Resident Evil, la recensione: un altro potenziale sprecato

2 mesi fa

7 minuti

Resident Evil, la recensione

Iniziamo la recensione di Resident Evil con una premessa: non è una storia difficile da adattare. Il nostro protagonista cerca di fuggire nel mezzo di un’apocalisse di zombi. Resident Evil 2 e 3 hanno quindi alzato la posta in gioco, aggiungendo Nemesis e il mondo più ampio di Raccoon City con cui giocare. Questo prima che i giochi successivi aggiungessero nuovi elementi. Alcuni funzionano bene (la famiglia e il passaggio in prima persona in Resident Evil 7) e altri meno (Resident Evil 6).

L’industria biofarmaceutica è pronta a diventare ancora più forte. Ma abbiamo bisogno del talento per alimentarlo, ovunque verranno prodotti medicinali. Lungo la strada, però, Resident Evil è stato adattato numerose volte ed è davvero impressionante quante volte Hollywood abbia tentato (e fallito) di tradurre questa formula sul grande e piccolo schermo. Tuttavia, l’ultima serie di Netflix, Resident Evil, potrebbe effettivamente essere il peggior tentativo di adattamento di questo videogioco estremamente popolare.

Conosciuto solo di nome, Resident Evil è essenzialmente un dramma distopico adolescenziale, diviso in due diverse linee temporali che sfoggiano un gruppo di personaggi unidimensionali e una storia che inizia male prima di perdere il controllo, con una storia che diventa più inverosimile con il progredire degli episodi. Questo è pieno di espedienti, azioni stupide del personaggio e una netta mancanza di logica. Se questo non avesse il nome di Resident Evil allegato, ti sarebbe difficile credere che si tratti dello stesso materiale di partenza.

Nel 2002, il primo film live-action Resident Evil basato sul videogioco horror di zombi è uscito nelle sale. Sebbene l’adattamento di Anderson con Milla Jovovich è stato abbastanza divertente da ottenere un sequel (e un altro, e un altro, e molti altri dopo), il film ha a malapena toccato la trama originale e ha deluso sia i giocatori che i critici.

20 anni, sette film live-action e circa 12 giochi dopo, la serie Resident Evil di Netflix è qui per deludere ancora una volta i fan sfiniti.

Due linee temporali…

Resident Evil, la recensione

Continuiamo la recensione di Resident Evil, creata da Andrew Dabb (Supernatural), dicendo che questa nuova serie Netflix di otto episodi è incentrata sulle gemelle Jade e Billie Wesker (quest’ultima è un omaggio alla cantante), le figlie dello scienziato e scienziato della Umbrella Corporation Albert Wesker. I film precedenti, incluso il recente Resident Evil: Welcome to Raccoon City, erano serie horror d’azione. Ma questa serie Resident Evil sembra un mistero di genere YA che salta nel tempo che si dispiega su due linee temporali.

Parte della storia si svolge nel 2036 dopo una nuova apocalisse zombie, e l’altra nel “passato” del 2022, solo pochi anni dopo che la Umbrella Corporation ha bombardato l’originale Raccoon City. Un ultimo sforzo per arginare la marea di persone infettate dal Tyrant Virus (T-Virus), un pericoloso farmaco per la cura delle cellule morte, riproposto come arma biologica.

Che voi abbiate una vasta conoscenza della tradizione di Resident Evil o non sappiate nulla del franchise, la serie soffre di una sceneggiatura tortuosa, buchi della trama e un’esecuzione confusa.

La serie inizia nel 2036, seguendo Jade (Ella Balinska), una giovane ricercatrice e madre adulta che lavora per The University, un’organizzazione dedicata a preservare la storia dell’umanità di fronte a un possibile annientamento. Lontana dalla sua famiglia per mesi, raccoglie dati e tiene traccia delle mutazioni del virus T.

Spruzzandosi regolarmente con uno smorzatore di feromoni, Jade conduce ricerche vicino a Zeroes (gli zombi del mondo “RE”). Ma prima di completare le sue note sul campo, si taglia accidentalmente, mandando verso di sé i non morti in rapido movimento.

La storia fa un salto indietro nel tempo alle gemelle di 14 anni Young Jade (Tamara Smart) e Young Billie (Siena Agudong), che siedono con gli occhi spalancati sul sedile posteriore della berlina del padre mentre Albert Wesker (Lance Reddick) le guida nella loro nuova casa a New Raccoon City vicino a Capetown, in Sud Africa.

La giovane Jade è testarda e ribelle, e ferocemente protettiva nei confronti di sua sorella. In confronto, la giovane Billie nasconde la sua ansia dietro un sorriso nervoso e un comportamento rispettoso.

Le ragazze hanno difficoltà ad adattarsi alla loro nuova scuola e recitano uno scenario prevedibile di Billie vittima di bullismo e Jade che si vendica in sua difesa. Ma la scuola non è il loro unico problema. Albert è stranamente protettivo nei loro confronti e persino preleva sangue da loro a intervalli regolari, testandolo in un laboratorio segreto nel loro seminterrato. E quando non interpreta il flebotomo, sta placando il suo capo malvagio Evelyn Marcus (Paola Nuñez).

