Respirare diventerà più difficile

L’aumento delle temperature può influenzare la chimica dell’aria e la dispersione degli inquinanti, rendendo più difficile la riduzione dell’inquinamento atmosferico. Inoltre, il cambiamento climatico può influire sulla produzione di sostanze inquinanti naturali, come accade quando i registra l’aumento delle emissioni di gas serra dai terreni agricoli. Non è corretto affermare che temperature più calde causino inquinamento atmosferico da fonti naturali, ma ci sono interazioni complesse tra clima e inquinamento che possono avere effetti significativi sulla qualità dell’aria.

Non tutto l’inquinamento proviene dall’uomo

Secondo una ricerca dell’UC Riverside, quando le temperature globali aumenteranno di 4 gradi Celsius, anche le emissioni nocive delle piante e le polveri aumenteranno fino al 14%, contribuendo al degrado della qualità dell’aria futura. Inoltre, si prevede che circa due terzi dell’inquinamento futuro provenga dalle piante, che emettono sostanze chimiche chiamate composti organici volatili biogenici (BVOC) che, quando reagiscono con l’ossigeno, producono aerosol organici che possono causare malattie respiratorie. Inoltre, la polvere del deserto sahariano è un’altra fonte naturale di inquinamento che contribuisce all’aumento del PM2,5, ovvero inquinanti aerotrasportati con un diametro di 2,5 micrometri o meno. È importante ridurre i livelli di CO2 per migliorare la qualità dell’aria e prevenire i danni alla salute causati dall’inquinamento atmosferico. “Non stiamo esaminando le emissioni umane di inquinamento atmosferico, perché possiamo cambiare le nostre emissioni”, ha detto James Gomez, dottorando dell’UCR e autore principale dello studio. “Possiamo passare alle auto elettriche. Ma questo potrebbe non cambiare l’inquinamento atmosferico prodotto dalle piante o dalla polvere”. I dettagli del degrado della qualità dell’aria futura dovuto a queste fonti naturali sono stati pubblicati sulla rivista Communications Earth & Environment.

Le piante e la produzione di BVOC

Si prevede che circa due terzi dell’inquinamento futuro proverrà dalle piante. Tutte le piante producono sostanze chimiche chiamate composti organici volatili biogenici, o BVOC. “L’odore di un prato appena tagliato o la dolcezza di una fragola matura sono BVOC. Le piante li emettono continuamente”, ha detto Gomez. Di per sé, i BVOC sono benigni. Tuttavia, quando reagiscono con l’ossigeno, producono aerosol organici. Inalati, questi aerosol possono causare mortalità infantile e asma infantile, oltre a malattie cardiache e cancro ai polmoni negli adulti. Due sono le ragioni per cui le piante aumentano la produzione di BVOC: l’aumento dell’anidride carbonica atmosferica e l’aumento delle temperature. Si prevede che entrambi questi fattori continueranno ad aumentare. Per essere chiari, la coltivazione delle piante è un vantaggio netto per l’ambiente. Riducono la quantità di anidride carbonica nell’atmosfera, contribuendo a controllare il riscaldamento globale. I BVOC prodotti dai piccoli giardini non danneggiano le persone. “Il vostro prato, ad esempio, non produrrà abbastanza BVOC da farvi ammalare”, ha spiegato Gomez. “È l’aumento su larga scala dell’anidride carbonica che contribuisce a far aumentare i BVOC nella biosfera e poi gli aerosol organici”. Il secondo maggior contributo all’inquinamento atmosferico futuro sarà probabilmente la polvere del deserto sahariano. “Nei nostri modelli, si prevede che un aumento dei venti porterà più polvere nell’atmosfera”, ha dichiarato Robert Allen, professore associato di Scienze della Terra e Planetarie all’UCR e co-autore dello studio. Con il riscaldamento del clima, è probabile che l’aumento della polvere sahariana venga trasportato in tutto il mondo, con livelli più elevati di polvere in Africa, negli Stati Uniti orientali e nei Caraibi. È probabile che le polveri sull’Africa settentrionale, compresi il Sahel e il Sahara, aumentino a causa dei monsoni più intensi dell’Africa occidentale.

L’impatto della CO2 sull’aumento degli inquinanti aerotrasportati e l’importanza di ridurre le emissioni per migliorare la qualità dell’aria

Sia gli aerosol organici che la polvere, così come il sale marino, il black carbon e il solfato, rientrano in una categoria di inquinanti aerotrasportati noti come PM2,5, perché hanno un diametro di 2,5 micrometri o meno. L’aumento dell’inquinamento da PM2,5 di origine naturale è cresciuto, in base a quanto riporta lo studio, in modo direttamente proporzionale ai livelli di CO2. “Più aumentiamo la CO2, più PM2,5 viene immesso nell’atmosfera, ma è vero anche l’inverso. Più riduciamo, più la qualità dell’aria migliora”, ha detto Gomez. Ad esempio, se il clima si riscalda di soli 2 gradi Celsius, lo studio ha rilevato un aumento del PM2,5 solo del 7%. Tutti questi risultati si applicano solo ai cambiamenti riscontrati nella qualità dell’aria sulla terraferma, poiché lo studio si concentra sugli impatti sulla salute umana. I ricercatori sperano che il potenziale di miglioramento della qualità dell’aria ispiri un’azione rapida e decisiva per ridurre le emissioni di CO2. Senza di essa, le temperature potrebbero aumentare di 4 gradi C entro la fine di questo secolo, anche se è possibile che l’aumento avvenga prima. Gomez avverte che le emissioni di CO2 dovranno diminuire drasticamente per avere un effetto positivo sulla futura qualità dell’aria. “I risultati di questo esperimento potrebbero anche essere un po’ conservativi perché non abbiamo incluso i cambiamenti dipendenti dal clima nelle emissioni di incendi boschivi come fattore”, ha detto Gomez. “In futuro, assicuratevi di avere un purificatore d’aria”.

 

Via Lattea: scoperto il buco nero stellare più grande
Via Lattea: scoperto il buco nero stellare più grande
Mars Sample Return: la NASA cerca soluzioni alternative al rinvio della missione
Mars Sample Return: la NASA cerca soluzioni alternative al rinvio della missione
Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Vast: la stazione spaziale si collega a Starlink tramite laser
Vast: la stazione spaziale si collega a Starlink tramite laser
Computer quantistici: Google lancia un concorso a premi con la fondazione XPrize
Computer quantistici: Google lancia un concorso a premi con la fondazione XPrize