res:
Come video in approfondimento vi allego l’intera suite disco di Star Wars and Other Galactic Funk, di quasi 16 minuti, con tutti i temi principali del film, mentre il secondo un montaggio video con la colonna sonora de L’Impero Colpisce Ancora davvero notevole.
Per il resto, cercatevi in giro il resto della produzione di questo genio nominato addirittura The King Of Instrumental Dance Music.

[spoiler]



[/spoiler]
Fonti: qui, quo, qua

John Williams pronto al ritiro dopo Indiana Jones 5
John Williams pronto al ritiro dopo Indiana Jones 5
Il rapporto padre-figlio in Star Wars
Il rapporto padre-figlio in Star Wars
Star Wars: Bryce Dallas Howard dice la sua sulla richiesta dei fan di dirigere un film della saga
Star Wars: Bryce Dallas Howard dice la sua sulla richiesta dei fan di dirigere un film della saga
George R.R. Martin: "In Star Wars muoiono più persone che in Game of Thrones"
George R.R. Martin: "In Star Wars muoiono più persone che in Game of Thrones"
Obi-Wan Kenobi: i nuovi volumi Panini dedicati al Maestro Jedi
Obi-Wan Kenobi: i nuovi volumi Panini dedicati al Maestro Jedi
Obi-Wan Kenobi: ecco il tema ufficiale del personaggio diretto da John Williams
Obi-Wan Kenobi: ecco il tema ufficiale del personaggio diretto da John Williams
Star Wars: dal 15 aprile i box set in 4K UHD dedicati alle trilogie della saga
Star Wars: dal 15 aprile i box set in 4K UHD dedicati alle trilogie della saga