Calvin & Hobbes e l'anti licensing #LegaNerd
di
Zot

Avete mai visto tazze, sciarpe, pantofole di Calvin&Hobbes?
Watterson, l’autore della meglio striscia ever, è sempre stato contrario al merchandising (da wikipedia):

Bill Watterson è famoso per l’insistenza con cui ha difeso la tesi che il fumetto debba essere una forma d’arte autonoma e per come ha sempre impedito che Calvin & Hobbes fosse commercializzata in qualsiasi modo. Una convinzione che gli è probabilmente costata milioni di dollari e che spiega anche perché la striscia non sia mai diventata un cartone animato.
Con l’eccezione dei librie di due rarissimi calendari a 18 mesi (1988 – 1989 e 1989 – 1990) tutti gli articoli che ritraggono i personaggi di Calvin & Hobbes sono non autorizzati, comprese le magliette e gli adesivi da lunotto posteriore che ritraggono Calvin che urina sul logo di famosi marchi sportivi o di famose aziende. Minacciati di ritorsioni legali, alcuni produttori di questi adesivi hanno sostituito il personaggio.

A questo link ho trovato diverse cose interessanti, tra cui l’unica t shirt mai stata realizzata, di una rarità estrema.

Scelte estreme o no, condivisibili o no, Watterson uno di noi, sempre.

P.S. In tutta franchezza, un po’ mi manca la colazione con quelle facce da culo stampate sulla ceramica.

P.P.S. Watterson mi ricorda te, capo. ;-)

zott

Spic es iu it.

Aree Tematiche
Fumetti
Tag
Edit
LN Panic Mode - Premi "P" per tornare a Lega Nerd