House of The Dragon episodio 6, la recensione: l’amore è una rovina

2 mesi fa

8 minuti

House of The Dragon - episodio 6, la recensione: l'amore è una rovina

Siete pronti a fare un altro salto temporale e a ritrovarvi davanti a dei perfetti sconosciuti? Iniziamo la recensione dell’episodio 6 di House of the Dragon ribadendo una delle scelte creative più azzardate: un salto temporale di 10 anni proprio nel bel mezzo della prima stagione, che introduce le nuove attrici che assumono i ruoli principali di Rhaenyra Targaryen e Alicent Hightower.

Con poche eccezioni, come i bambini di Lord Corlys Velaryon (Steve Toussaint), ognuno interpretato da tre set di attori per tutta la stagione, Rhaenyra e Alicent sono gli unici due membri principali del cast a cambiare interpreti dopo il salto temporale. Ciò ha reso il balzo in avanti del decennio di metà stagione insolitamente pesante e, per la maggior parte, House of the Dragon non ne fa un grosso problema.

Questo è in linea con le abitudini consolidate. L’epica di House of the Dragon è stata solo sottilmente accennata nella serie. Dopo che il testo sullo schermo nella premiere indicava che gli eventi della serie si svolgevano 172 anni prima della nascita di Daenerys Targaryen, House of the Dragon non ha più accennato alla linea temporale.

I personaggi denotano il passare del tempo e dicono quanti anni sono passati, spesso a beneficio del pubblico, ma i salti temporali in questa serie sono stati frequenti. Il tempo che intercorre tra un episodio e l’altro è semplicemente quanto tempo ci vuole prima che accada un’altra cosa interessante, che si tratti di quattro giorni o quattro anni. Di seguito, ecco il video Inside the Episode dell’episodio 6 pubblicato su YouTube:

La principessa e la regina

House of The Dragon - episodio 6, la recensione: l'amore è una rovina

Continuiamo la recensione dell’episodio 6 di House of The Dragon parlando di quanto sia un po’ spaesante, anche se coerente, vedere la serie introdurre le nuove versioni di Rhaenyra e Alicent in circostanze relativamente banali. Incontriamo prima Rhaenyra (ora interpretata da Emma D’Arcy dopo il ruolo di Milly Alcock nei panni della giovane Rhaenyra) nel bel mezzo del parto. L’arrivo di suo figlio, Joffrey, è ciò su cui l’episodio 6 intitolato “La principessa e la regina” si basa nella sua struttura, poiché Rhaenyra sceglie di rinunciare al riposo per portare il figlio appena nato in giro per la corte.

È così che impariamo il nuovo status quo, che è sorprendentemente simile a quello vecchio. Viserys (Paddy Considine) è sopravvissuto al terribile crollo della scorsa settimana e continua a regnare come re, e Alicent (Olivia Cooke al posto di Emily Carey) si è adattata al suo ruolo di regina.

Il posto è pieno di bambini, poiché Rhaenyra ha altri due figli oltre a Joffrey – nessuno dei quali, osserva Alicent, assomiglia a suo marito, Laenor Velaryon (ora interpretato da John Macmillan). Il figlio di Alicent, Aegon, è ora un adolescente che si fa le pugnette alla finestra, ed è ancora il cuore del tranquillo conflitto a lungo ribollente di Alicent con Rhaenyra, che rimane l’erede al posto di suo figlio.

Finora, House of the Dragon si è svolto come un’opera in quattro atti rispetto all’ouverture. Abbiamo ottenuto micro versioni dei conflitti che alla fine scoppieranno in una vera e propria guerra civile tra le nostre due fazioni principali. Abbiamo accolto un flusso costante di personaggi e appreso tutti i loro segreti, debolezze e motivazioni mentre trovano con cura il loro posto sulla grande scacchiera. Molti di loro, specialmente in questo episodio, ruotano in posizione solo per essere immediatamente eliminati per disgrazia o morte.

Le esplosioni intermittenti di violenza scioccante hanno finora devastato solo i personaggi periferici, mai Rhaenyra o Alicent direttamente. L’unica eccezione a questa regola riguarda il tipo di violenza che raramente viene inquadrata come tale: il parto.

Una di quelle scene brutali del parto ha costituito il nucleo sanguinante del primo episodio con la morte della madre di Rhaenyra che gettava una lunga ombra sulla Fortezza Rossa. Ora, mentre la stagione fa il suo più grande salto temporale, diamo uno sguardo straziante ad altre due di quelle scene di nascita: una con un risultato che suggerisce che i legami familiari sono, essi stessi, atti di violenza, e che ogni foglia sul fitto albero genealogico dei Targaryen è, in verità, una cicatrice di battaglia.

