Ictus: negli Usa nuovo farmaco ripara danni cerebrali

2 mesi fa

ictus

L’Università di Cincinnati attesta un nuovo farmaco in grado di riparare i danni causati da ictus. Il farmaco ha il nome di NVG-291-R e ha portato alla riparazione del sistema nervoso con relativo recupero funzionale. Il tutto sperimentato su una cavia colpita da ictus grave.

 

La maggior parte delle terapie odierne si concentrano principalmente sulla riduzione dei danni precoci dell’ictus. Tuttavia, il nostro gruppo si è concentrato sulla neuroriparazione come alternativa e ora ha dimostrato che il trattamento con NVG-291-R non solo si traduce in neuroprotezione per ridurre la morte neuronale, ma anche in robusti effetti neuroriparativi. L’unico farmaco attualmente approvato dalla FDA per il trattamento dell’ictus non ripara i danni e deve essere somministrato entro 4,5 ore dall’inizio dell’ictus. La maggior parte delle terapie oggetto di ricerca devono essere applicate entro 24-48 ore dall’inizio di un ictus. Un prodotto che funzioni per riparare i danni da ictus, anche a distanza di una settimana dopo l’insorgenza dei sintomi, cambierebbe il paradigma per il trattamento dell’ictus.

Agnes (Yu) Luo, professoressa associata all’Università di Cincinnati e autrice senior dello studio

 

 

Si è scoperto che tale farmaco sia ancora efficace anche dopo una settimana dall’ictus. Un docente e coautore dello studio, Jerry Silver, ha testimoniato che il farmaco ha riparato il danno. Ha realizzato nuove connessioni neuronali e migliorato il percorso dei neuroni in direzione della zona danneggiata.

 

Questa forte plasticità è un’eccellente conferma degli stessi potenti meccanismi che noi e altri ricercatori siamo stati in grado di dimostrare utilizzando NVG-291-R nella lesione del midollo spinale.

Jerry Silver, docente e coautore dello studio

 

 

L’azienda farmaceutica che detiene i diritti mondiali del nuovo medicinale è la NervGen Pharma. Il marchio sostiene la ricerca sulle funzioni autoriparative del sistema nervoso. Intanto il farmaco è in sperimentazione su individui sani. Il nuovo medicinale in futuro avvierà test di applicazione anche su pazienti con lesione al midollo spinale, sclerosi multipla e con il morbo di Alzheimer.

 

 

Cancro: l'efficacia del farmaco jolly
Cancro: l'efficacia del farmaco jolly
Ictus: rischio correlato a gruppo sanguigno
Ictus: rischio correlato a gruppo sanguigno
Il farmaco ideale? L'esercizio fisico
Il farmaco ideale? L'esercizio fisico
Ictus e infarto: incremento per solitudine e isolamento sociale
Ictus e infarto: incremento per solitudine e isolamento sociale
Lesioni spinali: riparate con farmaco anticancro negli animali
Lesioni spinali: riparate con farmaco anticancro negli animali
Ragno: il veleno salverà dall'infarto
Ragno: il veleno salverà dall'infarto
Come nasce un farmaco? Il ruolo della sperimentazione animale
Come nasce un farmaco? Il ruolo della sperimentazione animale