Cucina in ordine: la soluzione per mangiare meno

3 mesi fa

cucina in disordine

In molti hanno sempre creduto che se si vuole mangiare di meno, bisogna tenere la cucina in ordine. Non c’è niente di più sbagliato. Una recente ricerca sembra che sostenga proprio il contrario. Se ci troviamo in una cucina in disordine non riduce il senso di fame. Lo attesta uno studio recente svolto dai ricercatori della Cornell University di New York fatto su 98 studenti.

Gli studiosi hanno detto ai partecipanti che avrebbero partecipato a uno studio senza rivelare il vero scopo. I partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi. Al primo gruppo è stato assegnato un ambiente con cucina pulita e organizzata. Al secondo gruppo un locale disordinato con un piatto di cottura sporco.

Ai due gruppi è stato poi richiesto di compilare questionari fittizi o risolvere test. Intanto sono stati rimpinzati di qualche snack. Coloro che occupavano l’ambiente più sporco hanno consumato una media 53 kcal in più rispetto agli altri. Il risultato che alla fine i ricercatori si aspettavano.

Lo stress causato dal ritrovarsi in un ambiente disordinato avrebbe aumentato la propensione delle persone a sentirsi anche loro “in disordine”. Così non si sono trattenuti dal mangiare più del solito. Da considerarlo un avviso per i disordinati a dieta.

 

 

Spuntini notturni: perché fanno ingrassare?
Spuntini notturni: perché fanno ingrassare?
Spuntini notturni: perché fanno ingrassare?
Spuntini notturni: perché fanno ingrassare?