La caccia al salmone: la differenza tra la sopravvivenza delle orche meridionali e settentrionali

Le orche residenti meridionali stanno scomparendo rapidamente mentre quelle residenti settentrionali stanno prosperando. Questo ha portato alcuni scienziati a cercare di comprendere le ragioni di questo diverso destino. Nel Pacifico nordoccidentale e nella Columbia Britannica, gli scienziati hanno lanciato l’allarme sulla situazione delle orche residenti meridionali, che hanno subito una diminuzione della popolazione e soffrono di una carenza di cibo. Al contrario, le orche residenti settentrionali della regione, che hanno una dieta simile e un territorio che si sovrappone, sono cresciute costantemente in termini di popolazione. Lo studio condotto da scienziati dell’Università di Washington e della NOAA Fisheries ha scoperto che le due popolazioni differiscono nel modo in cui cacciano il salmone, la loro fonte di cibo primaria e preferita. La ricerca ha mostrato che le femmine cacciano più prede dei maschi nelle orche residenti settentrionali, mentre le orche residenti meridionali vedono i maschi cacciare più delle femmine. Le femmine adulte di entrambe le popolazioni cacciano meno se hanno un cucciolo, ma l’effetto è più forte per le residenti meridionali. I cinque anni di dati osservativi del nuovo studio mostrano che i maschi residenti meridionali catturano il 152% in più di salmoni all’ora rispetto alle femmine. In altre parole, per ogni due pesci catturati da una femmina meridionale, un maschio meridionale ne cattura cinque. Per la crescente popolazione residente al nord, la tendenza è invertita: le femmine catturano il 55% in più di salmoni all’ora rispetto ai maschi. I risultati del nuovo studio sono importanti perché suggeriscono che le due popolazioni di orche residenti settentrionali e meridionali non dovrebbero essere trattate allo stesso modo ai fini della conservazione. Infatti, sebbene le due popolazioni si sovrappongano in modo significativo nel territorio e abbiano strutture sociali e comportamenti riproduttivi simili, il modo in cui cacciano il salmone è straordinariamente diverso.

Il declino delle orche residenti meridionali è stato una fonte di preoccupazione per gli ambientalisti e il pubblico. Con appena 73 esemplari rimasti, la loro sopravvivenza è a rischio. Tuttavia, il nuovo studio fornisce importanti indicazioni su come proteggere queste orche. Infatti, quando si progettano interventi per aiutare le orche, adesso si sa che è necessario considerare il loro diverso comportamento alimentare. Gli scienziati del NOAA e un team internazionale di collaboratori hanno monitorato temporaneamente i movimenti, i suoni, la profondità e i comportamenti alimentari di 34 orche adulte residenti nel nord e 23 orche adulte residenti nel sud dal 2009 al 2014, utilizzando i “Dtag“, dispositivi digitali delle dimensioni di un cellulare. I Dtag si attaccano tramite aspirazione al dorso dell’orca e, per questo studio, sono stati programmati per staccarsi ore dopo e tornare a galleggiare in superficie in modo che i ricercatori potessero recuperarli.

Lo studio ha anche molto da dire sull’impatto delle orche anziane sui loro figli adulti. Sia le orche residenti settentrionali che quelle meridionali sono raggruppate in clan matriarcali, spesso guidati da femmine post-riproduttive. Esse contribuiscono a nutrire i loro figli adulti, anche a spese della loro capacità riproduttiva, come ha dimostrato un recente studio condotto dal Center for Whale Research. Il nuovo studio aggiunge complessità al ruolo delle femmine anziane. Tra le orche stanziali settentrionali, i maschi adulti con una madre vivente cacciavano meno dei maschi adulti senza madre vivente, forse perché la madre fornisce ancora cibo. Ma tra le orche residenti meridionali è vero il contrario: I maschi adulti con una madre viva cacciano di più.

 

 

 

Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Verme nell’Oceano Pacifico: sorprendente scoperta a oltre 6.000 metri di profondità
Verme nell’Oceano Pacifico: sorprendente scoperta a oltre 6.000 metri di profondità
Galassia misteriosa: una scoperta casuale sfida le leggi dell'universo
Galassia misteriosa: una scoperta casuale sfida le leggi dell'universo
Il Castello della Walt Disney: sogno o realtà?
Il Castello della Walt Disney: sogno o realtà?