I BTS: uno sguardo alla loro fulminea ascesa nella storia della musica

2 settimane fa

11 minuti

I BTS: uno sguardo alla loro fulminea ascesa nella storia della musica

Anche per chi non ha familiarità con il K-pop, i BTS sono difficili da non conoscere. La boy band di sette membri, nominata dalla rivista Time come una delle 25 persone (o gruppi di persone) più influenti su Internet, sta conquistando il mondo, un seguace alla volta.

Se non siete ancora rimasti ammaliati dalle canzoni orecchiabili dei BTS, i movimenti fluidi e le personalità adorabili, lo sarete presto. Ecco tutto ciò che devi sapere sul gruppo K-pop. I BTS potrebbero essere il gruppo di ragazzi più popolare che il mondo abbia mai visto. Con visualizzazioni da record per i loro video musicali su YouTube e acquisti di album insieme al loro potere da star – il gruppo ha incassato 130 milioni di dollari nelle vendite del 2019 solo dal merchandising– il gruppo K-pop di sette membri ha diventare una sensazione mondiale.

Diamo uno sguardo alla fulminea ascesa alla celebrità dei BTS e a come i membri hanno trasformato l’industria musicale con le intuizioni degli esperti del K-pop e dell’industria musicale, oltre a un case study della Harvard Business School pubblicato di recente che ha analizzato il successo della band.

I membri dei BTS sono stati scoperti per la prima volta nel 2010 dalla loro attuale società di gestione Big Hit Entertainment, una società di intrattenimento sudcoreana.

Le società di intrattenimento come Big Hit hanno diversi modi per reclutare talenti, sia online che nella vita reale, secondo un recente caso di studio della Harvard Business School che ha analizzato il successo globale dei BTS.

Ad esempio, il membro dei BTS Suga è stato scoperto durante un’audizione online nell’autunno del 2010, mentre Jungkook ha detto a un talk show coreano di essere stato scoperto dalle agenzie di talenti dopo aver fatto l’audizione per “Superstar K”, uno spettacolo coreano simile a “American Idol”.

Prima di diventare una band, hanno iniziato come tirocinanti per la Big Hit Entertainment. Jungkook dei BTS si esibisce sul palco durante il 102.7 KIIS FM’s Jingle Ball 2019 presentato da Capital One al Forum il 6 dicembre 2019 a Los Angeles, California. Dopo essere state scoperte, le nuove reclute diventano tirocinanti che hanno ricevuto un coaching per prepararle a diventare superstar. Ciò include lezioni di danza e canto, recitazione e formazione sui media.

“Pensalo come un college”, ha detto Bang Si-Hyuk, fondatore e co-CEO di Big Hit, nel case study di HBS. Molti di questi tirocinanti sono giovani adolescenti di età compresa tra i 13 ei 15 anni, secondo lo studio. Il membro più giovane del gruppo di ragazzi, JungKook, che ora ha 22 anni, aveva 14 anni quando ha iniziato come apprendista per Big Hit prima di debuttare pochi mesi prima di compiere 16 anni. Ha condiviso il suo viaggio che risale ai suoi inizi come apprendista nel suo singolo “My Time ” che è stato pubblicato nell’album dei BTS “Map of the Soul: 7”. Di seguito uno dei loro successi pubblicati su YouTube:

BTS: la nascita di una meteora musicale

I BTS: uno sguardo alla loro fulminea ascesa nella storia della musica

I tirocinanti si preparano a debuttare come artisti K-pop dopo circa tre anni di formazione, secondo il caso di studio. È un processo piuttosto spietato: secondo il caso di studio di Harvard, ci sono circa una dozzina di tirocinanti per ogni persona che ce la fa. Ciò significa che più di 80 persone potrebbero aver fatto il provino per i BTS, ma RM, Jin, Suga, J-Hope, Jimin, V e Jungkook sono quelli che ce l’hanno fatta.

Per quanto riguarda questo rigido processo di sviluppo del talento, Bang ha detto agli studiosi che le preoccupazioni dei gruppi di “produzione”, a scapito dell’individualità, sono valide. Dice che la compagnia si sforza di “trovare un equilibrio ideale tra l’efficienza del sistema e il rispetto per l’individualità di ogni artista”, secondo lo studio.

I BTS erano originariamente concepiti come un gruppo hip-hop, ma la band si è orientata verso il “modello idol”.

Inizialmente, i BTS sarebbero stati una crew hip-hop focalizzata sui rapper. Nel case study di HBS, Bang ha affermato che la società si è allontanata da questa pura attenzione all’hip-hop e alla fine si è orientata verso il “modello idol”.

Youngdae Kim, un critico musicale coreano noto per il suo libro “BTS The Review: A Comprehensive Look at the Music of BTS”, ha detto che gli idol di solito si riferiscono ad artisti K-pop che combinano canto e danza nelle loro esibizioni.

Il loro primo album “2 COOL 4 SKOOL” ha avuto un discreto successo, piazzandosi al decimo posto nella classifica musicale coreana mensile un mese dopo l’uscita.

