Scoperti due esopianeti composti in maggioranza d’acqua

3 mesi fa

Un gruppo di ricerca guidato da astronomi dell’Università di Montréal ha trovato la prova che due esopianeti in orbita attorno a una stella nana rossa sono “mondi d’acqua”, ovvero pianeti in cui l’acqua costituisce una grande frazione del loro volume. Questi mondi, situati in un sistema planetario a 218 anni luce di distanza nella costellazione a Lira.

Il team, guidato da Caroline Piaulet dell’Istituto Trottier per la ricerca sugli esopianeti (iREx) dell’Università di Montréal, ha pubblicato sulla rivista Nature Astronomy uno studio dettagliato del sistema planetario noto come Kepler-138. Piaulet, ha osservato gli esopianeti Kepler-138c e Kepler-138d con i telescopi spaziali Hubble e Spitzer della NASA, ormai in disuso, e ha scoperto che i pianeti – che sono grandi circa una volta e mezza la Terra – potrebbero essere composti in gran parte di acqua che non è stata rilevata direttamente, ma confrontando le dimensioni e le masse dei pianeti con i modelli. I ricercatori sono arrivati alla conclusione che la metà del volume dei pianeti dovrebbe essere costituita da materiali più leggeri della roccia ma più pesanti dell’idrogeno o dell’elio (che costituiscono la maggior parte dei pianeti giganti gassosi come Giove). Il più comune di questi materiali candidati è l’acqua.

“In precedenza pensavamo che i pianeti un po’ più grandi della Terra fossero grandi palle di metallo e roccia, come versioni in scala della Terra, e per questo li abbiamo chiamati super-Terra”, ha spiegato Benneke. “Tuttavia, ora abbiamo dimostrato che questi due pianeti, Kepler-138c e d, hanno una natura molto diversa: una grande frazione del loro intero volume è probabilmente composta da acqua. È la prima volta che osserviamo pianeti che possono essere identificati con sicurezza come mondi d’acqua, un tipo di pianeta di cui gli astronomi hanno teorizzato l’esistenza per molto tempo”.

“In precedenza pensavamo che i pianeti un po’ più grandi della Terra fossero grandi sfere di metallo e roccia, come se fossero versioni in scala del nostro pianeta, e per questo li chiamavamo super-Terra”, ha spiegato Benneke. “Tuttavia, ora abbiamo dimostrato che questi due pianeti, Kepler-138c e d, hanno una natura molto diversa: una grande frazione del loro intero volume è probabilmente composta da acqua. È la prima volta che osserviamo pianeti che possono essere identificati con sicurezza come mondi d’acqua, un tipo di pianeta di cui gli astronomi hanno teorizzato l’esistenza per molto tempo”.

Il paragone più vicino ai due pianeti, secondo i ricercatori, è rappresentato da alcune lune ghiacciate del sistema solare esterno, anch’esse composte in gran parte da acqua che circonda un nucleo roccioso. “Immaginate delle versioni più grandi di Europa o Encelado, le lune ricche d’acqua che orbitano intorno a Giove e Saturno, ma molto più vicine alla loro stella”, ha spiegato Piaulet. “Invece di una superficie ghiacciata, Kepler-138 c e d ospiterebbero grandi involucri di vapore acqueo”.

I ricercatori avvertono che i pianeti potrebbero non avere oceani come quelli della Terra direttamente sulla superficie del pianeta. “La temperatura delle atmosfere di Kepler-138c e Kepler-138d è probabilmente superiore al punto di ebollizione dell’acqua e ci aspettiamo che su questi pianeti ci sia un’atmosfera spessa e densa fatta di vapore. Solo sotto questa atmosfera di vapore potrebbe esserci potenzialmente acqua liquida ad alta pressione, o anche acqua in un’altra fase che si verifica ad alte pressioni, chiamata fluido supercritico”, ha detto Piaulet.

 

Smertrios: un esopianeta dalle molte sfaccettature
Smertrios: un esopianeta dalle molte sfaccettature
Esopianeta TRAPPIST-1 b: temperatura rilevata da Webb
Esopianeta TRAPPIST-1 b: temperatura rilevata da Webb
Giornata Mondiale dell'Acqua: l'evento del Green Building Council Italia
Giornata Mondiale dell'Acqua: l'evento del Green Building Council Italia
PFAS nell'acqua: limiti fissati per legge, una svolta storica
PFAS nell'acqua: limiti fissati per legge, una svolta storica
Acqua: ecco qual è la migliore
Acqua: ecco qual è la migliore
La NASA conferma il primo esopianeta
La NASA conferma il primo esopianeta
Guerre dell'acqua: uno studio italiano aiuterà a prevederle
Guerre dell'acqua: uno studio italiano aiuterà a prevederle