I magnifici Targaryen

House of The Dragon - episodio 6, la recensione: l'amore è una rovina

Cerchiamo di dare un senso alla recensione dell’episodio 6 di House of The Dragon con qualche considerazione. Nei panni di Alicent, Emily Carey, pietrificata e con gli occhi spalancati, si trasforma senza problemi nella costantemente calcolatrice (ma sempre con gli occhi spalancati) e permanentemente paranoica Olivia Cooke. Tale padre tale figlia.

Durante il tempo che abbiamo saltato avanti, i principali attori della Danza dei Draghi (l’imminente guerra civile) sono arrivati ​​sulla scena. I bambini Targaryen sono cresciuti in una bolla di privilegi che poche cose sono riuscite a bucare. In un momento davvero esilarante, Alicent cerca di convincere Aegon che la sua sorellastra reclamerà il trono, e lui borbotta: “Allora?”, lasciandola a spiegare a lui e con lettere maiuscole la trama di questa serie.

I figli di Rhaenyra e del suo amante, Harwin Strong (Ryan Corr) sono invece i seguenti: Jacaerys “Jace” Velaryon (Leo Hart), Lucerys “Luke” Velaryon (Harvey Sadler) e Joffrey Velaryon — la cui nascita assistiamo in una scena di apertura estenuante. I ragazzi portano tutti il ​​nome Velaryon nonostante siano ovviamente i discendenti di Rhaenyra e del suo fidanzato dai capelli castani, non Rhaenyra e suo marito Laenor.

Per darvi un’idea di quanto siano complicati i legami della famiglia Velaryon, Laenor insiste nel chiamare il neonato Joffrey come il suo amante perduto, Joffrey Lonmouth, l’uomo che ha incontrato una fine orribile per mano di ser Criston Cole nell’episodio precedente, spezzando il cuore di Laenor.

L’amore è una rovina

House of The Dragon - episodio 6, la recensione: l'amore è una rovina

Arriviamo alla conclusione della recensione dell’episodio 6 di House of The Dragon dicendo che mentre le cose sono miserabili ad Approdo del Re, il salto temporale sembra aver servito bene Daemon (Matt Smith). Daemon e la sua nuova moglie Laena Velaryon (Nanna Blondell) sono fuggiti a Pentos dove loro e le loro due figlie Rhaena (Eva Ossei-Gerning) e Baela (Shani Smethurst) perseguono una vita tranquilla e lussuosa.

Daemon è davvero il coltellino svizzero di House of The Dragon. Anche se ogni personaggio cambia leggermente da salto temporale a salto temporale, nessuno è il camaleonte che è Daemon.

Anche se manca solo un decennio dall’assassinio della sua prima moglie, qualcosa nel cambiamento nell’ambiente (e, cosa più importante, l’allontanamento dalla sua famiglia) ha davvero addolcito il drago. Ecco perché risponde così favorevolmente all’offerta dei Pentoshi di rimanere a Pentos e scoraggia Laena dal suo desiderio di tornare a casa. Ovviamente Daemon dovrà tornare presto a casa.

La scena in cui Laena affronta l’auto-immolazione tramite il fuoco del drago piuttosto che morire durante il parto è un inverso straziante alla morte della regina Aemma nel primo episodio della serie. Fondamentalmente, Laena prende la decisione dalle mani di Daemon in modo da non doverlo vedere compiere la scelta di suo fratello.

Apparentemente, l’intera sequenza sembra mal gestita: è troppo breve, gli eventi sono confusi e conosciamo Laena da troppo poco tempo perché una scena di morte così atroce abbia un impatto significativo sulla nostra comprensione. Del resto, non è l’unico personaggio che abbiamo a malapena incontrato che viene bruciato vivo in questo episodio.

Durante i suoi episodi centrali, la serie sembra presentarci nuovi potenziali pezzi degli scacchi, solo per buttarli fuori dallo schema prima ancora che la partita sia iniziata. È questo il “punto” di Laena Velaryon?

Sembrava che volesse sposare Daemon, è vero, e il matrimonio stesso era un’inevitabilità e di certo non ha mai avuto la possibilità di dire di no alla maternità. Il personaggio porta con sé, fino alla spiaggia l’impatto psicologico di essere stata quasi vittima di una tratta per sposarsi all’età di 12 anni, di essere stata confinata in un ruolo statico e limitato di moglie e madre piuttosto che di potente capo clan e nobile cavaliere di draghi.

