1 genitore su 3 somministra inutilmente i farmaci ai propri figli

Il primo metodo usato per verificare la presenza o meno di febbre è toccare la fronte per capire se è troppo calda. Secondo un nuovo sondaggio americano, però, alcuni genitori potrebbero interpretare in modo sbagliato questo parametro.  Mentre la maggior parte dei genitori riconosce che una febbre di basso grado aiuta l’organismo del bambino a combattere le infezioni, uno su tre somministrerebbe farmaci per ridurre la febbre in caso di picchi di temperatura inferiori a 100,4, che corrispondono ai nostri 38,3 C – cosa non raccomandata – secondo il sondaggio nazionale del C.S. Mott Children’s Hospital sulla salute dei bambini dell’Università del Michigan.

“Alcuni genitori si affrettano a somministrare subito le medicine ai loro figli, ma spesso è meglio lasciare che la febbre faccia il suo corso. Abbassare la temperatura di un bambino non aiuta a curare più velocemente la sua malattia. Anzi, una febbre bassa aiuta a combattere l’infezione. C’è anche il rischio di somministrare troppi farmaci quando non sono necessari, con conseguenti effetti collaterali”.ha dichiarato la co-direttrice del Mott Poll e pediatra del Mott, Susan Woolford.

Il rapporto si basa su 1.376 risposte di genitori di bambini di età non superiore ai 12 anni, intervistati tra agosto e settembre 2022. Due genitori su tre hanno dichiarato di essere molto sicuri di sapere se il loro bambino ha bisogno di farmaci per ridurre la febbre. Ma poco più della metà è sicura di comprendere come i valori della temperatura possano cambiare a seconda del metodo utilizzato.

Scegliere il metodo di misurazione adatto

Il metodo utilizzato per misurare la temperatura di un bambino è importante e può influenzare l’accuratezza della misurazione, osserva Woolford. I genitori intervistati sono soliti misurare la temperatura del bambino con la scansione della fronte o della bocca, mentre meno di un sesto utilizza metodi auricolari, ascellari o rettali. I termometri a distanza sulla fronte, o all’interno del condotto uditivo, possono essere considerati accurati se usati correttamente. Ma le letture sulla fronte possono essere imprecise, dice Woolford, se lo scanner è tenuto troppo lontano o se la fronte del bambino è sudata. Con i termometri auricolari, che non sono raccomandati per i neonati, anche il cerume può interferire con la lettura.

Per i neonati e i bambini piccoli, la temperatura rettale è più accurata. Una volta che i bambini sono in grado di tenere il termometro nella bocca chiusa, anche la temperatura orale è accurata, mentre quella ascellare è il metodo meno preciso. “I termometri a contatto utilizzano sensori di calore elettronici per registrare la temperatura corporea, ma la temperatura può fluttuare a seconda del modo in cui viene misurata”, ha detto Woolford. “Indipendentemente dal dispositivo utilizzato, è importante che i genitori rivedano le indicazioni per assicurarsi che il metodo sia appropriato per l’età del bambino e che il dispositivo sia posizionato correttamente quando si misura la temperatura”.

 

I consigli su come gestire la febbre nei bambini

L’autrice e pediatra, dopo aver analizzato i risultati dei sondaggi, fornisce alcune indicazioni sul trattamento della febbre. Innanzitutto, parte dal presupposto che la febbre può aiutare a combattere le infezioni. La febbre può essere benefica e ci sono diversi motivi per lasciare che una febbre di basso grado faccia il suo corso nei bambini più grandi, soprattutto perché funziona come un’arma per uccidere il virus o i batteri che causano la malattia, dice Woolford. È dimostrato che la febbre fa parte della risposta immunitaria per impedire a virus e batteri di replicarsi e per produrre più globuli bianchi e anticorpi. Anche i farmaci per ridurre la febbre mascherano i sintomi. “I farmaci usati per abbassare la temperatura trattano anche il dolore, ma il dolore è spesso un segnale che aiuta a localizzare la fonte di un’infezione“, ha detto Woolford. “Mascherando il dolore, i farmaci per ridurre la febbre possono ritardare la diagnosi e la somministrazione del trattamento necessario”. La dottoressa aggiunge che i genitori possono anche essere tentati di portare i bambini in pubblico quando sembrano migliorare dopo l’assunzione di un farmaco, mentre in realtà sono ancora molto contagiosi e potrebbero infettare altri. Se si ricorre ai farmaci, bisogna fare attenzione a non esagerare con le dosi. I genitori dei bambini piccoli, in particolare, dovrebbero evitare di usare farmaci combinati per il raffreddore e per ridurre la febbre, a causa del rischio di sovradosaggio.

Provare alternative per alleviare il disagio del bambino

Secondo Woolford, i genitori possono prendere in considerazione altri interventi per alleviare il disagio e favorire un sonno più riposante al posto dei farmaci. Tali approcci potrebbero includere il mantenimento di una stanza fresca e l’evitare che il bambino si affatichi troppo, oltre ad assicurarsi che il bambino indossi abiti leggeri e ad incoraggiarlo a mantenersi ben idratato con liquidi o ghiaccioli.

La pediatra comunque sottolinea alcuni aspetti importanti che riguardano la febbre nei neonati e nei bambini sotto i tre anni. Per i neonati e i bambini di tre mesi o meno, qualsiasi segno di febbre dovrebbe indurre a chiamare il medico. Per i bambini dai 4 ai 12 mesi, i genitori devono consultare il medico se la febbre è accompagnata da segni come diminuzione dell’attività, aumento del nervosismo o diminuzione dell’emissione di urina. I genitori dovrebbero anche chiamare se il bambino ha segni di dolore o se non si comporta da solo anche quando la temperatura scende. Le febbri che raggiungono i 40 gradi o che si mantengono per un periodo prolungato (più di 24 ore per i bambini di età inferiore ai due anni o più di tre giorni per i bambini di età superiore ai due anni) dovrebbero indurre a contattare il medico.

 

Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Liridi 2024: quando e come osservare la prima pioggia di meteore
Vast: la stazione spaziale si collega a Starlink tramite laser
Vast: la stazione spaziale si collega a Starlink tramite laser
La NASA ha una nuova astronave pronta a trasportare equipaggio: il Boeing Starliner
La NASA ha una nuova astronave pronta a trasportare equipaggio: il Boeing Starliner
Il cromosoma artificiale che, forse, è la svolta per la lotta contro il cancro
Il cromosoma artificiale che, forse, è la svolta per la lotta contro il cancro
Capsula Cst-100 Starliner: Boeing provvede al rifornimento di carburante
Capsula Cst-100 Starliner: Boeing provvede al rifornimento di carburante
Il chip di Neuralink riesce nel suo intento: tetraplegico riesce a giocare a scacchi con il pensiero (il video)
Il chip di Neuralink riesce nel suo intento: tetraplegico riesce a giocare a scacchi con il pensiero (il video)
Telescopio James Webb, trovate molecole organiche complesse nei ghiacci interstellari
Telescopio James Webb, trovate molecole organiche complesse nei ghiacci interstellari