Death Parade: 10 curiosità sull’anime disponibile su Netflix

2 settimane fa

12 minuti

Death Parade: 10 curiosità

La vita funziona in modi misteriosi… Ma come funziona la Morte? Abbiamo vissuto le nostre vite osservando come lavorano gli esseri umani. Ma cosa succede dopo la morte? Death Parade ci mostra cosa succede dopo la nostra morte, o almeno questo è ciò che crediamo accada. Naturalmente, non sappiamo con certezza se questo è esattamente ciò che accade, ma sembra molto convincente.

Quando vediamo le persone considerate “cattive” che fanno sempre a modo loro con la vita, ci chiediamo se verranno mai giudicate. Chi li giudicherà? I buoni che vivono una vita ingiusta, cosa succede loro dopo la morte?

Hanno una seconda possibilità di vivere di nuovo una vita ingiusta? Se no allora cosa succede? C’è giustizia? Perché quando siamo vivi non riusciamo a vedere la giustizia più spesso? A tutto questo cerca di rispondere l’anime di Death Parade con le sue storie.

Purtroppo ancora oggi quando si parla di titoli di anime, spesso viene usata la frase “è solo un altro anime”.  Mentre si pensa che gli animespesso trasmettano solo cose comuni, ognuno è unico nel suo genre. Death Parade è sicuramente un buon esempio di questa verità. Sebbene ci siano alcune costanti sulla via dell’oscurità e dei contenuti maturi, la storia assume un significato e una direzione propri. Dovrete trarre da esso ciò che percepirete e per ogni persona sarà qualcosa di leggermente diverso. Ecco 10 curiosità su Death Parade che forse non sapete e vi daranno un’idea della storia. Di seguito il trailer YouTube dell’anime disponibile su Netflix:

Il concetto di reincarnazione e vuoto

Death Parade: 10 curiosità

La maggior parte delle puntate di questo anime vi porterà sulle delle vere e proprie montagne russe emotive. Questo è qualcosa che è un po’ raro per le light novel. Ma questa è la cosa bella degli anime, ogni storia ha la sua vita e identità. Ci sono alcune cose che si possono prevedere, ma di solito verrete colti di sorpresa il più delle volte.

Dal giorno in cui siamo nati, ci è stato detto che le persone buone vanno in paradiso e quelle cattive all’inferno. Ma Death Parade ci mostra un nuovo concetto: molto convincente. Ci sono milioni di miliardi di esseri umani. E la possibilità che due umani muoiano contemporaneamente è molto alta. Quando due umani muoiono contemporaneamente, entrambi vengono mandati in un luogo dove verranno giudicati.

Invece di essere mandati in paradiso o all’inferno, saranno giudicati se gli sarà data una seconda possibilità di vivere o saranno mandati nel vuoto. Il modo in cui questi due umani che sono morti contemporaneamente si comportano quando devono giocare a un gioco di morte, rivelerà la loro vera natura.

Dopotutto, quando una persona è prossima alla morte, è allora che viene rivelata la sua vera identità.

Gli dei più inutili della storia

Death Parade: 10 curiosità

Nel corso della storia, ogni cultura ha avuto la propria versione di Dio per aiutare a spiegare la propria realtà ed esistenza. L’unica cosa che spicca degli dei in questo anime è che non fanno davvero molto. C’è anche una scena in cui gli dei stanno facendo una partita a biliardo, il tutto mentre il mondo di cui sono responsabili sta andando in pezzi.

Death Parade è solo un anime che vuole darci la soddisfazione che la vita può essere ingiusta ma la morte no? O c’è di più?

Questo non è l’unico motivo per cui dovresti guardare questo anime. C’è di più. Ma continuiamo con le nostre 10 curiosità su Death Parade.

