Pixel Watch 2: ecco tutti i nuovi quadranti esclusivi in arrivo

Google sta sviluppando il Pixel Watch 2, successore del primo smartwatch dell’azienda, debuttato ad ottobre dell’anno scorso e ancora inedito in Italia. Android Authority è riuscito a mettere le mani – grazie ad una fonte interna a Google – su quattro diverse opzioni di quadrante disegnate appositamente per il nuovo modello. Non verranno portate anche sul primo Pixel Watch e il sito le descrive tutte come “altamente personalizzabili”. Insomma, l’utente può scegliere tra configurazioni diverse e aggiungere o rimuovere le “complicazioni” che preferisce.

Ben quattro nuove opzioni. La prima si chiama “Accessibile” e, nomen omen, si concentra proprio su semplicità e leggibilità; poi c’è il quadrante “Arc” è altamente personalizzabile, con sei varianti totali divise in tre categorie; ci sono anche il quadrante “Bold Digital” e il quadrante “Analog Bold“, entrambi con diverse opzioni di configurazione. Tutti i quadranti verranno forniti con molte opzioni di colore tra cui scegliere.

Tutti i quadranti verranno forniti con molte opzioni di colore tra cui scegliere. Il Pixel Watch 2 sarà dotato di Wear OS 4 e di una tematizzazione dinamica, che estrarrà i colori dal quadrante attivo e li applicherà nell’interfaccia utente del dispositivo.

Entriamo più nello specifico:

Il primo nuovo quadrante che arriverà è chiamato “accessible“. Come suggerisce il nome, è incentrato sulla semplicità e leggibilità. Mentre tutte le varianti disponibili condividono elementi di design con i quadranti esistenti, sono più semplici, senza troppe distrazioni.

Ci saranno quattro varianti tra cui scegliere:

  • Circolare – orario digitale su una singola linea sopra uno slot circolare per complicazioni
  • Lineare – orario digitale su una singola linea, con la data sopra di essa
  • Tempo sovrapposto – orario digitale sovrapposto (ore sopra i minuti), con uno slot per una singola complicazione
  • Solo orario – un semplice orario digitale sovrapposto

Arc” è pensato per gli utenti che necessitano di maggiore personalizzazione. Fornisce diverse opzioni, tra cui la scelta di indici, la selezione delle varianti (che controlla quante complicazioni e elementi del quadrante sono mostrati) e un interruttore per abilitare o disabilitare la lancetta dei secondi.

Esistono sei varianti in totale, divise in tre categorie, ognuna con due sottovarianti. Le categorie sono:

  • Max – quattro slot circolari per complicazioni al centro
  • Minimal – data nella parte superiore del quadrante
  • Numeri – grandi numeri al centro del quadrante


Le sottovarianti controllano gli slot per le complicazioni al di fuori degli indici e sono gli stessi per tutte e tre le categorie:

  • Quattro – quattro slot piatti per complicazioni negli angoli
  • Due – due slot piatti per complicazioni nella parte inferiore e superiore dello schermo

I quadranti Bold Digital e Analog Bold riprendono invece i quadranti della schermata di blocco recentemente introdotti sugli smartphone della linea Pixel.

Gemini 1.5 Pro di Google: le differenze con la versione 1.0
Gemini 1.5 Pro di Google: le differenze con la versione 1.0
Google sta indicizzando alcune conversazioni degli utenti con Bard, la sua IA
Google sta indicizzando alcune conversazioni degli utenti con Bard, la sua IA
Google supporterà i Pixel 8 per sette anni: non lo fa nessun altro produttore
Google supporterà i Pixel 8 per sette anni: non lo fa nessun altro produttore
Il prezzo del "monopolio" di Google: "pagano 10 miliardi all'anno per limitare la concorrenza"
Il prezzo del "monopolio" di Google: "pagano 10 miliardi all'anno per limitare la concorrenza"
"Google e NVIDIA continueranno a lavorare assieme per i prossimi 10 anni", parola di Sundar Pichai
"Google e NVIDIA continueranno a lavorare assieme per i prossimi 10 anni", parola di Sundar Pichai
I Pixel 8 e 8 Pro costeranno un bel po' di più rispetto ai loro predecessori
I Pixel 8 e 8 Pro costeranno un bel po' di più rispetto ai loro predecessori
Le immagini generate dall'IA di Google avranno un watermark "invisibile"
Le immagini generate dall'IA di Google avranno un watermark "invisibile"