Terme di Saturnia: guida ad piccolo paradiso della Maremma

2 mesi fa

terme di Saturnia

Le strutture terminali con sorgenti calde naturali e trattamenti di fangoterapia, massaggi, piscine e terapie mediche specifiche dai costi più o meno lussuosi sono dappertutto. Le terme di Saturnia invece sono una delle aree termali a libero accesso e gratis sia in inverno che in estate. Sono sorgenti di acqua sulfurea a Manciano, Grosseto. Saturnia era invece una cittadina antichissima risalente all’età del Bronzo. La zona è in Maremma, un piccolo pezzo di paradiso in Toscana meridionale. Le cascate principali delle terme di Saturnia sono le cascate del Mulino. Per arrivare alle terme in auto, ecco le direttive:

  • da nord: autostrada A1 Milano-Bologna-Firenze. Uscire a Firenze Certosa, seguire la superstrada in direzione Siena – Grosseto – Scansano – Montemerano – Saturnia
  • da sud: A12 Roma – Civitavecchia, uscita Civitavecchia. Seguire la SS1 Aurelia fino a Montalto di Castro. Subito dopo aver superato Montalto di Castro, uscire al bivio di Vulci e seguire le indicazioni per Manciano – Saturnia
  • per raggiungere invece le Cascate del Mulino è sufficiente percorrere la strada che da Scansano porta a Manciano

Insomma, un percorso facile per arrivare in un luogo speciale dove potersi immergere in una dimensione rilassante! Le cascate hanno una notevole portata della sorgente (800 litri al secondo). Hanno una temperatura di 37,5 gradi con elementi che donano benessere alla persona. Le acque sono ricche di sali minerali e zolfo. Secondo gli esperti è la migliore acqua termale italiana. Il suo segreto è la copertura di una protezione argillosa che isola ogni tipo di contaminazione esterna e assorbe gli elementi chimici benefici all’uomo. Sono numerosi i campi di terapia dell’acqua termale di Saturnia:

  • dermatologia (acne, eczema, psoriasi, dermatite allergica, dermatite seborroica, micosi)
  • otorinolaringoiatria cronica (faringite), tonsillite cronica, rinite cronica, rinite allergica
  • apparato respiratorio (bronchite cronica, sindrome rino-sinuso-bronchiale cronica)
  • apparato muscolo-scheletrico (osteoartrite, reumatismi, paramorfismi)
  • apparato digerente (dispepsia, stipsi)

A Saturnia, oltre a stabilimenti a pagamento si trovano anche terme gratis, sono le cascate del Mulino, attrazione turistica ormai da tanti anni. Il continuo flusso dell’acqua ha creato terrazze di piscine calcaree, dove potersi immergere per beneficiare le virtù dell’acqua. L’ingresso e il parcheggio sono gratuiti, ed ecco è questa la notorietà delle terme di Saturnia. L’affollamento di visite avviene soprattutto nei fine settimana estivi. Si può fruire anche di un bar fornito ed economico per bere e mangiare, ideale anche per chi è di passaggio. Se non si ama l’affollamento estivo, meglio scegliere una bella giornata infrasettimanale in bassa stagione. Scegliendo un orario verso sera diventa un’esperienza indimenticabile. Ecco però alcuni aspetti da non trascurare:

  • portarsi ciabattine da scoglio per muoversi al meglio
  • un piccolo ombrellone nella stagione calda e una crema solare
  • un bel telo per asciugarsi fuori dall’acqua, mentre se andate in una stagione fredda portate un ricambio pronto, oltre a un costume adatto
  • non stare troppo a lungo nell’acqua termale per chi ha problemi dermatologici o pelli sensibili
  • entrare con cautela nelle acque troppo calde, se si ha la pressione bassa

In estate è un’avventura che tonifica il corpo e lo spirito. Fare un bagno sotto le stelle è ideale con vortici d’acqua calda che salgono verso il cielo creando un’atmosfera magica e surreale. Se andate di notte, portate una torcia e dei sandali per camminare sulle rocce scivolose. Non portare troppi oggetti, visto che il luogo è all’aperto. Insomma, un’esperienza assolutamente consigliabile!

 

 

Mola, Toscana: ritorno delle farfalline credute scomparse
Mola, Toscana: ritorno delle farfalline credute scomparse
La lavanda tinge l’Italia del fascino della Provenza
La lavanda tinge l’Italia del fascino della Provenza
La lavanda tinge l’Italia del fascino della Provenza
La lavanda tinge l’Italia del fascino della Provenza