Podargo: salvato pulcino finito per terra

2 mesi fa

pulcino di podargo

Il suo nome è Pod, è un pulcino di podargo strigoide. Ritrovato per strada ai piedi di un albero, assomigliava a un batuffolo di cotone. Un passante che camminava per le strade di Brighton, in Australia, ha visto questa pallina di pelo bianca vicino a un albero. Il batuffolo ha iniziato a muoversi, e sono comparsi zampe e becco. L’uomo ha capito che si trattava del piccolo di un podargo, un uccello notturno presente in gran parte dello Stato oceanico. Magari era caduto dal nido posto su un albero o nelle vicinanze. 

L’uccellino era stato abbandonato e l’uomo ha avuto pietà e ha deciso di affidarlo alle cure del Bonorong Wildlife Sanctuary. Ecco che il piccolo podargo è stato chiamato Pod. Sui social le sue foto sono diventate virali, il suo peso è poco più di 20 grammi. Si è creato una sorta di indovinello per cercare di indovinare di quale animale si trattasse. Molti hanno saputo la risposta, ma altri hanno solo commentato dicendo che è l’esserino più carino mai visto. Il piccolo batuffolo bianco resterà al santuario, finché non sarà adulto da potersela cavare in modo indipendente. In quel momento sarà rimesso in libertà nel suo habitat naturale. 

 

 

Lago Hillier: in Australia, ecco perché è rosa
Lago Hillier: in Australia, ecco perché è rosa
Rospo bufalo gigante: scoperto in Australia
Rospo bufalo gigante: scoperto in Australia
Green: in Australia primato mondiale per le proprietà immobiliari
Green: in Australia primato mondiale per le proprietà immobiliari
La grotta più profonda d'Australia richiede 14 ore per la discesa
La grotta più profonda d'Australia richiede 14 ore per la discesa
Grande Barriera Corallina: ecosistema australiano si ripopola
Grande Barriera Corallina: ecosistema australiano si ripopola
Cambiamento climatico: in Australia nuova legge per combatterne gli effetti
Cambiamento climatico: in Australia nuova legge per combatterne gli effetti
La nanostruttura del guscio delle uova: il segreto della "forza" dei pulcini
La nanostruttura del guscio delle uova: il segreto della "forza" dei pulcini