Black Mirror è una serie TV che prova a giocare con la distopia, utilizzando le nuove frontiere della tecnologia come strumenti potenzialmente di minaccia nei confronti della civiltà umana. E, non sottraendosi a questo tipo di dinamiche, lo stesso creatore di Black Mirror,  Charlie Brooker, ha rivelato di aver provato a scrivere un episodio della serie utilizzando ChatGPT, ma, a suo dire, il risultato “è stato una m***a”.

Charlie Brooker ha rivelato questo dettagli parlando a Empire Magazine. Secondo il suo racconto:

Ho giocato un po’ con ChatGPT. Ho provato a creare un episodio di Black Mirror utilizzandolo, e ad una prima lettura sembrava plausibile, mentre ad una seconda era  uscita fuori una m***a. Il risultato era un mash-up di tutti gli episodi di Black Mirror.

E poi ha continuato:

Ero preoccupato del fatto di aver già scritto degli episodi in cui una persona si ritrovava ad essere assorbito da un computer per tutto il tempo, ed ho pensato che dovevo sovvertire le mie stesse regole di Black Mirror. Dovevo rompere gli schemi che avevo creato. Tutta questa esperienza è stata come ricevere una secchiata d’acqua fredda e rinfrescante addosso.