Legumi alternativi alla carne: i pazienti allergici sviluppano co-sensibilizzazione ad altri legumi?

Le alternative proteiche senza carne possono scatenare allergie alla soia e alle arachidi in alcune persone, come hanno scoperto gli scienziati dell’University Medical Center di Utrecht. Queste alternative proteiche sono spesso a base di legumi diversi dalla soia e dalle arachidi, ma la maggior parte delle persone non sperimenta una reazione. L’aumento del consumo di legumi potrebbe far crescere il numero di allergie a questi alimenti e causare disturbi allergici in pazienti già allergici ai legumi. Per questo motivo, il dottor Mark Smits e il suo team hanno studiato la frequenza della sensibilizzazione e dell’allergia a diversi legumi in questi pazienti. Quindi, i pazienti con allergie specifiche ai legumi reagiscono ad altri legumi?

Le persone sviluppano allergie alimentari quando il loro sistema immunitario confonde le proteine alimentari con una minaccia e produce anticorpi di immunoglobulina E (IgE). I soggetti sensibilizzati possono sviluppare i sintomi di un’allergia alla riesposizione allo stesso alimento. I pazienti che reagiscono a un alimento possono reagire anche a un altro: si tratta di una co-allergia. Le co-allergie sono accompagnate dalla co-sensibilizzazione, in cui i pazienti producono anticorpi IgE contro diversi alimenti. Gli scienziati hanno reclutato pazienti allergici ai legumi presso la Clinica Allergologica dell’University Medical Center di Utrecht e li hanno suddivisi in sei gruppi in base alle allergie: arachidi, soia, piselli verdi, lupini, lenticchie e fagioli.

Alto tasso di co-sensibilizzazione tra i legumi, ma non sempre co-allergia

Tutti i pazienti avevano un’allergia convalidata da un test orale o da un test IgE positivo associato a un’anamnesi di reazioni. Ogni gruppo diverso è stato testato per gli anticorpi IgE contro gli altri legumi. Tutti e sei i gruppi di pazienti hanno mostrato una co-sensibilizzazione ad altri legumi, e quasi un quarto dei pazienti era sensibilizzato a tutti i legumi. Quasi tutti i pazienti del gruppo allergico ai fagioli erano sensibilizzati ad altri legumi. I pazienti allergici ai piselli verdi, ai lupini o alle lenticchie erano probabilmente sensibilizzati anche ad altri legumi, mentre i pazienti con allergia diagnosticata alle arachidi o alla soia non lo erano. L’équipe ha anche esaminato quali di questi pazienti presentavano co-allergie documentate a diversi legumi. L’alto tasso di co-sensibilizzazione era associato a sintomi clinici solo in un numero relativamente piccolo di pazienti. Nei pazienti allergici alle arachidi e alla soia, le co-allergie a piselli verdi, lupini, lenticchie e fagioli erano poco comuni, ma i pazienti che presentavano allergie a questo secondo gruppo di legumi erano probabilmente co-allergici alle arachidi o alla soia. I pazienti con allergia alle arachidi erano spesso anche co-allergici ai fagioli. Il team ha avvertito che sarà necessario espandere lo studio a un gruppo più ampio e confermare le co-allergie per determinare quanto questa co-sensibilizzazione sia clinicamente rilevante nella pratica.

I ricercatori hanno commentato così i loro risultati: “”I legumi sono un’interessante fonte proteica sostenibile, ma non si possono escludere reazioni allergiche nella popolazione già allergica ai legumi, poiché gli anticorpi nel sangue dei pazienti allergici ai legumi reagiscono spesso a legumi diversi. Tuttavia, questa reazione non sempre porta a un’allergia alimentare clinicamente rilevante. L’introduzione di nuovi alimenti sul mercato dovrebbe essere accompagnata da un’adeguata valutazione del rischio di sviluppare (nuove) allergie alimentari”.

Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Neuralink, un paziente sottoposto all'impianto del chip, può controllare il mouse del PC con il pensiero. Lo riferisce Elon Musk
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale
Telescopio James Webb: arrivano le immagini di 19 galassie a spirale