No, il fondatore di Ethereum non ha hackerato l’account Twitter del Ministero della Transizione ecologica

2 mesi fa

Nella giornata di ieri l’account Twitter ufficiale del Ministero della Transizione ecologica è stato hackerato. Qualcuno ha rubato le credenziali d’accesso ed ha poi preso possesso della pagina, modificandola in modo da impersonare Vitalik Buterin, il fondatore della criptovaluta Ethereum.

La notizia ha preso alla sprovvista i quotidiani generalisti italiani, che per diverse ore in alcuni casi avevano riportato erroneamente gli eventi, sostenendo che l’account fosse stato hackerato da Buterin in persona. Ovviamente si tratta di una notizia falsa. Anzi, in un certo senso il celebre sviluppatore è a sua volta una vittima, dato che gli hacker hanno utilizzato la sua identità per promuovere l’ennesima truffa legata alle criptovalute. Nelle stesse ore lo stesso gruppo di hacker ha violato anche le pagine dell’ISPI, l’autorevole think tank italiano dedicato alla geopolitica.

Dopo essersi accorti dell’errore, i media italiani hanno provveduto a modificare in sordina gli articoli già pubblicati, senza tuttavia dare notizia della correzione — come vorrebbero le regole di deontologia (o quantomeno di correttezza nei confronti dei lettori). Ma poco importa, perché il clamoroso errore era già stato ovviamente notato e segnalato dagli utenti meno sprovveduti.

Il tempismo non è casuale: gli hacker hanno approfittato del cosiddetto ‘Merge‘, ossia l’importante passaggio della rete di Ethereum dal protocollo Proof-of-work al Proof-of-Stake, che, in breve, tenta di risolvere una volta per tutte il problema dell’enorme consumo di energia in precedenza richiesto per il funzionamento della criptovaluta.

Nel frattempo Twitter ha già ripristinato gli account del MITE e dell’ISPI, che ora non risultano più sotto il controllo dei truffatori.

Incidenti come quello che ha coinvolto l’ISPI e il MITE sono piuttosto comuni. Gli hacker – spesso usando tecniche di brute force e coinvolgendo decine di account per volta – rubano le credenziali di grosse pagine con migliaia di follower e, soprattutto, con l’ambita spunta blu. Le credenziali vengono poi messe in vendita nei tanti forum specializzati del cosiddetto dark web. In genere vengono poi acquistate da altri criminali, che possono usare una pagina verificata da Twitter e con un largo seguito per dare maggiore credibilità alle loro truffe.

Twitter verificherà manualmente ogni account e ci saranno tre diverse spunte: blu, verde e oro
Twitter verificherà manualmente ogni account e ci saranno tre diverse spunte: blu, verde e oro
Twitter, dopo Donald Trump ora Elon Musk propone un'amnistia per tutti gli account bannati a vita
Twitter, dopo Donald Trump ora Elon Musk propone un'amnistia per tutti gli account bannati a vita
"Twitter consentirà di inviare pagamenti, anche in criptovalute", promette Elon Musk
"Twitter consentirà di inviare pagamenti, anche in criptovalute", promette Elon Musk
Twitter, parla Elon Musk: "ora basta licenziamenti, tempo di assumere". L'ex hacker GeoHot entra in squadra
Twitter, parla Elon Musk: "ora basta licenziamenti, tempo di assumere". L'ex hacker GeoHot entra in squadra
Twitter ha cambiato nuovamente idea sulle spunte blu a pagamento
Twitter ha cambiato nuovamente idea sulle spunte blu a pagamento
Twitter, parla l'ex N.1 della sicurezza: "Elon Musk ha le mani legate, decidono Google e Apple"
Twitter, parla l'ex N.1 della sicurezza: "Elon Musk ha le mani legate, decidono Google e Apple"
Twitter, l'ultimatum di Elon Musk non convince: valanghe di dimissioni, il social può sopravvivere?
Twitter, l'ultimatum di Elon Musk non convince: valanghe di dimissioni, il social può sopravvivere?

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.