Dove sviluppare le infrastrutture per l’energia pulita?

ll Geospatial Energy Mapper (Mappatore Geospaziale dell’Energia) è uno strumento interattivo di mappatura online che può aiutare a identificare le aree del Paese adatte a progetti di infrastrutture eoliche, solari e di altre energie pulite. È stato ideato con l’idea di avere uno strumento, facilmente accessibile e facile da usare, dedicato alla mappatura delle infrastrutture energetiche. Lanciato per la prima volta nel 2013 con il nome di Energy Zones Mapping Tool (EZMT), GEM è stato ridisegnato, ribattezzato e reingegnerizzato.

“In GEM abbiamo applicato le lezioni apprese in quasi 10 anni, tra cui la facilità di apprendimento e di utilizzo, l’aggiornamento dell’architettura del software e la scelta di un nome che si adatti al suo attuale campo di utilizzo”, ha dichiarato Jim Kuiper, ingegnere geospaziale principale e coordinatore tecnico di GEM. Il tool offre un ampio catalogo di dati cartografici. Include risorse e infrastrutture energetiche e altre informazioni che possono influenzare le decisioni di localizzazione delle infrastrutture energetiche. Con oltre 190 diversi livelli di mappatura – tra cui dati demografici, confini e servizi – gli utenti possono localizzare aree per la produzione di energia pulita, stazioni di ricarica per veicoli elettrici e altro ancora.

Una delle nuove caratteristiche è rappresentata dai temi di mappatura, che consentono di impostare rapidamente la mappa per un particolare obiettivo, come l’energia solare, eolica o i veicoli elettrici. Questa nuova funzione aiuta gli utenti a caricare rapidamente più livelli relativi a una particolare tecnologia o risorsa senza dover sfogliare manualmente il catalogo cartografico e aggiungere singoli livelli alla mappa. “Scegliere dove costruire uno sviluppo di energia rinnovabile su scala pubblica è una decisione estremamente importante, con effetti che si ripercuotono al di là della produzione di elettricità”, ha dichiarato Michael Levin, utente di GEM e dottorando che studia i paesaggi delle energie rinnovabili alla Columbia University. GEM non solo rende pubbliche le mappe di idoneità energetica, ma consente all’utente di personalizzare il modello utilizzato per produrre tale mappa”. Geospatial Energy Mapper offre quasi 100 criteri di modellazione tra cui scegliere. La densità di popolazione, la vicinanza alla sottostazione più vicina, la pendenza, il rischio di incendi e la percentuale di famiglie a basso reddito sono solo alcuni esempi. È possibile analizzare nove tipi di risorse per lo sviluppo di risorse energetiche pulite. Si tratta di biomassa, carbone (con cattura e sequestro del carbonio), geotermia, gas naturale, nucleare, solare, stoccaggio, acqua ed eolico. Si prevede a usufruirne sarà una comunità di utenti diversificata, proprio come è successo per il suo antenato EZMT. Lo strumento è stato utilizzato da pianificatori e regolatori a tutti i livelli di governo. Ad esempio, l’Ufficio per le politiche energetiche del Kentucky ha utilizzato l’EZMT per la prototipazione dello strumento per l’idoneità dei siti solari sui terreni minerari bonificati. Altri utenti sono l’industria privata o le commissioni di servizio pubblico.

 

Eventi climatici estremi in Italia: +135% da gennaio a maggio 2023
Eventi climatici estremi in Italia: +135% da gennaio a maggio 2023
Parco agrivoltaico: inaugurato il più grande d'Italia
Parco agrivoltaico: inaugurato il più grande d'Italia
Emergenze climatiche in Italia: 1674 eventi estremi in poco più di un decennio
Emergenze climatiche in Italia: 1674 eventi estremi in poco più di un decennio
Eolico galleggiante: espansione verso i 4 GW di capacità installata in Europa
Eolico galleggiante: espansione verso i 4 GW di capacità installata in Europa
Ere glaciali: nuovo studio sul clima del passato
Ere glaciali: nuovo studio sul clima del passato
Clima: il rapporto del C3S
Clima: il rapporto del C3S
I dati satellitari mostrano una grave siccità in Europa
I dati satellitari mostrano una grave siccità in Europa