Lo strangolatore di Boston, Keira Knightley: «È stata la tenacia di Loretta a convincermi ad accettare il ruolo»

Grazie a Disney ho avuto l’opportunità di partecipare alla conferenza mondiale dedicata al nuovo film firmato 20th Century Studios in arrivo direttamente su Disney+ il 17 marzo, Lo strangolatore di Boston. La pellicola si basa su un fatto di cronaca di donne reali, ovviamente il tutto è stato opportunamente romanzato per rendere il film più accattivante ed avvincente, ma le basi di realtà restano. Le donne sono le grandi protagoniste. Infatti, dopo che i corpi di tre donne anziane sono stati scoperti, Loretta McLaughlin (interpretata da Keira Knightley), giornalista del quotidiano Record-American, è la prima a pubblicare una storia che collega tra di loro i vari crimini. Gli omicidi non si arrestano e mentre il misterioso assassino miete sempre più vittime, Loretta tenta di continuare le sue indagini non più da sola ma insieme alla collega e confidente Jean Cole, interpretata da Carrie Coon. Purtroppo, le due giovani e brillanti giornaliste si ritrovano ostacolate dal dilagante sessismo dell’epoca, il quale non è cessato del tutto nemmeno ai giorni nostri. Per scoprire la verità McLaughlin e Cole sono disposte a mettere a rischio la loro vita. Sono due donne determinate, caparbie e che non si tirano indietro di fronte alle prime difficoltà. Di questo e tanto altro abbiamo parlato con il cast di Lo strangolatore di Boston. 

Come sempre, prima di addentrarmi nei dettagli dell’intervista al cast del film, ecco il trailer di Lo strangolatore di Boston disponibile dal 17 marzo solo du Disney+.

Sul film ancora non mi posso esprimere ma non temete perché arriverà la recensione appena possibile.

Come vi accennavo prima, il film è tratto da un fatto di cronaca nera reale quindi la domanda è sorta spontanea ed è stata rivolta all’intero cast: qual era la vostra precedente conoscenza del caso relativo allo strangolatore di Boston? E cosa vi ha attirato maggiormente verso il film, cosa vi ha spinto ad accettare il ruolo?

Matt Ruskin: “Sono cresciuto a Boston ed ho così sempre sentito parlare del “Boston Strangler”, ma sono onesto non sapevo davvero nulla in merito caso. E poi, diversi anni fa, ho iniziato a leggere tutto quello che potevo e ho scoperto questo mistero di un omicidio incredibilmente stratificato, pieno di colpi di scena. E, per molti versi, era tanto una storia sulla città dell’epoca. E così sono stato completamente preso dal caso. E quando ho scoperto queste giornaliste, Loretta McLaughlin e Jean Cole, ho appreso che erano state tra le prime giornaliste a collegare gli omicidi e che sono state proprio loro a dare il nome al caso nel corso delle indagini, ho pensato che fosse un modo davvero convincente per far parte del progetto.

Keira Knightley: “Beh, io avevo sentito parlare del cosiddetto “Boston Strangler” ma non ne sapevo davvero niente in merito al colpevole. Quindi ci sono arrivata davvero soltanto dalla meravigliosa sceneggiatura di Matt. Leggendo la sceneggiatura ho pensato che fosse un modo davvero interessante di raccontare la storia di un serial killer, quello di narrare gli eventi attraverso il punto di vista di queste due giornaliste. Inoltre, mi ha conquistata il fatto che si tratti di un caso in cui la maggior parte delle persone non sapeva che sono state due donne a svelare la verità della storia e che queste donne sono state in gran parte cancellate dalla storia del caso. Questo mi ha fatto pensare che il film fosse davvero interessante.