Death Parade mostra gli errori che gli esseri umani fanno quando sono vivi. La vita è piena di errori che fanno gli umani. Alla fine, tutto ciò che conta è se gli esseri umani possono accettare o meno il risultato dei propri errori. Gli esseri umani tendono a non accettare mai il male che hanno fatto. Tutti pensano che quello che fanno sia sempre giusto. E questo è il primo errore che fanno sempre.

In Death Parade, ogni volta che due umani vengono mandati in uno di questi bar senza alcun ricordo della loro morte, credono ancora di essere vivi. E durante questi giochi mortali, continuano a ripetere gli stessi errori di sempre. Vogliono tutti vincere. E in quel processo, si dimenticano di vedere cosa è giusto e cosa è sbagliato. Death Parade ci insegna che vincere non importa se il percorso è sbagliato.

Decim, un richiamo alla mitologia romana

Death Parade: 10 curiosità

Non è raro che gli anime prendano in prestito dalla mitologia e dalla storia. Questo è sicuramente il caso quando si tratta del nome Decim. Il nome di Decim è in realtà preso in prestito dalla mitologia romana da uno dei destini il cui nome era Decima. Decima era una misuratrice del filo della vita. Sarà interessante vedere come andrà a finire e si connetterà alla serie.

La vera natura degli esseri umani esce fuori quando sono vicini alla morte. Gli esseri umani tendono a fingere la propria natura per tutta la vita. Ma non possono fare a meno di mostrare chi sono quando sono vicini alla morte. Durante i giochi della morte, Decim offre a ogni essere umano un’astuta possibilità di vincere. E se si sceglie di prendere la strada sbagliata con la pressione della morte alle spalle, questo è il fattore decisivo. È così che Decim decide chi si reincarnerà e chi andrà nel vuoto.

Che ci crediate o no, esistono ancora persone che considerano i sentimenti degli altri prima dei propri. Sono loro che hanno una seconda possibilità nella vita.

Nona e i tre destini della mitologia romana

Death Parade: 10 curiosità

Il nome greco alternativo di Nona è Cloto, che è molto interessante. Cloto era il destino che determina quando una persona nasce e muore e molto altro ancora. Questi nomi hanno profondità se intesi nella portata del loro significato alla luce della storia in cui sono collocati. Questo aggiunge così tanta profondità a quello che viene mostrato.

Death Parade ci ha mostrato come funzionano le emozioni umane.

Le emozioni umane non sono mai stabili. Se le emozioni di qualcuno possono essere dette stabili, allora non sarà più chiamato umano. O si chiamano Dio o sarebbero uno dei baristi di Death Parade. Decim e altri baristi mantengono stabili le loro emozioni in modo da poter giudicare questi umani in modo imparziale. Durante questi giochi di morte, le emozioni degli umani mostrano la loro vera natura.

Anche coloro che sono stati gentili per tutta la vita, cambiano nel momento in cui sono vicini alla morte. Cercano di aggrapparsi alle loro vite male. Anche se non capiscono la morte, la paura della morte li spinge a prendere una brutta strada solo per vivere qualche istante in più. Ma non sapevano che erano già morti.

Il destino di tutti

Death Parade: 10 curiosità

C’è molto da cogliere in questa serie. I tre destini della mitologia greca e romana sono decisamente presenti in questo anime, proprio in forma moderna. Tra i tre di questi personaggi si determina il destino di ogni persona. Anche se questo sembra in qualche modo fatalistico, il risultato finale è che ogni persona, attraverso le proprie scelte, sta determinando il proprio destino.

Giudicare gli altri richiede molto dolore. Noi umani giudichiamo gli altri senza un solo pensiero, intenzionalmente o meno.

Ma non capiamo le ragioni dell’altra persona. Non ci proviamo nemmeno a volte. Ma Death Parade ci mostra il vero significato di giudicare gli altri. Cosa serve per giudicare gli altri, ce lo ha mostrato Decim. Chiyuki, la donna dai capelli neri che è un essere umano quando ha visto come vengono giudicati gli umani al bar Quindecim, si è chiesta come può Decim giudicare questi umani con quella facilità. Decim non era un essere umano. Non ha mai giudicato nessuno con emozioni umane.

