Sclerosi multipla: la dieta mediterranea riduce il rischio di deterioramento cognitivo

Uno studio preliminare, pubblicato il 1° marzo 2023, ha suggerito che le persone affette da sclerosi multipla (SM) che seguono una dieta mediterranea potrebbero avere un rischio minore di problemi di memoria e di capacità di pensiero rispetto a coloro che non seguono questa dieta. Lo studio sarà presentato al 75° Meeting annuale dell’American Academy of Neurology, che si terrà a Boston dal 22 al 27 aprile 2023. La dieta mediterranea prevede un elevato apporto di verdure, legumi, frutta, pesce e grassi sani come quelli dell’olio d’oliva, e un basso apporto di latticini, carni e acidi grassi saturi. Secondo l’autrice dello studio, Ilana Katz Sand, della Icahn School of Medicine del Mount Sinai di New York, e membro dell’American Academy of Neurology, “È entusiasmante vedere che possiamo aiutare le persone affette da sclerosi multipla a mantenere una migliore cognizione seguendo una dieta di tipo mediterranea”. Le difficoltà cognitive sono molto comuni nella SM e spesso peggiorano nel tempo, anche con il trattamento con terapie modificanti la malattia. Le persone che vivono con la SM sono molto interessate ai modi in cui possono essere proattivi dal punto di vista dello stile di vita per contribuire a migliorare i loro risultati.

I risultati dello studio confermano che la dieta mediterranea riduce del 20% il rischio di deterioramento cognitivo nelle persone con SM

Lo studio ha coinvolto 563 persone con SM, che hanno compilato un questionario per dimostrare quanto seguissero la dieta mediterranea. In base alle loro risposte è stato assegnato un punteggio da zero a 14, con punteggi più alti assegnati a coloro che seguivano più da vicino la dieta. I ricercatori hanno poi diviso i partecipanti in quattro gruppi in base ai punteggi ottenuti con la dieta: il gruppo più basso aveva punteggi da zero a quattro e il gruppo più alto aveva punteggi pari o superiori a nove. I partecipanti hanno inoltre eseguito tre test per valutare le loro capacità di pensiero e di memoria. Un totale di 108 persone, pari al 19%, presentava un deterioramento cognitivo. I ricercatori hanno scoperto che le persone che seguivano più da vicino la dieta mediterranea avevano un rischio di deterioramento cognitivo inferiore del 20% rispetto alle persone che non seguivano la dieta. Tra i soggetti appartenenti al gruppo con il punteggio più basso della dieta, 34% presentavano un deterioramento cognitivo, rispetto a 13% dei soggetti appartenenti al gruppo con il punteggio più alto della dieta. La relazione era più forte tra le persone con SM progressiva, in cui la malattia peggiora costantemente, rispetto a quelle con SM recidivante-remittente, in cui la malattia si manifesta e poi va incontro a periodi di remissione. È importante notare che i risultati sono rimasti invariati anche quando i ricercatori hanno effettuato un rigoroso aggiustamento per altri fattori che potrebbero influenzare il rischio di deterioramento cognitivo, come lo stato socioeconomico, il fumo, l’indice di massa corporea, l’ipertensione e l’esercizio fisico.”Tra i fattori legati alla salute, il livello di allineamento della dieta al modello mediterraneo è stato di gran lunga il più forte predittore dei punteggi cognitivi delle persone e della loro rispondenza ai criteri dello studio per il deterioramento cognitivo”, ha detto Katz Sand, la quale ha aggiunto che per confermare i risultati sono necessari studi più lunghi che seguano le persone nel tempo e studi clinici interventistici ben progettati. Una limitazione dello studio è che i test sono stati effettuati una sola volta.

 

 

Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Vast: la stazione spaziale si collega a Starlink tramite laser
Vast: la stazione spaziale si collega a Starlink tramite laser
La NASA ha una nuova astronave pronta a trasportare equipaggio: il Boeing Starliner
La NASA ha una nuova astronave pronta a trasportare equipaggio: il Boeing Starliner
Il cromosoma artificiale che, forse, è la svolta per la lotta contro il cancro
Il cromosoma artificiale che, forse, è la svolta per la lotta contro il cancro
Quasar, creata mappa 3D con la più grande porzione di Universo finora compresa
Quasar, creata mappa 3D con la più grande porzione di Universo finora compresa