Lunana: il viaggio alla fine del mondo, la recensione di una gemma poco conosciuta

3 mesi fa

7 minuti

Lunana: il viaggio alla fine del mondo, la recensione

Iniziamo la recensione di Lunana: il viaggio alla fine del mondo con una sua citazione: “La felicità sta dove meno te l’aspetti”. Il commuovente film d’esordio di Pawo Choyning Dorji, che segue la storia di un insegnante scontento assegnato alla scuola più remota del Bhutan. In alta montagna, scopre un senso di comunità e connessione che è stato singolarmente assente dalla sua vita a Thimphu.

Ristoratore come zuppa calda in una gelida giornata invernale, Lunana ha goduto di un lungo viaggio nei festival che è culminato anche in un posto nella rosa dei candidati all’Oscar per il miglior lungometraggio internazionale.

Una storia perfetta per il pubblico stanco della pandemia che dovrebbe abbracciare un film che esplora il desiderio di un’esistenza più autentica e significativa
Lunana sembra una storia tempestiva per il pubblico stanco della pandemia, che dovrebbe abbracciare un film che esplori il desiderio di un’esistenza più autentica e significativa. Quell’appello universale è avvolto in una contemplazione dell’enigma del motivo per cui così tanti cittadini del Bhutan sentono il bisogno di cercare all’estero per appagarsi quando il paese è orgoglioso di essere uno dei più felici del mondo.

Senza sbocco sul mare tra Cina e India, il regno del Bhutan misura i suoi progressi non sui guadagni materiali ma sulla felicità nazionale lorda, un concetto in base al quale il governo afferma di dare la priorità al benessere dei suoi cittadini sopra ogni altra cosa.

Quella filosofia utopica permea Lunana: il viaggio ai confini del mondo del regista esordiente Pawo Choyning Dorji, il secondo Oscar in assoluto del paese per un film internazionale.

Una classica trama ispiratrice di un abitante di una città che impara a fare tesoro della gioiosa semplicità della vita pastorale, il dramma toccante segue il giovane insegnante Ugyen (Sherab Dorji), che sogna di emigrare in Australia per intraprendere la carriera di cantante. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Uno yak in classe

Lunana: il viaggio alla fine del mondo, la recensione

Il nostro protagonista costretto a recarsi nella lontana città himalayana di Lunana (popolazione: 56) per istruire i bambini locali nella scuola più remota del mondo, incontra una comunità accogliente senza i comfort moderni ma dove fiorisce l’orgoglio nazionale e gli educatori sono venerati perché “toccano il futuro” del Paese.

Sullo sfondo dei vivaci panorami montuosi del direttore della fotografia Jigme Tenzing, girati con un grave grado di difficoltà in questo ambiente privo di utilità urbane essenziali, la familiarità della premessa è rinnovata nella specificità dello shock culturale del visitatore: impartire lezioni di inglese a bambini che non hanno mai visto un’automobile o usato uno spazzolino da denti.

Di fronte alle montagne con un potenziale interesse amoroso, Ugyen canta una canzone tradizionale in onore degli yak – creature amate per il loro latte, carne e persino i loro escrementi infiammabili – in un’istanza che pervade l’immagine di un’energia sacra.

Sebbene si possa presumere che solo le parti di supporto degli abitanti del villaggio, inclusa quella della vivace ragazza Pem Zam, siano interpretate da neofiti di talento innato sotto indicazioni di buon auspicio, lo stesso Dorji è un esordiente che impressiona con le sfumature della sua recitazione sincera. Attraverso il temperamento collettivo con i piedi per terra del cast, il film se la cava con assoluta sincerità.

Aprendo le porte di una terra e di persone di cui la maggior parte degli occidentali conosce poco, il regista crea un film che piace alla folla in luoghi meravigliosi, per lo più invisibili, il cui fascino resiste anche alle sue note più idealisticamente patriottiche ed eccessivamente sdolcinate.

Per quanto lontano vada Ugyen, nessuna melodia sarà mai più incantevole di quella che riposa nel “paese più felice del mondo”.

Benvenuto a Lunana

Lunana: il viaggio alla fine del mondo, la recensione

Ugyen (Sherab Dorji) è uno di quelli che sospettano che l’erba sia più verde altrove. Nel quarto anno del suo servizio governativo quinquennale obbligatorio, ha messo gli occhi su una nuova vita in Australia come cantante professionista. Un funzionario gli dice che non ha mai visto un insegnante meno motivato. La politica di fornire un’istruzione a ogni bambino della terra è la giustificazione per un colpo sulle nocche e il suo incarico a Lunana.

Il viaggio è un’avventura in sé. Un’escursione di otto giorni mette in mostra la morbidezza della città di Ugyen, ma conferma costantemente l’allegra determinazione delle sue guide Michen (Ugyen Norbu Lhendup) e Signye (Tshering Dorji). Lo scrittore/regista Dorji segna i punti chiave lungo il percorso con titoli che descrivono in dettaglio i cambiamenti da Thimphu (101.238 abitanti, 2.201 metri di altitudine) a Lunana (56 abitanti, 4.800 metri di altitudine).

Lungo il percorso, Ugyen incontra un’ospitalità incondizionata, spesso da parte di chi ha poco da condividere.

Il viaggio consente inoltre a Dorji di sedurre lo spettatore con immagini di mattine nebbiose, fiumi che scorrono e, alla fine, montagne innevate. Chiunque si aspetti di immergersi in parte della bellezza naturale del Bhutan non sarà deluso.