Carrie Coon: “Sì, anche per me quella è stata la parte più scioccante, il fatto che queste donne siano state così parte integrante della risoluzione del caso e abbiano costretto i dipartimenti di polizia a condividere informazioni, ma i loro nomi non sono mai stati menzionati in associazione al caso stesso. Ingiusto. Le loro storie di come sono diventate giornaliste, come individui, erano storie molto avvincenti e molto commoventi. Certamente riecheggiava la vita delle donne del mio mondo dato che sono cresciute nel Midwest. Mia madre era un’infermiera. Una delle mie nonne era un’insegnante e l’altra era una casalinga. E quelle erano le opportunità disponibili per le donne, a parte la carriera da segretaria. Quindi la lotta di Jean per diventare giornalista è stata molto commovente per me. E poi, ovviamente, avevo visto Crown Heights che Matt aveva realizzato in precedenza. Penso da sempre a lui come a un regista davvero profondamente morale. E sapevo che il suo interesse per questa storia fosse un genuino interesse femminista. Era davvero interessante rivelare che quelle donne erano state cancellate dalla storia e, naturalmente, sapevo che anche Keira sarebbe stata coinvolta nel progetto; così ero davvero entusiasta di avere l’opportunità di lavorare con lei.

Matt, che tipo di ricerca hai dovuto fare per realizzare questo film?

Matt Ruskin: “Allora, quando ho iniziato sono stato subito catturato dalle storie di Loretta e Jean, ma c’erano pochissime informazioni disponibili su di loro che potessi trovare già fruibili online. Ho letto il necrologio di Jean Cole in cui diceva che aveva due figlie. Così le ho cercate e una di loro aveva un profilo Facebook con tanto di fotografia e nella foto teneva sottobraccio un mio vecchio amico. Così ho deciso di chiamare il mio amico e gli ho chiesto come facesse a conoscere la donna della foto. Lui mi ha spiegato che quella misteriosa donna era in realtà sua madre e Jean Cole era sua nonna, una persona che venerava assolutamente prima di morire. Quindi mi ha presentato a entrambe le famiglie. Un vero colpo di fortuna. Più conoscevo queste donne e giornaliste, più imparavo ad ammirarle e mi sono sentito incredibilmente obbligato a provare a raccontare la loro storia.

Le donne sono le vere protagoniste del film, sia come vittime della storia e poi come vendicatrici. Quindi, quando avete letto la sceneggiatura per la prima volta, cosa avete trovato in queste donne vere? Entrambi sono morte ma hanno vissuto a lungo e sicuramente hanno lasciato il segno. Cosa vi ha colpito della natura della loro indagine?

Keira Knightley: “Beh, penso che per me l’intero film sia davvero una canzone d’amore per le giornaliste investigative e sottolinea davvero quanto sia importante avere donne in una posizione di potere nella narrazione perché sono state queste due donne a dire davvero: “Questa è una storia importante. Queste sono informazioni che devono essere rese pubbliche per mantenere al sicuro le donne di Boston”. Penso che, in gran parte, la storia dello strangolatore di Boston fosse stata una storia che, a quel punto, era stata del tutto ignorata dall’establishment maschile. E, sono onesta, non so se i loro colleghi uomini ne avrebbero visto l’importanza. Quindi penso che sia meraviglioso far parte di qualcosa che sta davvero evidenziando quanto sia importante avere quante più brave giornaliste possibile per la sicurezza delle nostre comunità.”

Chris nel film interpreti un giornalista rigido e inflessibile, il capo della redazione. Sei certamente un ostacolo all’inizio per queste donne e rappresenti il volto di tutto ciò che le frenava professionalmente. Come ti sei avvicinato a quel personaggio?

Chris Cooper: “Ho avuto la fortuna di incontrare Eileen McNamara, una giornalista vincitrice del Premio Pulitzer che ha lavorato al Boston Globe negli anni ’70 e ’80. Loretta è stata un mentore per Eileen ed Eileen mi ha indirizzato esattamente a ciò di cui avevo bisogno. Jack non è mai stato troppo interessato a questi omicidi, ed è stato un completo imbarazzo per la polizia di Boston. Non sembrava importargli così tanto. Ma Eileen mi ha indirizzato verso le informazioni riguardanti le redazioni degli anni ’60, cosa successe politicamente, la terminologia che serviva conoscere per interpretare il ruolo, la gerarchia all’interno del giornale. Ero interessato a tutto ciò ed è proprio su questo su cui si è focalizzata la mia ricerca.

