Scoperta la regione cerebrale che supporta l’orientamento visivo a piedi: l’OPA

Il cervello umano elabora diverse classi di informazioni quando ci si orienta in un ambiente fisico. Per supportare questo comportamento, le informazioni vengono elaborate in diverse regioni della corteccia cerebrale. In particolare, l’uso della vista per spostarsi efficacemente a piedi, utilizza una regione unica della corteccia cerebrale chiamata area occipitale di posizione (OPA), che non si attiva durante altre modalità di spostamento, come il gattonare. Questa scoperta è stata fatta da uno studio finanziato dal National Eye Institute (NEI) e pubblicato sulla rivista Cerebral Cortex. Gli autori dello studio, Daniel Dilks, Christopher Jones e Joshua Byland, hanno registrato video dal punto di vista di una persona che cammina in un ambiente e poi video simili dal punto di vista di una persona che gattona nello stesso ambiente. Hanno anche messo insieme riprese casuali dei video e hanno ripreso video dalla prospettiva di chi vola sopra l’ambiente, per includere una modalità di navigazione non accessibile agli esseri umani.

I ricercatori hanno monitorato l’attivazione delle regioni cerebrali di 15 partecipanti adulti allo studio utilizzando la risonanza magnetica funzionale (fMRI), mentre guardavano ciascun video e immaginavano di muoversi nell’ambiente. Quando i partecipanti hanno visto il video della camminata, si è attivata la regione del cervello corrispondente all’OPA. Ma quando hanno visto gli altri video (gattonare, volare), l‘OPA non si è attivata. La scoperta è importante per spiegare le tappe dello sviluppo, quando i bambini imparano a interagire con l’ambiente circostante e a navigare al suo interno. La teoria secondo cui l’OPA supporta la navigazione visivamente guidata è stata messa in discussione perché non sembrava supportare la navigazione visivamente guidata fino a circa 8 anni di età. Tuttavia, i bambini riescono in qualche modo a muoversi in casa e a scuola molto prima di quell’età, anche quando gattonano piuttosto che camminare. L’esperimento di Dilks ha dimostrato che solo l’OPA è specifico per la camminata, rispetto ad altre modalità di navigazione visiva. Inoltre, diverse altre aree cerebrali sono state attivate quando i partecipanti hanno visto i video di gattonamento, suggerendo che altre regioni possono essere coinvolte nella navigazione nelle prime fasi della vita. In conclusione, questo studio dimostra che il cervello umano ha una regione unica della corteccia cerebrale che viene attivata quando usiamo la vista per camminare in un ambiente. Questa scoperta aiuta a spiegare il modo in cui i bambini imparano ad orientarsi nell’ambiente circostante e a interagire con esso.

 

Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale