Carter, la recensione del folle film d’azione coreano di Netflix è ambizioso, ma…

2 mesi fa

9 minuti

Carter, la recensione del folle film d'azione coreano di Netflix è ambizioso, ma...

Netflix ha implementato alcune modifiche nell’ultimo anno e mezzo. Iniziammo la recensione di Carter dicendo che anche se il pubblico in futuro potrà essere sconvolto dal fatto che la pubblicità sarà aggiunta ai loro contenuti, potrà esserne felice: ha gradualmente aumentato la presenza di film internazionali, in particolare i k-drama e i film coreani.

Solo nel 2022, serie come La Casa di Carta: Korea e All Of Us Are Dead hanno lasciato il segno sulla piattaforma, mentre Squid Game del 2021 ha portato nuovo pubblico nel mondo dell’intrattenimento coreano. Il futuro sembra avere molto potenziale e promettere bene con i contenuti globali di Netflix, ma la line-up di agosto 2022 include Carter, l’ultimo film di Jung Byung-gil.

Jung Byung-il è diventato famoso nei circuiti dei festival cinematografici internazionali con il suo film del 2017 The Villainess con Kim Ok-bin e Shin Ha-kyun. Il film è stato presentato in anteprima al Festival di Cannes ed è stato elogiato per le riprese e l’azione. Attualmente è in fase di adattamento per una serie televisiva su Amazon. Carter, distribuito tramite Netflix, cerca di replicare lo stesso successo che The Villainess ha avuto mentre portava la violenza e la trama a un altro livello.

Con un tempo di esecuzione di centotrentadue minuti, Carter è una corsa selvaggia e illogica fino in fondo.

Joo Won, meglio conosciuto per i suoi ruoli in King of Baking, Kim Takgu, Good Doctor e My Sassy Girl, interpreta Carter, il ruolo principale. L’attore veterano Lee Sung-jae (Abyss, Barking Dogs Never Bite) interpreta Kim Jong-hyun, mentre Jung Jae-young, meglio conosciuto per i suoi ruoli nei film di Hong Sang-soo, fa un cameo nel ruolo del dottor Jung Byung-ho. Non c’è bisogno di molte stelle in questo film perché l’azione e le scene si concentrano principalmente sul personaggio di Joo Won.

Ogni attore fa un ottimo lavoro nel proprio ruolo, compensando le carenze del film. Di seguito il trailer del film pubblicato su YouTube:

Un agente segreto e una pandemia

Carter, la recensione del folle film d'azione coreano di Netflix è ambizioso, ma...

Continuiamo la recensione di Carter con una certezza: l’azione avviene sempre rapidamente. Mentre un gruppo di stranieri di lingua inglese in Corea del Sud si siede su un autobus, un giornalista di lingua inglese in background riferisce che un virus infettivo, sta rapidamente trasformando le persone in mostri. I soldati americani che tornano a casa dal dispiegamento in Corea sono la fonte dell’epidemia in Nord America, ma questo non è un film incentrato sugli Stati Uniti.

Mentre la telecamera si allontana dalle persone sull’autobus e si dirige verso un’area abbandonata, un altro servizio televisivo, questa volta coreano, informa il pubblico che un medico che ha curato sua figlia dal virus è scomparso.

Inizia così l’intensificarsi delle tensioni tra Corea del Nord e Corea del Sud, due paesi che avevano appena concordato accordi di pace nello stesso anno.

Il principale sospettato è Carter, che viene trovato nella stanza del famoso dottore. Con il suo letto e il pavimento sporchi di sangue, le persone sull’autobus fanno irruzione e chiedono perché ha rapito il dottore. Incapace di ricordare, è costretto a rispondere a un telefono che squilla, che esplode violentemente, e poi Carter inizia a sentire la voce della donna dall’altra parte della sua testa.

Ora gli dà istruzioni su cosa fare e dove andare, per timore che muoia per una bomba impiantata nella sua bocca, e lungo la strada scopre che ha lavorato per la Corea del Nord, sua moglie è morta a causa del virus e ora ha bisogno per aiutare la Corea del Nord a preparare le cure per la malattia prima che sia troppo tardi.

L’impatto del virus, che rende le persone infette violente e simili a zombi, è ampiamente visto attraverso fonti di seconda mano durante tutto il film.

Allo stesso tempo, la CIA sta dando la caccia a Carter e sta cercando di eliminarlo dall’equazione. Salva Ha-na del medico coreano scomparso. Ha-na è il segreto dietro la cura, poiché sembra avere l’immunità dopo essere stata curata. Il film non entra nei dettagli sul perché esattamente questo sia il caso, ma stabilisce un’urgenza sul motivo per cui ha bisogno di arrivare in Corea del Nord proprio ora.

Lo stile non è tutto…

Carter, la recensione del folle film d'azione coreano di Netflix è ambizioso, ma...

Ci sono importanti dichiarazioni politiche che vengono fatte, poiché gli americani sono raffigurati come i cattivi per tutto il film, mentre le relazioni della Corea del Nord e del Sud si sono frantumate a causa di ciò. Ha-na viene ignorato e rinchiuso durante questo processo, nonostante sia la cura per una pandemia globale.

Carter punta tutto sullo stile ma non ha sostanza. Quando i personaggi vengono introdotti sembra che ci sarà di più nella storia, ma poi non succede nulla. C’è un tira e molla tra Carter che è un agente americano che è diventato un canaglia in Corea del Nord e un’altra donna che viene a dirgli che il suo vero nome è Michael Bane. Nel frattempo, all’inizio del film, Carter viene informato dai nordcoreani che aveva una moglie e un figlio in Corea del Nord e che era un eroe per la loro gente.

Poiché il film si concentra così tanto sull’azione, qualcosa di fondamentale viene perso con tutti questi fili narrativi in ballo e il pubblico continua a guardare mentre il tutto diventa gradualmente più confuso.

Gli elementi chiave dello stile cinematografico di Jung sono presenti in tutto il film. In film come The Villainess, è stato elogiato per il suo uso di una telecamera a mano che si snoda attraverso le scene d’azione, creando un’atmosfera vertiginosa che immerge gli spettatori direttamente nei combattimenti. Carter cerca di affermarsi immediatamente rispetto al suo predecessore, rendendo le scene di combattimento più grandi e sanguinose.

La primissima scena di combattimento prende alla lettera la parola bagno di sangue, mettendo Carter in una massiccia lotta contro quelli che sembrano essere cento uomini in uno stabilimento balneare. Armato solo di un machete, affronta questa orda di uomini tagliando e squarciando, sangue nell’acqua e fisicamente sulla telecamera.

Carter, a volte, può essere opprimente. C’è un filo conduttore di base della trama che lega tutto insieme, ma in sintesi, Carter è un film d’azione.

Non ha bisogno di una scusa per concentrarsi troppo sulla storia, ma, invece, le sequenze di combattimento estese vengono modificate per sembrare che accadano in un’unica ripresa.

Attraverso l’esposizione, lo spettatore diventa acutamente consapevole che questo virus è arrivato meno di un anno prima che la Corea del Nord e del Sud concordassero un cessate il fuoco, ma poi tutto va in pezzi quando il dottore scompare. Al di fuori di Ha-na e Carter, molti dei personaggi vengono introdotti, ma poi scompaiono o vengono dimenticati, facendoli sembrare usa e getta. Le motivazioni di Carter sono oscure e il suo motivo poco chiaro, ma, allo stesso tempo, sta rischiando la vita per questa missione.

Una sanguinosa sequenza di eventi

Carter, la recensione del folle film d'azione coreano di Netflix è ambizioso, ma...

Interpretato da Joo Won nei panni di una spia colpita da amnesia che ha il compito di trasportare una giovane ragazza in Corea del Nord in mezzo a una piaga di zombi, Carter è diretto da Jung Byung-gil, che ha ottenuto riconoscimenti internazionali dopo aver diretto il film d’azione The Villainess. I fan di quel film ricorderanno i set che il regista Jung aveva girato in riprese singole ininterrotte, una delle quali è stata copiata in John Wick: Capitolo 3 – Parabellum. In Carter, estende ambiziosamente questo stile alla lunghezza. E la sua dedizione a portare avanti questa sciocca idea fino alla fine calpesta il confine sottile tra ambizione e illusione.

Il film è progettato per apparire come un’inquadratura continua dal primo fotogramma all’ultimo, ma il film è così giovanile e la trama così stravagante che non puoi fare a meno di pensare come sia stato concesso di procedere oltre la prima fase di taglio. Questa non è la prima volta che un regista tenta di creare questa illusione sullo schermo.