La canzone del titolo dell’album, “No more dream”, può essere interpretata come un commento alle pressioni di crescere da adolescente in Corea.

La loro musica porta spesso messaggi su questioni sociali, che sono diventate parte dell’identità musicale del gruppo. La musica dei BTS in genere include un messaggio sui problemi sociali per i fan.

La filosofia dell’intera compagnia è quella di fare musica che conta. Herman ha detto che credeva che la musica dei BTS scavasse nelle “prime radici” del K-pop, dove gruppi idol come H.O.T. alle prese con problemi sociali in Corea. Nel periodo in cui i BTS hanno debuttato, tuttavia, Herman ha detto che era “piuttosto raro” che i gruppi usassero la loro musica per commenti sociali espliciti.

Una fan ha detto di essere attratta dalla musica del gruppo che condivide costantemente messaggi che si uniscono collettivamente come una “trama generale” che segue la crescita del gruppo così come la sua.

Molte delle loro canzoni sono interconnesse tra loro, quindi i loro testi non sono nel vuoto. I BTS abbracciano fortemente anche la loro identità di artisti coreani nella loro musica.

2 COOL 4 SKOOL

I BTS: uno sguardo alla loro fulminea ascesa nella storia della musica

Il gruppo incorpora commenti sociali su questioni locali della Corea, include dialetti coreani nella loro musica (la loro canzone “Paldogangsan” è letteralmente un rap sui dialetti regionali coreani, soprannominato “Saturi”) e indossa abiti tradizionali Hanbok coreani (Suga vestita in Hanbok per il video musicale del suo ultimo singolo “Daechwita”).

All’inizio, i BTS hanno abbracciato la loro identità coreana, perché volevano condividere narrazioni che fossero autentiche per loro, in quanto cittadini coreani.

Ora, penso che la vedano come una responsabilità: sono il più grande gruppo K-pop in questo momento e non nasconderanno la loro identità coreana… perché è quello che sono.

Sebbene l’eredità coreana sia una parte importante dell’identità musicale del gruppo, Jiye Kim ha detto che per i fan è stata una “battaglia in salita” vedere la copertura di persone che comprendono la cultura asiatica e coreana. Circa un anno dopo il loro debutto, i fan formarono un fan club ufficiale chiamato “A.R.M.Y.” per sostenere i BTS. Circa un anno dopo il debutto dei BTS nel 2013, il loro fan club ufficiale si è riunito. Il fan club, chiamato “A.R.M.Y.”, è l’abbreviazione di “Adorable M.C. for Youth”.

Jiye Kim insegna in una scuola superiore a Sydney, in Australia, durante il giorno, ma si offre volontaria – a volte fino a 15 ore al giorno per l’uscita di un album – per tradurre i contenuti dei BTS in inglese per i fan di tutto il mondo. Dice di aver stretto molte amicizie interagendo con altri fan attraverso i social media e ritiene che offrire volontariamente il suo tempo per tradurre i contenuti sia un modo per restituire qualcosa alla comunità.

Non traduce per i BTS, ma per i suoi compagni fan che attraverso i BTS trovano un senso di conforto o gioia. Una forte alleanza tra gli artisti e i fan è una parte fondamentale della cultura del fandom K-pop. Molti altri gruppi K-pop come le BLACKPINK hanno anche fan club ufficiali che li supportano.

Essere fan dei BTS

I BTS: uno sguardo alla loro fulminea ascesa nella storia della musica

I fan dei BTS hanno aumentato la loro presenza nell’era dei social media. I fan del K-pop hanno dichiarato di aver prenotato migliaia di biglietti per il raduno di Trump in Oklahoma prima di non presentarsi. I BTS e altri fan del K-pop sono diventati un movimento a sé stante online.

Più di recente, i fan dei BTS hanno ricevuto l’attenzione nazionale per il loro attivismo digitale virale, come l’abbinamento della donazione di 1 milione di dollari del gruppo K-pop al movimento Black Lives Matter.

I fan del K-pop hanno anche affermato di aver prenotato migliaia di biglietti per il raduno del presidente Donald Trump in Oklahoma, come accennato, e le file di posti sono rimaste vuote al raduno anche se non è chiaro se la campagna virale dei fan del K-pop sia stata la ragione).

Ju Oak Kim ha detto che i fan non sono più consumatori passivi del lavoro dei loro artisti. Kim afferma che oggi i fan sono in grado di vedere l’impatto tangibile che possono avere come consumatori e sono “potenziati” per essere proattivi nell’usare il loro capitale sociale come fandom collettivo.

Ad esempio, Jiye Kim ha affermato di aver già dato diversi contributi alle organizzazioni che sostengono il movimento Black Lives Matter dopo aver visto molti dei suoi compagni fan dei BTS condividere messaggi di solidarietà e sostegno. Ha detto di aver anche incaricato alcuni artisti fan dei BTS che hanno utilizzato i proventi della loro arte di donare al movimento.

