Un nuovo modo per proteggere la forza muscolare durante l’immobilizzazione: l’effetto “educazione incrociata”

La perdita di forza muscolare può essere dannosa quando una persona non è in grado di muovere una parte del corpo per un lungo periodo di tempo. Un nuovo studio della Edith Cowan University (ECU) ha scoperto un modo per compensare o addirittura proteggere dalla perdita di forza muscolare causata dalla disabilità prolungata di una parte del corpo. L’acquisizione di forza muscolare in un arto, dovuta all’allenamento di resistenza, si trasferisce allo stesso muscolo sul lato opposto del corpo, noto come effetto di educazione incrociata. Tuttavia, il professor Ken Nosaka ha scoperto che un particolare tipo di contrazione muscolare è più efficace.

Lo studio

Il nuovo studio ha visto 36 giovani sedentari immobilizzare il loro braccio non dominante indossando un gesso all’articolazione del gomito per tre settimane. Sono stati poi divisi in tre gruppi omogenei: un gruppo di contrazione concentrica che ha sollevato un manubrio usando il braccio non immobilizzato (sollevamento del peso- il muscolo si accorcia), un gruppo di contrazione eccentrica che abbassava il manubrio (abbassamento del peso – il muscolo si allunga) e un gruppo di controllo che non ha eseguito alcun esercizio.

Mentre il braccio era immobilizzato, i gruppi concentrici ed eccentrici hanno svolto sei sessioni di sollevamento pesi due volte alla settimana, per tre settimane. Le sessioni prevedevano l’esecuzione di cinque serie di sei esercizi di curl con manubrio corrispondenti al 20, 40, 40, 60, 60 e 80 per cento della loro forza massima. Quando il gesso è stato rimosso, il gruppo “eccentrico” ha mostrato un effetto di educazione incrociata più forte, aumentando la forza muscolare del 4% rispetto alla riduzione del 4% del gruppo “concentrico” e della diminuzione del 15% del gruppo di controllo. Inoltre, l’esercizio eccentrico ha fornito un effetto protettivo abbastanza forte da ridurre il picco di indolenzimento muscolare dell’80% rispetto al gruppo di controllo e del 40% del gruppo concentrico.  Tuttavia, coloro che hanno sollevato pesi hanno registrato un calo minimo o nullo della forza muscolare del braccio immobilizzato. Il gruppo concentrico ha visto una riduzione della forza muscolare del 4 percento, ma è interessante notare che la forza muscolare è aumentata del 4 percento per il gruppo eccentrico, mostrando un effetto di educazione incrociata più forte. I ricercatori hanno anche misurato le dimensioni del muscolo sul braccio immobilizzato. Nel gruppo di controllo le dimensioni del muscolo sono diminuite di circa il 12%, mentre le contrazioni muscolari concentriche ed eccentriche con il braccio opposto hanno contrastato l’atrofia muscolare del braccio immobilizzato. Le dimensioni dei muscoli sono diminuite del 4% nel gruppo concentrico, mentre nel gruppo eccentrico non è stata osservata alcuna riduzione delle dimensioni muscolari.

 

Effetto protettivo del danno muscolare

A tutti i partecipanti è stato chiesto di eseguire 30 contrazioni eccentriche con il braccio immobilizzato una volta rimosso il gesso; i ricercatori hanno misurato vari marcatori di danno muscolare prima, subito dopo e cinque giorni dopo l’esercizio. Il gruppo di controllo ha mostrato un forte indolenzimento muscolare e una perdita di forza dopo l’esercizio, mentre il gruppo concentrico ha mostrato danni molto minori.

Il professor Nosaka ha dichiarato che questi risultati supportano una precedente ricerca dell’ECU che evidenziava i benefici dell’esercizio eccentrico. “Sappiamo già che le contrazioni muscolari eccentriche sembrano essere le più efficaci nel promuovere la forza muscolare e l’aumento delle dimensioni, anche in dosi molto ridotte”, ha affermato. “È importante verificare se i risultati di quest’ultimo studio sono replicati per altri muscoli e se l’allenamento di resistenza eccentrica è efficace quando si tratta di immobilizzazione in caso di lesioni reali, come distorsioni o strappi dei legamenti, fratture ossee e interventi post-chirurgici.

 

 

Northrop Grumman e SpaceX insieme per la costellazione NRO: una partnership innovativa
Northrop Grumman e SpaceX insieme per la costellazione NRO: una partnership innovativa
Via Lattea: scoperto il buco nero stellare più grande
Via Lattea: scoperto il buco nero stellare più grande
Mars Sample Return: la NASA cerca soluzioni alternative al rinvio della missione
Mars Sample Return: la NASA cerca soluzioni alternative al rinvio della missione
Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Il chip di Neuralink riesce nel suo intento: tetraplegico riesce a giocare a scacchi con il pensiero (il video)
Il chip di Neuralink riesce nel suo intento: tetraplegico riesce a giocare a scacchi con il pensiero (il video)