L’esperienza psichedelica può migliorare la salute mentale

Secondo un nuovo studio, un’esperienza più mistica e profonda con le droghe psichedeliche può essere collegata a una riduzione duratura dei sintomi di ansia e depressione. I ricercatori hanno condotto un’analisi di apprendimento automatico dei dati di quasi 1.000 persone che hanno risposto a un sondaggio sulle loro precedenti esperienze non cliniche con le droghe psichedeliche. L’analisi suggerisce che gli individui che hanno ottenuto i punteggi più alti nei questionari che valutavano la natura mistica e penetrante delle loro esperienze hanno costantemente riportato miglioramenti nei loro sintomi di ansia e depressione. L’analisi suggerisce anche che un’esperienza impegnativa durante l’assunzione di queste sostanze, un’esperienza che sembra spaventosa o destabilizzante, può avere risultati benefici, soprattutto nel contesto di esperienze mistiche e penetranti. Questo potrebbe essere utile per i medici che guidano i pazienti attraverso gli studi clinici che testano il potenziale terapeutico degli psichedelici. “A volte la sfida nasce dal fatto che si tratta di un’esperienza intensamente mistica e penetrante che può, di per sé, essere impegnativa”, ha detto l’autore senior Alan Davis, professore e direttore del Centro per la ricerca e l’educazione sulle droghe psichedeliche presso il College of Social Work dell’Ohio State University. La ricerca è stata pubblicata di recente sul Journal of Affective Disorders.

Lo studio

Lo studio è il primo a caratterizzare i sottotipi dell’esperienza psichedelica soggettiva e a collegarli ai risultati della salute mentale. I dati provengono da un precedente lavoro condotto da Davis, consistente in un sondaggio anonimo su Internet di persone che hanno riferito di aver avuto in passato un’esperienza psichedelica da moderata a forte e di conseguenti cambiamenti nei loro sintomi di ansia e depressione – indipendentemente dal livello di tali sintomi prima dell’esperienza psichedelica. I 985 partecipanti, le cui risposte sono state analizzate in questo studio, hanno descritto le sostanze utilizzate e hanno compilato questionari che valutavano in che misura la loro esperienza psichedelica fosse stata: mistica (evocando un senso di pura consapevolezza, umore positivo e/o trascendenza del tempo e dello spazio difficile da descrivere a parole), psicologicamente perspicace (suscitando un’acuta comprensione di ricordi, emozioni, relazioni, comportamenti o convinzioni) o impegnativa. I risultati valutati nell’indagine comprendevano i livelli dei sintomi della depressione e dell’ansia e le valutazioni della soddisfazione per la vita e della flessibilità psicologica – la capacità di agire in modi coerenti con i propri valori indipendentemente da qualsiasi esperienza interna o esterna – prima e dopo l’uso della sostanza psichedelica.

Il campione comprendeva consumatori di psilocibina (funghetti allucinogeni), LSD, Ayahuasca, mescalina, cactus peyote e 5-MeO-DMT, la sostanza psichedelica naturale contenuta nel veleno del rospo del fiume Colorado, con il livello di dose stimato del singolo consumo di droga che ricordavano.

Dall’analisi dei dati sono emersi tre distinti sottotipi di esperienze psichedeliche:

  • Punteggio alto, che combina punteggi elevati nelle valutazioni mistica e intuitiva con punteggi moderati nella valutazione del viaggio extracorporeo come impegnativo/sfidante;
  • Punteggio basso, con punteggi da bassi a moderati nelle esperienze mistiche e penetranti e punteggi bassi del viaggio extracorporeo come impegnativo/sfidante;
  • Punteggio positivo, con punteggi elevati per le esperienze mistiche e penetranti e punteggi bassi nella valutazione del viaggio extracorporeo come impegnativo/sfidante.

“Il gruppo che ha avuto le esperienze mistiche e di intuizione più elevate e le esperienze di sfida più moderate ha mostrato i maggiori benefici in termini di remissione dei sintomi di ansia e depressione e di altri benefici più duraturi per la loro vita”, ha detto il primo autore Aki Nikolaidis, affiliato al Centro per la ricerca e l’educazione sulle droghe psichedeliche (CPDRE) dell’Ohio State e ricercatore presso il Centro per il cervello in via di sviluppo del Child Mind Institute.

Quando i ricercatori hanno analizzato solo i dati dei partecipanti che avevano fatto uso di psilocibina e LSD, sono emersi gli stessi schemi: tre sottotipi distinti che sono stati associati agli stessi risultati, compresi i benefici per la salute mentale anche dopo un’esperienza impegnativa. Questa replica dimostra l’importanza dell’esperienza soggettiva per i consumatori di psichedelici, ha detto Nikolaidis. “Identificare i sottotipi che esistono indipendentemente dallo psichedelico assunto risponde a una domanda interessante”, ha detto. “Ma il fatto che abbiamo scoperto che sono associati a risultati specifici, e che abbiamo replicato questo risultato, dimostra davvero perché è importante comprendere la natura potente di ciò che accade soggettivamente e il potenziale di produrre un risultato benefico che ha una sostanza di questo tipo, in modo oggettivo e indipendente”. Davis ha detto che osserverà se questi sottotipi di esperienze si applicano al contesto clinico, dove la terapia assistita dalla psilocibina è in fase di studio all’Ohio State per il trattamento del disturbo da stress post-traumatico tra i veterani militari.

 

È chiaro che questo studio non vuole spingere al consumo di certi tipi di sostanze. Questi sono studi indicizzati, portati avanti da professionisti e strutture che hanno la capacità di valutare il dosaggio e la situazione mentale (più o meno grave) dei partecipanti allo studio e chi si assumono la responsabilità di quello che fanno avendo gli strumenti adatti per valutare pro e contro.

 

Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Un articolo scientifico, con immagini insensate generate dall'AI, passa la revisione indisturbato
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Esplorare le frontiere dell'Universo: il nuovo progetto interstellare di Harold White tra motori a curvatura e propulsori quantistici
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Lupi di Chernobyl: grazie ad una mutazione genetica sviluppano la resistenza al cancro
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Il cervello di un maiale è stato mantenuto attivo, fuori dal suo corpo, per cinque ore
Verme nell’Oceano Pacifico: sorprendente scoperta a oltre 6.000 metri di profondità
Verme nell’Oceano Pacifico: sorprendente scoperta a oltre 6.000 metri di profondità
Galassia misteriosa: una scoperta casuale sfida le leggi dell'universo
Galassia misteriosa: una scoperta casuale sfida le leggi dell'universo
Il Castello della Walt Disney: sogno o realtà?
Il Castello della Walt Disney: sogno o realtà?