L’intensa attesa dell’arrivo di Ugyen è mostrata dal capo Asha (Kunzang Wangdi) e dall’intero villaggio che si è presentato a dargli il benvenuto a due ore dalla sua destinazione finale. Nonostante il loro entusiasmo, ha già deciso che non ha intenzione di restare. I suoi alloggi spartani, l’inaffidabile fornitura di energia elettrica e la mancanza di ricezione telefonica sono solo alcuni degli inconvenienti. Quando incontra i suoi studenti desiderosi e brillanti, in particolare la capitana della classe Pem Zam (Zam), sospetti che la sua resistenza crollerà.

I racconti di insegnanti ispiratori dalla Dead Poets Society al signor Bachmann e alla sua classe generalmente si concentrano sull’impatto che l’insegnante ha sugli alunni. Lunana riguarda ugualmente l’impronta che questa esperienza lascia su Ugyen. Tutto ciò che dà per scontato è considerato un privilegio in Lunana.

Un insegnante è una risorsa così rara e preziosa per questa comunità che viene trattato con un rispetto che non ha mai conosciuto prima. “Un insegnante tocca il futuro”, spiega Pem Zam.

Una fuga dalla felicità

Lunana: il viaggio alla fine del mondo, la recensione

L’arco narrativo di Lunana potrebbe offrire poche sorprese, ma Dorji lo gestisce con sicurezza e fascino. C’è una semplicità nella narrazione che è molto attraente, ma il viaggio verso un senso di felicità riesce anche a toccare questioni di identità, connettività, cambiamento climatico e possibilità di romanticismo tra Ugyen e la cantante e pastora di yak Saldon (Kelden Lhamo Gurung). La performance discreta dell’esordiente Sherab Dorji nei panni di Ugyen dà il tono a un film notevole per il suo rifiuto di mungere ogni lacrima di sentimentalismo dalla storia. Invece, Dorji mostra un tocco sicuro e una moderazione ben giudicata, soprattutto nelle scene finali.

La decisione di girare in esterni utilizzando batterie a energia solare e di assumere gli abitanti del villaggio come attori conferisce al film un rinfrescante senso di autenticità.

Gli splendidi paesaggi montani e le esibizioni naturalistiche, in particolare della scenografa Pam Zam, contribuiscono al suo pronto richiamo. Fedele al titolo, c’è davvero uno yak in classe che si chiama Norbu, un cenno forse al tempo di Dorji come assistente di Vara: A Blessing (2013) del regista Khyentse Norbu.

C’è un flusso adorabile e naturale verso Ugyen che libera la sua indifferenza, raccoglie il suo sterco di yak e abbraccia gradualmente uno stile di vita più semplice in un luogo in cui, nonostante ciò che avrebbe potuto pensare in precedenza sulla gente di campagna, l’apprendimento è molto apprezzato e gli insegnanti sono molto rispettati. “Spero che darai a questi bambini l’istruzione di cui hanno bisogno per diventare qualcosa di più che semplici pastori di yak e raccoglitori di cordyceps [funghi della medicina cinese]”, afferma Asha.

La sceneggiatura di Donji trova un equilibrio ideale tra umorismo gentile e dramma che afferma la vita. Le situazioni divertenti non superano mai la loro accoglienza e i messaggi del film sulla ricerca della felicità e sul valore delle persone, delle creature e dei luoghi intorno a te non suonano mai predicatori o didattici.

Insieme alla gloriosa grafica del miglior direttore della fotografia Jigme Tenzing (“Hema Hema: Sing Me a Song While I Wait”, “The Red Phallus”), Donji ha creato un pacchetto che è irresistibilmente divertente ed edificante.

 

 

82
Lunana: il viaggio ai confini del mondo
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Lunana dicendo che tutti nel cast tratto in gran parte dalla stessa Lunana - molti dei quali non avevano mai visto una telecamera prima - meritano elogi per le loro interpretazioni naturali e accattivanti. Una menzione speciale va fatta alla ragazza del villaggio di nove anni Pem Zam, che interpreta la capitana della classe ed è la studentessa più deliziosamente desiderosa che un insegnante possa mai desiderare. I sorrisi e l'entusiasmo sui volti di Pem e dei suoi amici sono una meravigliosa pubblicità per la filosofia della felicità nazionale che ha svolto un ruolo importante nelle politiche ociali nazionali da quando è stata concettualizzata nel 1972 dal quarto Re Drago del Bhutan, Jigme Singye Wangchuck.

ME GUSTA
  • Il film ha una narrazione semplice che riesce a coinvolgere lo spettatore fino in fondo.
  • Il cast pur essendo fatto di soli esordienti è perfettamente amalgamato.
  • La sceneggiatura di Donji trova un equilibrio ideale tra umorismo gentile e dramma che afferma la vita.
  • La decisione di girare in esterni utilizzando batterie a energia solare e di assumere gli abitanti del villaggio come attori conferisce al film un rinfrescante senso di autenticità.
FAIL
  • Il finale sembra un po' tronco ma è anche il più adatto alla storia.
Nido di Vipere, la recensione: quando l'ambizione incontra la disperazione
Nido di Vipere, la recensione: quando l'ambizione incontra la disperazione
Le Buone Stelle, la recensione: un altro capitolo nella definizione di famiglia
Le Buone Stelle, la recensione: un altro capitolo nella definizione di famiglia
Kamigami no Fukaki Yokubo, la recensione: Profound Desires of the Gods
Kamigami no Fukaki Yokubo, la recensione: Profound Desires of the Gods
Call of God - Köne taevast, la recensione: l'attesa dell'amore a volte non paga
Call of God - Köne taevast, la recensione: l'attesa dell'amore a volte non paga
Love Life, la recensione: la distanza, l'amore e la vita di coppia
Love Life, la recensione: la distanza, l'amore e la vita di coppia
Carter, la recensione del folle film d'azione coreano di Netflix è ambizioso, ma...
Carter, la recensione del folle film d'azione coreano di Netflix è ambizioso, ma...
Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata
Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata