Produttività: aumenta con la settimana lavorativa di 4 giorni

4 mesi fa

settimana lavorativa di 4 giorni

Nel Regno Unito la settimana lavorativa di 4 giorni è stata mantenuta anche dopo il periodo di prova. Il motivo è relativo al fatto che aumenti la produttività. Le 70 aziende inglesi che hanno partecipato all’esperimento provando la settimana breve per sei mesi hanno tratto effettivi vantaggi. L’88% delle imprese è rimasto soddisfatto per la settimana lavorativa di 4 giorni e l’86% ha voluto continuare ad attuarla. Il 46% afferma che la produttività sia stata mantenuta allo stesso livello, dall’altra il 34% registra un leggero miglioramento e il 15% un aumento notevole.

Le aziende partecipanti alla sperimentazione della settimana breve fanno parte dei settori più disparati. L’esperimento ha coinvolto 3.300 lavoratori ed è stato promosso dall’organizzazione no profit 4 Day Week Global. Tutto in collaborazione con il think tank Autonomy e i ricercatori del Boston College e delle università di Oxford e Cambridge.

 

All’inizio non è stata una passeggiata, come non lo è mai stato alcun cambiamento importante. Alcune settimane sono più facili di altre e le ferie annuali possono rendere più difficile l’adattamento, ma ora siamo molto più organizzati. Accorciare la settimana lavorativa è stato fantastico per il nostro benessere e siamo già decisamente più produttivi.

Nicci Russell, amministratore delegato di Waterwise, azienda partecipante all’esperimento

 

 

Lavoro: dimissioni sempre più numerose
Lavoro: dimissioni sempre più numerose
Annunci di lavoro: in Svizzera è boom sui giornali
Annunci di lavoro: in Svizzera è boom sui giornali
Colf e badanti: previsto +9,2% di retribuzione
Colf e badanti: previsto +9,2% di retribuzione
Carceri: un detenuto su 3 ha un lavoro
Carceri: un detenuto su 3 ha un lavoro
Curriculum vitae: come strutturarlo?
Curriculum vitae: come strutturarlo?
Lavoro a domicilio: ecco come funziona
Lavoro a domicilio: ecco come funziona
Mondo della moda: le reali opportunità di lavoro
Mondo della moda: le reali opportunità di lavoro