Lingua antica decifrata grazie all’intelligenza artificiale

4 mesi fa

lingua antica sconosciuta

Gli studiosi dell’Università di Bologna all’interno del progetto ERC INSCRIBE hanno scoperto il contenuto di una lingua antica. Ci sono riusciti con la tecnica di deep learning, ovvero intelligenza artificiale. La lingua è la cipro-minoica esistente all’epoca dell’Età del Bronzo.

I ricercatori spiegano:

 

Le antiche scritture indecifrabili presentano problemi di diversa natura, non solo legati all’identificazione linguistica. L’indecifrabile scrittura cipro-minoica del secondo millennio a.C. Cipro, ad esempio, attualmente non dispone di un inventario dei segni standardizzato e definitivo e, inoltre, stand divisi in tre sottogruppi separati, anch’essi presunto registrare lingue diverse. Tuttavia, questo stato dell’arte non è accettato consensualmente dagli esperti. Miriamo ad applicare un metodo che possa aiutare a fare luce sulla divisione tripartita, per valutare se resiste a un approccio multiforme e multidisciplinare. Ciò comporta considerazioni legate alla paleografia (forme dei segni individuali) e all’epigrafia (stile di scrittura legato al supporto utilizzato) e, soprattutto, strategie basate sul deep learning. Questi metodi automatici, ampiamente adottati in molti campi come la visione artificiale e la linguistica computazionale, ci consentono di guardare da una prospettiva innovativa alle problematiche specifiche presentate dalle scritture antiche e poco conosciute in generale. L’uso di un modello neurale convoluzionale all’avanguardia che non è supervisionato, e quindi non utilizza alcuna conoscenza preliminare della sceneggiatura, è ancora sottorappresentato nello studio dei sistemi di scrittura indecifrabili e aiuta a indagare la divisione tripartita da un punto di vista fresco. Le conclusioni a cui siamo giunti mostrano che: 1. l’uso di diversi media distorce in larga misura l’uniformità delle forme dei segni; 2. l’applicazione di diverse tecniche neurali lo conferma, in quanto evidenziano la vicinanza grafica tra segni inscritti su supporti simili; 3. gli approcci multi-strand si rivelano uno strumento di successo per indagare sui copioni antichi la cui lingua è ancora non identificata. Ancora più cruciale, questi aspetti, insieme, puntano alla convalida di un’unica scrittura cipro-minoica.

 

 

Fabricius: la tecnologia Google che decodifica i geroglifici
Fabricius: la tecnologia Google che decodifica i geroglifici
Fabricius: la tecnologia Google che decodifica i geroglifici
Fabricius: la tecnologia Google che decodifica i geroglifici

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.