L’epico film di guerra di Sam Mendes 1917 rimane forse il miglior esempio di questa forma di regia, mentre anche il recente dramma psicologico Boiling Point non è stato male.

Ma mentre 1917 è stato cucito insieme da una manciata di sequenze estese mascherando i tagli, Boiling Point è stato effettivamente girato in una ripresa. Questo sarebbe stato impossibile per un film delle dimensioni di Carter: si tratta di risse sul tetto, paracadutismo, un inseguimento in autostrada e, alla fine, una battaglia aerea in elicottero.

Non una sola scena di questo film è all’altezza. In effetti, è attivamente deludente all’inizio, e decisamente esasperante quando il nostro protagonista sta avendo una sparatoria a mezz’aria con un cattivo schiamazzante. Il lavoro di ripresa che era così elegante nel 1917 è goffo in Carter. Anche gli spettatori più inesperti saranno in grado di identificare i tagli “nascosti”, che accadono così frequentemente che i realizzatori avrebbero anche potuto rinunciare a cercare di nasconderli.

Non che un approccio visivo più convenzionale avrebbe reso Carter un film migliore. Non solo Jung (senza successo) scimmiotta le scene d’azione di film come Eastern Promises e il suo The Villainess, ma cerca anche di sollevare la trama centrale di Children of Men. La giovane ragazza che Carter tenta di portare clandestinamente in Corea del Nord a quanto pare possiede la chiave per la sopravvivenza dell’umanità: ha mostrato un’immunità al virus vagamente definita.

Ma mentre il film fa un paio di dichiarazioni politiche esplicite – la trama centrale prevede un’unione temporanea tra la Corea del Nord e la Corea del Sud, mentre gli americani sono dipinti come i cattivi – Carter non esplora completamente le ripercussioni geopolitiche di una ragazza come Ha-Na esistente in mezzo a una crisi globale come questa.

Anche se tutte le agenzie segrete del mondo sembrano dare la caccia a Carter, a nessuno sembra importare davvero di lei. Più che un film, Carter assomiglia a un videogioco in fase beta.

 

58
Carter
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Carter dicendo che lo stile potente ma eccessivamente ambizioso del regista Jung Byung-gil in questo film lo fa diventare eccessivamente "difficile" da guardare anche per chi è estremamente appassionato dei film d'azione. La trama viene lasciata troppo spesso in secondo piano e la sensazione è che tutti i fili narrativi alla fine non trovino una giusta risoluzione. Da guardare di sottofondo mentre siete costretti a fare le pulizie ma non avete abbastanza energie per farle.

ME GUSTA
  • Il film si concentra così tanto sull'azione, qualcosa di fondamentale viene perso con tutti questi fili narrativi in ballo.
  • La spettacolarità e lo stile del regista uniti al cast sono gli unici punti che risollevano degnamente le sorti del film.
FAIL
  • Con un tempo di esecuzione di centotrentadue minuti, Carter è una corsa selvaggia e illogica fino in fondo.
  • Le sequenze di combattimento estese vengono modificate per sembrare che accadano in un'unica ripresa ma spesso si vedono i tagli.
Le Buone Stelle, la recensione: un altro capitolo nella definizione di famiglia
Le Buone Stelle, la recensione: un altro capitolo nella definizione di famiglia
Kamigami no Fukaki Yokubo, la recensione: Profound Desires of the Gods
Kamigami no Fukaki Yokubo, la recensione: Profound Desires of the Gods
Call of God - Köne taevast, la recensione: l'attesa dell'amore a volte non paga
Call of God - Köne taevast, la recensione: l'attesa dell'amore a volte non paga
Love Life, la recensione: la distanza, l'amore e la vita di coppia
Love Life, la recensione: la distanza, l'amore e la vita di coppia
Lunana: il viaggio alla fine del mondo, la recensione di una gemma poco conosciuta
Lunana: il viaggio alla fine del mondo, la recensione di una gemma poco conosciuta
The Man Who Paints Water Drops, la recensione: la storia di  Kim Tschang-Yeul
The Man Who Paints Water Drops, la recensione: la storia di Kim Tschang-Yeul
Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata
Heaven: To The Land Of Happiness, la recensione: un road movie con una destinazione obbligata