Tumori: al via la campagna di sensibilizzazione “Segnali sulla pelle”

3 mesi fa

macchie tumori

Essenziale riconoscere e prendere in tempo lesioni pre cancerose e cheratosi attinica che magari possono poi causare carcinoma squamocellulare. Nasce una nuova campagna di sensibilizzazione dal nome “Segnali sulla pelle”. Questa è promossa dalla Società Italiana di Dermatologia medica, chirurgica, estetica e delle Malattie Sessualmente Trasmesse SIDeMaST.

Le date da appuntare in agenda sono dal 23 settembre al 20 ottobre. È il periodo esatto in cui si potranno visitare gratuitamente 23 centri dermatologici in tutta Italia. Si avranno a disposizione dermatologi specializzati per i pazienti con cheratosi attinica.

 

La prevenzione, la diagnosi precoce e il trattamento dei tumori cutanei sono una delle maggiori sfide cui è chiamato il dermatologo. La nostra Società Scientifica è in prima linea nella corretta informazione alle persone, nel supporto alle associazioni dei pazienti e nella formazione continua dei dermatologi nel campo della dermato-oncologia. Conoscere la propria cute, la corretta e costante protezione dai raggi solari, il riconoscimento precoce delle cheratosi attiniche e il loro trattamento è fondamentale per la prevenzione del carcinoma squamocellulare.

professor Giuseppe Monfrecola, presidente della SIDeMaST

 

 

Almeno il 30% degli over 70 presentano almeno una cheratosi attinica. Si tratta di una lesione della pelle che accade dopo i 40 anni, una delle più comuni in Italia. Le zone più esposte sono viso, orecchie, dorso delle mani e cuoio capelluto nei calvi. Più a rischio sono individui con capelli biondi e occhi chiari, chi sta troppo al sole e chi fa uso di lampade abbronzanti. Comunque sia, se le lesioni sono presenti rappresentano un rischio potenziale. Se non curate, possono evolvere in un carcinoma squamocellulare invasivo. Un tumore della pelle che può giungere in metastasi fino a organi interni.

 

La cheratosi attinica, che in Italia colpisce circa 400 mila persone, si manifesta con macchie rosa, rosse o marroni che inizialmente sono solo ruvide al tatto ma con il tempo si ispessiscono e diventano dure, di dimensioni variabili fino ad alcuni centimetri: sono quasi sempre asintomatiche ma possono provocare prurito o dolore. Spesso è sottovalutata ma merita invece una particolare attenzione perché sappiamo che può potenzialmente evolvere in un carcinoma squamocellulare invasivo. È quindi una lesione che può e deve essere trattata poiché attualmente abbiamo a disposizione numerosi, diversi tipi di terapie ablative e mediche.

professoressa Ketty Peris, Direttore UOC Dermatologia della Fondazione Policlinico Agostino Gemelli e Past President di SIDeMaST

 

 

 

Tumori: scoperto meccanismo che ne blocca la crescita
Tumori: scoperto meccanismo che ne blocca la crescita
Tumori, lo smog raddoppia il rischio
Tumori, lo smog raddoppia il rischio
Tumori: test scoprono neoplasie invisibili
Tumori: test scoprono neoplasie invisibili
Un test identifica in anticipo più di 50 tumori
Un test identifica in anticipo più di 50 tumori
Tumori: cerotti intelligenti li monitorano
Tumori: cerotti intelligenti li monitorano
Olio EVO: rischio di tumori ridotto del 31%
Olio EVO: rischio di tumori ridotto del 31%
Tumori: molti resistono alle terapie a bersaglio molecolare
Tumori: molti resistono alle terapie a bersaglio molecolare

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.