È interessante notare che in Fuoco e Ghiaccio, la versione di Martin di questa scena è diversa: suggerisce, attraverso il velo della leggenda e della tradizione, che Laena sia scesa sulla spiaggia per tentare di cavalcare il suo amato drago un’ultima volta, anche mentre stava morendo. La versione della serie tv di Laena ha più consapevolezza di sé e meno speranza.

Queste scene di parto hanno esiti drasticamente diversi, ma entrambe descrivono l’atto del parto a Westeros come una forma fondamentalmente tortuosa di lavoro di leva – “lavoro” qui usato in entrambi i sensi. Il dovere delle donne nel clan Targaryen, soprattutto, è quello di partorire: aumentare i potenziali eredi in modo che la linea di successione possa continuare ed estendere la grandezza della dinastia Targaryen.

Al nostro punto sull’albero genealogico, sia Rhaenyra che Laena, anche se debilitate dallo sforzo e dall’esaurimento, rimangono ribelli. Rhaenyra sceglie di barcollare attraverso il castello, armando la sua debolezza e trasformandola in una dimostrazione di forza. Laena sceglie, alle sue condizioni, di smettere di giocare. Afferma la sua presa sull’unica cosa che può ancora comandare: il suo drago. Il suo drago è davvero magnifico e speriamo di riuscire a vederlo ancora…

Inevitabilmente, la natura cupa di entrambe le scene di nascita ci lascia interrogativi sul motivo di tutto questo. Il tentativo di Rhaenyra di assicurare una pace duratura con Alicent attraverso il matrimonio fallisce completamente a causa della sfiducia della sua matrigna.

In definitiva, se ci concedete una vena di modernità per descrivere un tema centrale di questa puntata, è come il ritornello della canzone Love Will Tear Us Apart. Non importa di quale amore si tratti, se quello passionale, quello tra fratello e sorella, quello tra padre e figlia: l’amore ci farà a pezzi ancora e ancora…

 

89
House of the Dragon
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione dell'episodio 6 di House of The Dragon dicendo che se questo è il miglior destino che una donna può assicurare alla sua prole in cambio del dolore lancinante del parto, non sembra valere la pena. Non si tratta più solo di un albero allora ma più come una macchina inarrestabile, con ingranaggi invece che persone: un'epoca moderna per il medioevo. Più ingranaggi, più un sistema intrinsecamente violento continua a funzionare come previsto, correndo sulla forza e sui sacrifici delle donne che immola...

ME GUSTA
  • Le esplosioni intermittenti di violenza scioccante hanno finora devastato solo i personaggi periferici, mai Rhaenyra o Alicent direttamente. L'unica eccezione a questa regola riguarda il tipo di violenza che raramente viene inquadrata come violenza: il parto.
  • I legami familiari sono, essi stessi, atti di violenza, e che ogni foglia sul fitto albero genealogico dei Targaryen è, in verità, una cicatrice di battaglia.
  • Daemon è davvero il coltellino svizzero di House of The Dragon. Anche se ogni personaggio cambia leggermente da salto temporale a salto temporale, nessuno è il camaleonte che è Daemon.
FAIL
  • Durante i suoi episodi centrali, la serie sembra presentarci nuovi potenziali pezzi degli scacchi, solo per buttarli fuori dallo schema prima ancora che la partita sia iniziata. È questo il “punto” di Laena Velaryon?
House of the Dragon episodio 10, la recensione: prima il sangue, adesso il fuoco
House of the Dragon episodio 10, la recensione: prima il sangue, adesso il fuoco
House of Dragon episodio 9, la recensione: L'inferno è vuoto, tutti i diavoli sono qui
House of Dragon episodio 9, la recensione: L'inferno è vuoto, tutti i diavoli sono qui
Romulus II La guerra per Roma, la recensione: alle origini del mito
Romulus II La guerra per Roma, la recensione: alle origini del mito
Django, la recensione della serie che rivisita il mondo di culto Western di Sergio Corbucci
Django, la recensione della serie che rivisita il mondo di culto Western di Sergio Corbucci
House of the Dragon episodio 8, la recensione: parenti e destino non si cambiano
House of the Dragon episodio 8, la recensione: parenti e destino non si cambiano
House of the Dragon episodio 7, la recensione: il fuoco è una prigione
House of the Dragon episodio 7, la recensione: il fuoco è una prigione
House of The Dragon episodio 2, la recensione: The Rogue Prince
House of The Dragon episodio 2, la recensione: The Rogue Prince