One Red Paper Clip

11 anni fa

5 minuti


I’m going to make a continuous chain of ‘up trades’ until I get a house. Or an Island. Or a house on an island. You get the idea.

Il fatto risale a qualche anno fa, ma mi sembra comunque meritevole di menzione. Già, perché Kyle MacDonald era solamente un ventiseienne in cerca di casa e lavoro, ma non di inventiva, di quella ne aveva abbastanza.

Vi spiego quale fu il suo piano.
Mentre Kyle era al PC vide una semplicissima graffetta rossa, di quelle che si usano per fermare i fogli, nulla di che. Andò quindi sul famoso sito di annunci Craigslist e creò un’inserzione dove spiegò la sua idea, ovvero arrivare ad avere una casa tutta sua tramite una serie di baratti, partendo proprio da quella graffetta rossa trovata poco prima.

WTF! Che puttanata trovata! Ma chi risponderebbe mai ad un annuncio del genere? Nessuno!

E invece furono due signore a rispondere per prime, seguite da un’altra e così via. Certo che in america le vecchiette devono essere proprio generose avrà sicuramente pensato il ragazzo, tuttavia non furono solamente dolci pensionate a rispondere all’appello, bensì interi comuni, cantanti, registi e case discografiche. Persino la BBC e la CNN presero a cuore la causa e fecero di tutto per dar maggior visibilità alla cosa.

Vi riassumo ora i 14 famosi baratti che hanno portato questo fantasioso ragazzo ad avere una casa.
Come ho già detto, le prime a rispondere furono due anziane signore di Vancouver che offrirono una penna di legno a forma di pesce (?) in cambio dell’ormai celeberrima graffetta. Lo scambio seguente riguardò una maniglia in ceramica creata dalla signora Annie, di Seattle. In pochi mesi la maniglia si è trasformata in un fornello da campeggio, diventato poi un generatore elettrico, un kit da party, un gatto delle nevi, un viaggio per due persone e un furgoncino. A quel punto la popolarità della vicenda esplose e Kyle si ritrovò vicinissimo al suo sogno, infatti arrivò a scambiare un contratto discografico (ottenuto grazie al furgone) per la possibilità di vivere per un anno in una casa di Phoenix senza pagare l’affitto. Ovviamente ciò non gli bastò e incontrò il famoso cantante Alice Cooper che gli offrì un pomeriggio in sua compagnia in cambio di quel privilegio. A scambio accettato, barattò il pomeriggio con un globo luminoso dei Kiss. A questo punto i media si misero in moto e Kyle poté barattare il globo luminoso con una parte da attore nell’imminente film del regista Corbin Bernsen. I provini per il casting del film si tenettero a Kipling, ed infatti lo stesso comune gli offrì una casa ristrutturata da poco, con tanto di monumento a forma di graffetta rossa in suo onore, in cambio della parte nel film.
E così facendo arrivò alla fine della sua folle odissea da “scambista”, felice, famoso ed accasato, tutto questo in circa un anno.

Kyle MacDonald ha ovviamente scritto un libro dove ha raccontato la sua incredibile storia, intitolato “One Red Paperclip: How a Small Piece of Stationery Turned into a Great Big Adventure”. Era in programma persino un film, ma visto che la vicenda risale al più o meno lontano 2006, credo sia saltato. :rofl:

Nell’approfondimento vi metto tutti i vari passaggi descritti in modo dettagliato presi dalla sua pagina su Wikipedia.
[more]

On July 14, 2005, he went to Vancouver and traded the paperclip for a fish-shaped pen.
He then traded the pen the same day for a hand-sculpted doorknob from Seattle, Washington, which he nicknamed “Knob-T”.
On July 25, 2005, he traveled to Amherst, Massachusetts, with a friend to trade the Knob-T for a Coleman camp stove (with fuel).
On September 24, 2005, he went to San Clemente, California, and traded the camp stove for a Honda generator.
On November 16, 2005, he made a second (and successful) attempt (after having the generator confiscated by the New York City Fire Department) in Maspeth, Queens, to trade the generator for an “instant party”: an empty keg, an IOU for filling the keg with the beer of the holder’s choice, and a neon Budweiser sign.
On December 8, 2005, he traded the “instant party” to Quebec comedian and radio personality Michel Barrette for a Ski-doo snowmobile.
Within a week of that, he traded the snowmobile for a two-person trip to Yahk, British Columbia, in February 2006.
On or about January 7, 2006, the second person on the trip to Yahk traded Kyle a cube van for the privilege.
On or about February 22, 2006, he traded the cube van for a recording contract with Metal Works in Toronto.
On or about April 11, 2006, he traded the recording contract to Jody Gnant for a year’s rent in Phoenix, Arizona.
On or about April 26, 2006, he traded the one year’s rent in Phoenix, Arizona, for one afternoon with Alice Cooper.
On or about May 26, 2006, he traded the one afternoon with Alice Cooper for a KISS motorized snow globe.
On or about June 2, 2006, he traded the KISS motorized snow globe to Corbin Bernsen for a role in the film Donna on Demand.[2]
On or about July 5, 2006, he traded the movie role for a two-story farmhouse in Kipling, Saskatchewan.

[/more]

Vi lascio anche il link al sito di Kyle MacDonald dove potrete trovare l’intera storia corredata da foto e quant’altro, ma prima di tutto passiamo al sodo… cosa mi date in cambio di quest’articolo? :D

Link di riferimento | OneRedPaperClip
Via | 2Risate

Rebel Scum, un bellissimo fan film di Star Wars
Rebel Scum, un bellissimo fan film di Star Wars
Amazon Prints, il servizio di stampa foto
Amazon Prints, il servizio di stampa foto
Kaytranada - Lite Spots
Kaytranada - Lite Spots
Una casa da Avenger
Una casa da Avenger
The Game Tavern, il paradiso dei giocatori di ruolo
The Game Tavern, il paradiso dei giocatori di ruolo
La Casa di Babbo Natale 2014
La Casa di Babbo Natale 2014
Roadsworth
Roadsworth

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.