Come descriveresti quella cultura e il tuo rapporto con Loretta e Jean?

Chris Cooper: “I giornalisti uomini dell’epoca erano terribilmente sprezzanti nei confronti delle donne giornaliste. Eileen mi ha raccontato di tutti quei famosi aneddoti sugli editori che hanno il loro whisky nel cassetto inferiore della scrivania, un’atmosfera non proprio confortevole per le donne.”

Carrie Coon: “C’è una bella storia su Jean: voleva ottenere un aumento perché guadagnava $ 30 a settimana e la sua assistenza sanitaria costava $ 25. È andata a fare richiesta per un aumento e tutti gli uomini della redazione sono entrati con lei per sostenerla e suggerirle che aveva bisogno di un aumento. Questa storia in un certo senso sottolinea l’importanza di avere alleati maschi in uno spazio del genere. Penso che Jean fosse una femminista molto pratica che ha abbassato la testa e ha fatto bene il suo lavoro. Questo è tutto ciò che le donne giornaliste dell’epoca potevano fare [ride] in quel periodo: cercare di non darsi delle arie e lavorare sodo. Quindi a mio avviso è straordinario che queste donne si siano messe in difficoltà come hanno fatto pur di ottenere la rivelazione della verità.”

Chris, dovevi in qualche modo navigare su una linea interessante lì perché mentre inizialmente eri un ostacolo, dovevi essere abbastanza aperto al loro lavoro da permettere in qualche modo loro di farlo. Alla fine, hai aperto quella porta. Alla fine hai dato loro l’incarico, giusto?

Chris Cooper: “Beh, voglio dire, una delle cose che salta all’occhio, e non so se fosse del tutto intenzionale, è che all’inizio il suo atteggiamento è il seguente ed infatti dice a Loretta: “Questi omicidi, questi tre omicidi, sono nessuno. Queste persone sono nessuno.” Loretta torna da lui e dice: “Queste sono le persone che leggono il tuo giornale. La classe operaia”. E penso che sia stato un piccolo campanello d’allarme per Jack. È stata veloce, ma penso che gli abbia fatto impressione. Queste donne a volte vincono, a volte perdono. Devono cavarsela da sé, a volte non sono proprio il ragazzo più gentile e cortese riguardo al loro materiale, altre volte faccio da mentore. Si commettono degli errori ed a volte aggiusto il tiro e reindirizzo le ragazze dove Loretta non capisce bene alcuni problemi, come ad esempio la contea diversa o il procuratore distrettuale diverso. Quindi il mio personaggio ha fatto anche un po’ da insegnante.

Alessandro, dovevi interagire con le donne protagoniste del film loro in un certo senso. Il tuo rapporto con Loretta come detective, come Jim, com’era? Come descriveresti quel rapporto? Perché era un po’ antagonista, ma in un certo senso cercavate tutti di fare la stessa cosa.

Alessandro Nivola: “Sì, voglio dire, penso che il personaggio sia incazzato per il fatto che il dipartimento di polizia non abbia a che fare con tecniche più moderne di psicologia forense e che non siano interessati, apparentemente, a collegare questi omicidi. E così fa una specie di mossa disperata nel contattarla o nell’accettare di parlarle, perché probabilmente è il figlio di un poliziotto. Probabilmente è il nipote di un poliziotto. E quindi sta affrontando, potenzialmente, il concetto di tradire il dipartimento e mettere il dipartimento in cattiva luce, avendo percepito che i media stanno portando avanti il ​​caso invece del dipartimento di polizia. Ma lo fa perché è totalmente ossessionato dal caso, e l’unica altra persona che incontra che è anch’essa totalmente ossessionata dal caso è lei. E quindi penso, in quel modo, si sentono come se fossero tagliati dalla stessa stoffa. Probabilmente è anche attratto da lei ed è quindi felice per quegli incontri.