I Record dei BTS

I BTS: uno sguardo alla loro fulminea ascesa nella storia della musica

Pochi anni dopo il loro debutto nel 2015, i BTS sono arrivati al primo posto in uno spettacolo musicale settimanale su una delle tre principali reti televisive coreane con il loro primo singolo con “I NEED U” dal loro terzo mini-album, “The Most Beautiful Moment of Life, part 1.”

Da allora, il gruppo ha continuato a battere record. Con l’album “Map of the Soul: 7” dei BTS ha segnato il quarto album numero 1 del gruppo nella classifica Billboard 200. L’album ha registrato 347.000 vendite di album e oltre 74 milioni di stream on demand, rendendola la “settimana più grande per qualsiasi album nel 2020”, ha riferito Billboard all’epoca.

Per il video musicale di “ON”, il singolo principale dell’album, l’Head of Culture and Trends di YouTube ha confermato di aver “stabilito un nuovo record di spettatori di punta per una premiere”.

Più di recente, i BTS hanno superato un Guinness World Record per il live streaming del concerto più visto in un concerto virtuale che è stato visto da oltre 700.000 fan in tutto il mondo.

I BTS sono diventati il primo artista K-pop a presentarsi ai Grammy Awards nel 2019. L’anno dopo, il gruppo è diventato il primo artista K-pop ad esibirsi alla premiazione.
Tuttavia, i fan sui social media hanno criticato lo spettacolo musicale per non aver incluso la musica del gruppo in nessuna delle loro nomination. Halsey, che ha collaborato con il gruppo per il loro singolo “Boy with Luv”, ha sostenuto il gruppo dicendo che “gli Stati Uniti sono così indietro”. Il cielo è il limite per i BTS. I BTS probabilmente continueranno a dominare l’industria musicale negli anni ’20.

Il loro ultimo album “Map of the Soul: Journey” è stato pubblicato in giapponese a luglio. Il nuovo album include versioni giapponesi di alcune delle loro ultime canzoni come “Boy with Luv” e “IDOL”, oltre a quattro nuove canzoni giapponesi. Al momento del rilascio, ha dominato la classifica Oricon del Giappone, aprendo un’altra regione del mondo per far brillare i BTS.

Nel frattempo, “Map of the Soul: 7” è diventato l’unico album pubblicato in quell’anno che ha venduto oltre mezzo milione di copie, secondo il rapporto di metà anno di Nielsen Music e MRC Data. Il rapporto colloca anche i BTS come il secondo artista di genere più ascoltato, dopo Billie Eilish e davanti perfino a Taylor Swift. Il famoso gruppo K-pop fa tutto da solo. Ciò significa che compongono, scrivono, modificano e registrano tutte le loro canzoni senza alcun aiuto esterno. A volte collaborano con altri artisti, ovviamente. Ora che sono un fenomeno internazionale, è difficile immaginare di chiamare i BTS con qualcosa di diverso da BTS. Tuttavia, si sono quasi chiamati “Big Kidz” o “Young Nation”, decidendo all’ultimo momento per Bangtan Sonyeondan.

Il leader del gruppo è RM, che una volta stava per Rap Monster, ma ora significa “Real Me”. Kim Nam-Joon o RM è uno dei migliori oratori inglesi in questa boy band nativa coreana e ha ammesso di aver ottenuto un afferrare la lingua guardando la popolare sitcom degli anni ’90, Friends!

E arriviamo alla fine del nostro viaggio nel K-Pop dicendo che l’hip-hop ha avuto un ruolo nel K-pop sin dai suoi primi giorni negli anni ’90, ma la Corea è nel bel mezzo di una rinascita del rap.

I BTS, come boy band, sembrano gli improbabili precursori del K-hip-hop, ma hanno fatto breccia nel genere che lo ha reso più accessibile al pubblico più in sintonia con il bubblegum pop. Diversi membri facevano anche parte della scena hip-hop underground coreana prima del debutto. Dopo aver iniziato la loro carriera tentando di imitare il tipico swag hip-hop, i BTS sono stati criticati per appropriazione culturale e per non essere autentici. Hanno esplorato la storia e la musicalità dell’hip-hop attraverso il loro reality show del 2014 American Hustle Life, con un corso intensivo sul genere con l’aiuto di Coolio e Warren G.

La storia della Corea: perché le due Coree sono divise?
La storia della Corea: perché le due Coree sono divise?
Film e serie tv coreani: perché si parla di Corea-mania?
Film e serie tv coreani: perché si parla di Corea-mania?
Intervista a Im Sang-soo al Florence Korea Film Fest 2022
Intervista a Im Sang-soo al Florence Korea Film Fest 2022
Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata
Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata
Kim Ki-duk: l'enfant terrible del cinema sudcoreano
Kim Ki-duk: l'enfant terrible del cinema sudcoreano
Il Trono del Re: la musica e l'entertainment - con Andrea Rock e Andrea Paoli
Il Trono del Re: la musica e l'entertainment - con Andrea Rock e Andrea Paoli
Youtube Red in arrivo in Europa?
Youtube Red in arrivo in Europa?