Clavis è la chiave

Death Parade: 10 curiosità

Clavis è un altro personaggio che sembra essere poco rilevante, ma se considerate il fatto che il suo nome significa Key, inizierete a vederlo in modo diverso.

La chiave o la risposta a certi dilemmi non è sempre chiara o di natura audace. La presenza discreta di Clavis rappresenta la realtà, a volte nascosta, delle risposte più importanti che riceveremo.

Gli esseri umani non possono essere giudicati sulla base di pochi ricordi. In Death Parade, Decim di solito riceve i ricordi degli umani appena prima del momento in cui muoiono. E gli esseri umani subito prima di morire di solito commettono degli errori che diventano la vera ragione della loro morte. Chiyuki interroga spesso Decim su come questi pochi errori e ricordi possano essere la ragione per cui dovrebbero reincarnarsi o andare nel vuoto. Ma Decim è programmato per non provare mai emozioni umane o fare domande come queste. Quindi, giudica come dovrebbe.

Ma chi sapeva che un giorno avrebbe provato delle emozioni e questo lo spingerà a chiedersi se è capace di giudicare gli altri o meno. Dopotutto, gli esseri umani possono essere veramente giudicati in base a pochi ricordi o errori? A volte, le situazioni costringono gli esseri umani a fare qualcosa che non avrebbero mai desiderato fare.

Il 90° piano rappresenta l’altezza e la potenza

Il 90° piano è il piano di Nona, il che spiega perché viene chiamato Nona-Decim. Essendo anche il piano più alto, rappresenta la posizione e il potere che possiede Nona. Questo vale anche per tutti gli altri piani. Alla fine del giorno, il piano su cui si trovano è sotto il loro controllo, nonostante le influenze esterne.

Per giudicare gli altri è necessario comprendere anche il loro dolore e la loro sofferenza. Quando Chiyuki è stata in grado di far provare a Decim delle emozioni umane, Decim ha iniziato a mettere in discussione i suoi giudizi. Era come se Decim si stesse trasformando in un essere umano lui stesso. Ha iniziato a rendersi conto che gli errori degli umani erano abbastanza per giudicarli. Non ha mai capito le ragioni per cui gli umani hanno fatto quello che hanno fatto. Senza comprendere quel dolore, sentimenti ed emozioni, ha espresso il suo giudizio su di loro. È stato tutto un errore di Decim?

Oculus non è così vago come sembra

All’inizio della serie, Oculus sembra essere molto vago nell’espressione della sua personalità e importanza per la serie. Tuttavia, man mano che la serie si sviluppa, l’identità di Oculus diventa sempre più chiara. Sembra essere più un antagonista che tutti inizialmente percepivano.

Il suicidio non pone fine alla sofferenza, ma si trasmette ai propri cari. Quando Chiyuki iniziò a recuperare i suoi ricordi, si ricordò che anche lei era un’umana. Era una pattinatrice professionista sul ghiaccio. Ma, a causa del suo infortunio al ginocchio, non avrebbe mai potuto più pattinare. E a causa della depressione, si è suicidata. Ma, più tardi, quando Decim le ha mostrato la sua casa e ha scoperto che a sua madre manca ogni giorno, si è pentita di essersi tolta la vita.

Il suicidio può sembrare una via di fuga dal dolore e dalla sofferenza, ma non lo è. Può finire per una persona, ma il dolore passa ai suoi cari.

Un bar verso l’Oltre

Mentre l’unica consulenza e terapia che molti riceveranno sono le conversazioni che hanno con i baristi, questa serie offre uno sguardo completamente diverso su come vediamo i bar. Nella serie, quando una persona muore, viene mandata in un bar dove incontrerà un arbitro che determinerà lì il destino.

