Google Translate chiude definitivamente in Cina

2 mesi fa

Google ha sempre mantenuto, all’interno della Cina, un apporto limitato e una presenza inferiore in confronto a quanto si può vedere negli altri paesi. Dal 2019 non c’è più il motore di ricerca, a tutti gli effetti il core business di Google, mentre rimanevano Mappe e Traduttore. Ora invece, anche Google Translate è stato rimosso dalla Cina, lasciando solo il navigatore.

Google ha spiegato ai colleghi di TechCrunch che il motivo riguarda il basso utilizzo di questo servizio, ma a tutti gli effetti potrebbe avere il ruolo di causa in questo avvenimento anche il futuro 20esimo Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese, che si terrà il 16 ottobre.

Ricordiamo che questo non significa che la Cina sta escludendo il suo apporto nel mondo dei social: tutt’altro, considerando che TikTok intanto continua a generare numeri da capogiro (nonostante più volte abbia ricevuto offerte per essere acquistata da aziende estere).

Google comunque offre servizi anche a terze parti, come KOReader, e adesso chi utilizzava quel software – un servizio per vedere documenti – si chiede se discontinuerà il proprio apporto a tale applicativo, o se invece in quel caso rimarrà (considerato che a differenza di Translate, Google a tutti gli effetti dovrebbe venir pagata dalla compagnia che sviluppa il software).

 

La Corea del Sud apre le indagini su Google e Apple per i metodi di pagamento alternativi
La Corea del Sud apre le indagini su Google e Apple per i metodi di pagamento alternativi
Google invita Apple ad utilizzare la tecnologia RCS per i messaggi
Google invita Apple ad utilizzare la tecnologia RCS per i messaggi
Google pagherà Wikimedia per ottenere informazioni più efficientemente
Google pagherà Wikimedia per ottenere informazioni più efficientemente
Google, Microsoft e Apple collaborano per un futuro senza password
Google, Microsoft e Apple collaborano per un futuro senza password
Google e Meta sotto indagine dell'UE per degli accordi pubblicitari
Google e Meta sotto indagine dell'UE per degli accordi pubblicitari
Google agli impiegati di Kiev: "Restate al sicuro"
Google agli impiegati di Kiev: "Restate al sicuro"
PUBG: Battlegrounds, il creatore ha fatto causa a Garena citando anche Apple e Google
PUBG: Battlegrounds, il creatore ha fatto causa a Garena citando anche Apple e Google

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.