Pensando al primo film dedicato al caso dello strangolatore di Boston, Henry Fonda ha interpretato quella parte del detective capo. In quel caso la storia è stata raccontata dal loro punto di vista mentre qui Alessandro il tuo personaggio sta nel mezzo, chiaramente non è un ruolo così eroico come quello del 1968 ma la storia è anche molto più accurata, ovviamente.

Alessandro Nivola: “Sì, sicuramente la nostra storia è ovviamente raccontata dal punto di vista delle donne. E, curiosamente, stamattina parlando con alcuni giornalisti, stavano solo commentando il fatto che il mio personaggio si fosse tirato indietro alla fine della storia, il che è vero. Voglio dire, quello che mi è piaciuto di quello che ha fatto Matt per fargli fare la cosa giusta contro il suo miglior giudizio alla fine del film. Dove è un ragazzo cinico, e si sente, tipo, completamente senza speranza al riguardo e stufo di essere ignorato, e ha alzato le mani e ha incassato con il suo ruolo di consulente nel film. Il che era vero. Voglio dire, c’era uno dei poliziotti di Boston che finì per consigliare su quel film. Ma poi, ovviamente, le fa passare questo nastro che finisce per portare l’indagine su, sai, qual è la conclusione nel film. Sono onesto mi piace che in un certo senso lo faccia che, pur affermando di non avere più alcun interesse nel caso.

Keira, Loretta era chiaramente una persona che non si sarebbe arresa, ma cosa ammiri di più della sua tenacia?

Keira Knightley: “Penso che sia completamente d’ispirazione. Sono convinta che in parte, la mia risposta sia nella domanda, è stata la sua tenacia la parte che ho trovato più stimolante nel ruolo. Ho parlato con un bel po’ con diverse donne che hanno visto il film, e questa parola continua a venire fuori, che trovo affascinante, che è stato “catartico” guardarlo. Credo che probabilmente le emozioni che ha provato Loretta le ho sperimentato quando ho letto il copione. Tutte le cose in cui si è scontrata, che si tratti del posto di lavoro dominato dagli uomini o del tentativo disperato di avere una vita familiare e un lavoro e il tentativo di crescere i figli al stesso punto che cercare di ottenere giustizia per le donne brutalmente uccise.  Penso che sia qualcosa in cui molte donne oggi possono identificarsi e sono certa che la sua tenacia, il fatto che poi sia diventata una giornalista pluripremiata i cui figli la adoravano chiaramente l’ho trovato molto stimolante. Quindi, sì, penso che fosse la sua tenacia l’aspetto che amavo di più di lei.

Lo strangolatore di Boston vi aspetta dal 17 marzo solo su Disney+.

Potrebbe interessarti anche:

The Witcher: annunciata la conclusione della serie TV
The Witcher: annunciata la conclusione della serie TV
Fallout è stato rinnovato da Prime Video per una seconda stagione
Fallout è stato rinnovato da Prime Video per una seconda stagione
Festival di Cannes 2024: lo Studio Ghibli riceverà la Palma d'Oro onoraria
Festival di Cannes 2024: lo Studio Ghibli riceverà la Palma d'Oro onoraria
The Movie Critic: Quentin Tarantino non farà più il film
The Movie Critic: Quentin Tarantino non farà più il film
Barbie e il BBQ: Heinz e Mattel portano sul mercato la salsa Barbiecue
Barbie e il BBQ: Heinz e Mattel portano sul mercato la salsa Barbiecue
LOL 4, la recensione: far ridere non è un mestiere per tutti
LOL 4, la recensione: far ridere non è un mestiere per tutti
Five Nights at Freddy's 2: annunciata la produzione del film
Five Nights at Freddy's 2: annunciata la produzione del film