L’incredibile connessione tra i sogni e il successo sul lavoro

I sogni possono influenzare positivamente la giornata lavorativa? Uno studio dell’Università di Notre Dame ha scoperto che il legame tra i sogni e il comportamento al lavoro può essere un potente alleato per migliorare la produttività. Vi è mai capitato di riflettere sui sogni avuti durante la notte nel corso della giornata lavorativa? Pare che questo flusso i pensieri possa effettivamente cambiare il tuo approccio al lavoro. Secondo lo studio, circa il 40% delle persone ricorda i propri sogni al risveglio. I ricercatori hanno dimostrato che queste esperienze oniriche possono avere un impatto profondo (e positivo) sul rendimento lavorativo. Lo studio, pubblicato nell’Academy of Management Journal, ha esaminato come il collegamento tra sogni e realtà possa suscitare un’emozione particolare: lo stupore. Lo stupore è quell’emozione che sentiamo quando siamo di fronte a qualcosa fuori dal comune. Proprio come ammirare un’aurora boreale o cogliere l’essenza di una grande teoria. I sogni, con la loro natura vaga e concettuale, hanno la capacità di evocare questa emozione. Il team di ricerca ha condotto diversi studi, coinvolgendo migliaia di partecipanti. Hanno scoperto che la connessione tra sogni e realtà persiste anche non tenendo conto della durata e qualità del sonno. Questo significa che il ricordo e l’interpretazione dei sogni possono influenzare il benessere psicologico e la produttività, anche in presenza di sonno insufficiente. Ma qual è il legame specifico tra sogni e lavoro? Si scopre che i sogni possono avere un impatto significativo sul modo in cui affrontiamo le sfide quotidiane. Per esempio, se ricordi un sogno stimolante la mattina, potresti affrontare le richieste stressanti del tuo capo con una prospettiva diversa. I sogni possono creare un’atmosfera di stupore, sbalordimento, sbigottimento che ti aiuta a considerare le sfide come parte di un quadro più ampio, riducendo lo stress e aumentando la resilienza.

Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale