Israele: l’origine della vite nel mondo

Un recente studio pubblicato sulla rivista Science ha fornito nuove informazioni sulla domesticazione e sull’evoluzione della vite. Il clima rigido dell’era pleistocenica ha portato alla frammentazione degli ecotipi selvatici, aprendo la strada alla domesticazione della vite circa 11.000 anni fa nel Vicino Oriente (Israele) e nel Caucaso. Il team di ricerca ha sequenziato i genomi di 3525 campioni di vite (2503 di V. vinifera (domestica) e 1022 di V. sylvestris (selvatica) per identificare i cambiamenti genetici avvenuti durante la domesticazione e l’evoluzione della vite in Euro-Asia. Secondo lo studio, la popolazione di vite selvatica del Vicino Oriente (Israele) è la fonte per l’addomesticamento dell’uva da tavola, che si è poi dispersa in Europa con i primi agricoltori, si è ibridata con gli antichi ecotipi selvatici occidentali e si è diversificata in antenati dell’uva da vino occidentali unici entro il tardo Neolitico. Inoltre, lo studio dimostra che l’ibridazione con la V. sylvestris locale era comune nella creazione delle attuali uve da vino europee. Tuttavia, la data in cui si sono verificati questi eventi di introgressione rimane sconosciuta. Il dottor Elyashiv Drori, responsabile del Centro di ricerca sull’uva e sul vino della famiglia Samson presso l’Università di Ariel e del Centro regionale di ricerca e sviluppo orientale, ha dichiarato che i risultati forniscono importanti informazioni sull’addomesticamento e sull’evoluzione della vite, una coltura importante dal punto di vista religioso, culturale ed economico.

La scoperta della domesticazione contemporanea della vite che cambia la storia dell’agricoltura e della viticoltura

La popolazione di vite autoctona raccolta negli ultimi 12 anni, contenente sia sottopopolazioni selvatiche che domestiche, è stata fondamentale per la ricerca. La vite selvatica israeliana è risultata essere la fonte di addomesticamento per tutto il gruppo di uve da tavola coltivate, che comprende la vite domestica israeliana. Questo gruppo iniziale di varietà di vite si è poi disperso nell’Europa orientale e occidentale, formando la maggior parte delle uve da vino conosciute. Il Prof. Ehud Weiss, capo del laboratorio archeobotanico del Dipartimento Martin (Szuss) della Terra d’Israele dell’Università Bar Ilan, ha fornito importanti indicazioni sulla storia della domesticazione. Il prof. Weiss ha dichiarato che questo studio è una svolta nella ricerca anche per quanto riguarda l’inizio dell’agricoltura. In passato, si pensava che le colture annuali fossero state addomesticate circa 10.000 anni fa, mentre le piante perenni fossero state addomesticate migliaia di anni dopo. Le ricerche attuali dimostrano invece che queste transizioni sono avvenute contemporaneamente, e per di più con la stessa specie, a circa 1.600 chilometri di distanza l’una dall’altra. Due scienziati israeliani hanno collaborato con il team del Dr. Drori a questo progetto. Il Prof. Ehud Weiss ha collaborato con il Dr. Drori per identificare le varietà utilizzate dagli antenati in terra d’Israele utilizzando strumenti genetici e morfologici. Il dott. Sariel Hubner di Migal è un bioinformatico. La dott.ssa Hubner lavora sulla genetica di popolazione della vite selvatica e domestica israeliana. Questo gruppo di ricerca ha pubblicato il primo documento di ricerca che descrive la possibile domesticazione locale della vite in Israele nel 2021 (Sivan 2021). Come detto, si tratta di uno studio innovativo anche nel campo delle origini dell’agricoltura. Si tratta della prima ricerca che dimostra che l’addomesticamento di una pianta perenne è avvenuto contemporaneamente all’addomesticamento di piante annuali quali grano, orzo, legumi e lino. Fino ad oggi si era soliti dire che gli alberi da frutto erano stati addomesticati diverse migliaia di anni dopo. Inoltre, la doppia domesticazione della stessa specie in due varietà, la varietà di uva commestibile e la varietà di uva da vino, è avvenuta nello stesso momento in due centri geografici distinti – un fenomeno che finora non si conosceva.

 

Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Animali a rischio di estinzione: l'intelligenza artificiale studia i cambiamenti climatici
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Verme nell’Oceano Pacifico: sorprendente scoperta a oltre 6.000 metri di profondità
Verme nell’Oceano Pacifico: sorprendente scoperta a oltre 6.000 metri di profondità
Doomsday Clock, l'orologio dell'apocalisse, segna 90 secondi alla mezzanotte. "L'IA è una delle minacce più importanti"
Doomsday Clock, l'orologio dell'apocalisse, segna 90 secondi alla mezzanotte. "L'IA è una delle minacce più importanti"