La scoperta di sei nuove galassie

Immagine delle sei galassie, 500-800 milioni di anni dopo il Big Bang. Una delle sorgenti (in basso a sinistra) potrebbe contenere un numero di stelle pari a quello della nostra odierna Via Lattea, ma è 30 volte più compatta.

“Questi oggetti sono molto più massicci di quanto ci si aspettasse”, ha dichiarato Joel Leja, professore assistente di astronomia e astrofisica alla Penn State. “Ci aspettavamo di trovare solo galassie piccole e giovani in questo momento, ma abbiamo scoperto galassie mature come la nostra”.

Utilizzando la prima serie di dati rilasciati dal telescopio spaziale James Webb della NASA, il team internazionale di scienziati ha scoperto sistemi di stelle maturi come la Via Lattea quando l’universo aveva solo il 3% della sua età attuale, circa 500-700 milioni di anni dopo il Big Bang. Il telescopio è dotato di strumenti di rilevamento a infrarossi in grado di rilevare la luce emessa dalle stelle e dalle galassie più antiche. In sostanza, il telescopio permette agli scienziati di vedere indietro nel tempo di circa 13,5 miliardi di anni, vicino all’inizio dell’universo come lo conosciamo, ha spiegato Leja. “Questo è il nostro primo sguardo così lontano, quindi è importante mantenere una mente aperta su ciò che stiamo vedendo”, ha detto Leja. Sebbene i dati indichino che si tratta probabilmente di galassie, ritengo che esista la possibilità concreta che alcuni di questi oggetti si rivelino essere buchi neri supermassicci oscurati”. In ogni caso, la quantità di massa che abbiamo scoperto significa che la massa conosciuta delle stelle in questo periodo del nostro universo è fino a 100 volte più grande di quanto si pensasse in precedenza. Anche se dimezziamo il campione, si tratta comunque di un cambiamento stupefacente”. In un articolo pubblicato su Nature, i ricercatori mostrano le prove che le sei galassie sono molto più massicce di quanto ci si aspettasse e mettono in discussione ciò che gli scienziati avevano capito in precedenza sulla formazione delle galassie all’inizio dell’universo.

E’ necessario rivedere tutto ciò che sappiamo dell’universo?

Leja ha spiegato che le galassie scoperte dal team sono così massicce da essere in contrasto con il 99% dei modelli cosmologici. Per tenere conto di una massa così elevata sarebbe necessario modificare i modelli cosmologici o rivedere la comprensione scientifica della formazione delle galassie nell’universo primordiale, secondo cui le galassie sono nate come piccole nubi di stelle e polvere che si sono gradualmente ingrandite nel tempo. Entrambi gli scenari richiedono un cambiamento fondamentale nella nostra comprensione di come è nato l’universo, ha aggiunto. “Abbiamo guardato per la prima volta nell’universo primordiale e non avevamo idea di cosa avremmo trovato”, ha detto Leja. “Abbiamo scoperto qualcosa di così inaspettato da creare problemi alla scienza. Mette in discussione l’intero quadro della formazione delle prime galassie”. Il 12 luglio la NASA ha pubblicato le prime immagini a colori e i primi dati spettroscopici del telescopio spaziale James Webb. Il più grande telescopio a infrarossi dello spazio, Webb è stato progettato per osservare la genesi del cosmo e la sua alta risoluzione gli permette di vedere oggetti troppo vecchi, lontani o deboli per il telescopio spaziale Hubble. Leja ha spiegato che un modo per confermare la scoperta del team e alleviare ogni “preoccupazione” sarebbe quello di scattare un’immagine dello spettro delle galassie massicce. Questo fornirebbe al team dati sulle distanze reali e anche sui gas e gli altri elementi che compongono le galassie. Il team potrebbe quindi utilizzare i dati per modellare un’immagine più chiara dell’aspetto delle galassie e della loro reale massa. “Uno spettro ci dirà immediatamente se queste cose sono reali o meno”, ha detto Leja. “Ci mostrerà quanto sono grandi e quanto sono lontane. La cosa divertente è che abbiamo tutte queste cose che speriamo di imparare da James Webb e questo non era in cima alla lista. Abbiamo trovato qualcosa che non avremmo mai pensato”.

 

Northrop Grumman e SpaceX insieme per la costellazione NRO: una partnership innovativa
Northrop Grumman e SpaceX insieme per la costellazione NRO: una partnership innovativa
Via Lattea: scoperto il buco nero stellare più grande
Via Lattea: scoperto il buco nero stellare più grande
Mars Sample Return: la NASA cerca soluzioni alternative al rinvio della missione
Mars Sample Return: la NASA cerca soluzioni alternative al rinvio della missione
Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Falcon 9: il primo stadio del razzo vola per la ventesima volta
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Cannone elettromagnetico: la Cina vuole costruirlo per lanciare i razzi nello spazio
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Il chip di Neuralink riesce nel suo intento: tetraplegico riesce a giocare a scacchi con il pensiero (il video)
Il chip di Neuralink riesce nel suo intento: tetraplegico riesce a giocare a scacchi con il pensiero (il video)