In Death Parade, ogni volta che due umani muoiono da qualche parte nello stesso momento, vengono inviati in uno dei tanti bar misteriosi, senza alcun ricordo di come potrebbero essere morti. Lì trovano un barista che ospita una partita per quei due umani. Un gioco di morte. E il barista agisce come un giudice che giudica i loro personaggi quando vengono a sapere che stanno giocando a un gioco mortale. In questo gioco, non importa chi vince o perde. Tutto ciò che conta è qual è la loro vera natura quando sono vicini alla morte.

In base a ciò, il barista decide chi deve reincarnarsi e chi va nel vuoto. Il barista principale attorno al quale ruota Death Parade è Decim che serve nel suo bar Quindecim.

Anche gli arbitri si evolvono

C’è un punto nella serie in cui Decim inizia a cambiare dopo aver incontrato una specifica donna dai capelli neri. Questo indica la capacità che ognuno di noi ha di influenzare la vita degli altri, anche quelli che sembrano impossibili da influenzare. Mentre in superficie tutto sembra essere già pronto, scopriamo che c’è molto altro da decidere.

A volte la reincarnazione non significa sempre una seconda possibilità ma una punizione. La vita non è caotica? Più viviamo, più ci sentiamo impotenti ogni giorno. Eppure, ci aggrappiamo ancora a questa vita ogni momento in cui siamo vicini alla morte. Durante ognuno di questi giochi di morte, abbiamo visto un lato degli umani che non avrebbe mai potuto capire questo fatto.

Tutti hanno lottato per la loro seconda possibilità nella vita. Solo perché possano rivivere le loro miserabili vite. Ma non suona come una punizione. Tutti gli errori che questi umani hanno fatto mentre erano vivi, possono rivivere. O forse è una seconda possibilità per correggere i torti che hanno fatto.

A volte, sembra che il vuoto stia finalmente lasciando riposare questi umani. È come se avessero sofferto abbastanza. Ora è tempo che si riposino.

La storia di Mayu e Harada era diversa dalle altre. Qui, entrambi all’inizio hanno cercato di aggrapparsi alle loro vite, ma in seguito si sono resi conto di quanto fosse sbagliato. Nel momento in cui stavano per spingere altri a vincere, si sono sentiti in colpa e hanno accettato il loro destino. È qui che Ginti offre loro di trascorrere del tempo insieme quando hanno iniziato a sviluppare sentimenti l’uno per l’altro.

Ma, quando Mayu doveva scegliere se avere una seconda possibilità di vita lasciando che Harada andasse nel vuoto, scelse di rimanere con Harada e condividere il suo destino. Mentre entrambi stavano andando nel vuoto, hanno iniziato a trasformarsi in manichini. Ma, proprio prima che si trasformassero completamente in manichini, Harada ha abbracciato Mayu un’ultima volta.

 

Kyoto Animation, l'evoluzione di uno studio anime e la sua visione
Kyoto Animation, l'evoluzione di uno studio anime e la sua visione
I 10 migliori Anime LGBTQIA+
I 10 migliori Anime LGBTQIA+
Kotaro abita da solo, la recensione: una visione del mondo schietta e senza filtri
Kotaro abita da solo, la recensione: una visione del mondo schietta e senza filtri
Thermae Romae Novae, la recensione: un viaggio nel tempo tra Antica Roma e Giappone
Thermae Romae Novae, la recensione: un viaggio nel tempo tra Antica Roma e Giappone
I 15 anime da vedere assolutamente su Netflix, da L'attacco dei giganti a Cowboy Bebop
I 15 anime da vedere assolutamente su Netflix, da L'attacco dei giganti a Cowboy Bebop
The Orbital Children: trailer della miniserie anime Netflix in arrivo il 28 gennaio
The Orbital Children: trailer della miniserie anime Netflix in arrivo il 28 gennaio
DOTA: Dragon's Blood -Netflix annuncia la seconda stagione
DOTA: Dragon's Blood -Netflix annuncia la seconda stagione