Come figlia del co-fondatore della Umbrella Corp, il dottor Jason Marcus, Evelyn sta cercando di salvare l’azienda presentando agli azionisti un nuovo ma instabile antidepressivo chiamato Joy. Ma sfortunatamente, Joy potrebbe essere un derivato del T-Virus e a Evelyn, una sociopatica con problemi di controllo, probabilmente non importerebbe se lo fosse.

Un dramma horror con il titolo sbagliato

Resident Evil, la recensione

La trama stessa è divisa tra un “Prima” nel 2022 e un “Dopo”, nel 2036. Un evento post apocalittico ha spazzato via una buona fetta della popolazione, mentre la nostra protagonista in entrambe le trame è Jade Wesker, figlia di Albert Wesker.

Nel 2036 Jade è alla ricerca di una cura per la peste “Zero” (sì, un altra serie di zombi che si rifiuta di chiamare i suoi abitanti non morti zombi) e finisce per andare a caccia, portandola sulla costa meridionale dell’Inghilterra e alla fine torna dalla sua famiglia mentre tutto si scontra in un drammatico capitolo finale.

Tuttavia, la trama del 2022 è dove sta il fulcro della storia, mentre seguiamo Jade e sua sorella Billie mentre arrivano a New Raccoon City con il loro padre, Albert Wesker. Ambientato in Sud Africa, Jade commenta immediatamente quanto sia bianco il loro quartiere. Non solo dal colore della pelle dei suoi abitanti ma anche da tutto il resto; casa bianca, staccionate bianche, interni bianchi.

Ad ogni modo, una notte Billie e Jade decidono di irrompere nel laboratorio incustodito della Umbrella, dove lavora il padre. È qui che Billie viene morsa da un cane mutato. Con il tempo che sta per scadere, Billie decide di tornare a scuola, fare festa e in genere impegnarsi in cliché teatrali adolescenziali.

Man mano che questa trama si sviluppa, scoprono segreti che coinvolgono il loro padre, che riportano all’originale Raccoon City del 1998 e a grandi passi dal mito e dalla tradizione della serie di giochi. In sostanza, Resident Evil sembra che qualcuno abbia letto la pagina wiki dei giochi e abbia deciso di usarla come linee guida per la propria storia.

Sfortunatamente, Resident Evil è il prossimo di una lunga serie di IP che sono state distorte dagli scrittori moderni per adattarsi alle loro sensibilità. Un buon esempio di questo è Evelyn, il CEO di Umbrella Corp. In ogni singolo episodio ci viene detto attraverso un dialogo espositivo che ha una moglie a casa. Niente di sbagliato in questo ovviamente, ma sembra una scelta così strana continuare a menzionarlo quando riceviamo informazioni così limitate sulla storia di Billie, Jade e degli altri personaggi.

Ma poi una rapida occhiata a IMDB ti dirà che 6 dei 7 scrittori coinvolti in questo progetto hanno a malapena scritto una sceneggiatura per un grande progetto prima.

La maggior parte dei personaggi sono insipidi e poco sviluppati, c’è un’abbondanza di deus ex machina e congegni usati per far uscire i personaggi da situazioni difficili e, a peggiorare le cose, la costruzione del mondo non è affatto buona.

Parte della colpa risiede nel modo in cui questo è stato unito. Le due linee temporali non funzionano e nessuna delle due si completa davvero l’una con l’altra. Nessuna delle trame è particolarmente interessante e, peggio ancora, tutto è innescato anche per una seconda stagione.

In effetti, sarebbe preferibile vedere di nuovo i film di Milla Jovovich piuttosto che guardare un’altra stagione di questo. Risparmiatevi la fatica e giocate invece ai videogiochi.

 

 

66
Resident Evil
Recensione di Laura Della Corte

Concludiamo la recensione di Resident Evil dicendo che sotto qualsiasi altro nome, questo potrebbe essere stato un dramma horror per adolescenti al di sotto della media. Sfilare intorno al nome di Resident Evil senza fare assolutamente nulla per onorare il materiale originale rende questo adattamento terribile.

ME GUSTA
  • Sotto qualsiasi altro nome, questo potrebbe essere stato un dramma horror per adolescenti al di sotto della media.
  • La scelta musicale è molto ammiccante forse non totalmente adatta.
FAIL
  • La serie soffre di una sceneggiatura tortuosa, buchi della trama e un'esecuzione confusa.
  • Sfilare intorno al nome di Resident Evil senza fare assolutamente nulla per onorare il materiale originale rende questo adattamento terribile.
  • 6 dei 7 scrittori coinvolti in questo progetto hanno a malapena scritto una sceneggiatura per un grande progetto prima.
Cyberpunk: Edgerunners, la recensione: la storia estatica che stavamo aspettando
Cyberpunk: Edgerunners, la recensione: la storia estatica che stavamo aspettando
Mo, la recensione: una sitcom semi-autobiografica tagliente su un'esperienza palestinese
Mo, la recensione: una sitcom semi-autobiografica tagliente su un'esperienza palestinese
Skam Italia 5, la recensione: l'amore secondo Elia
Skam Italia 5, la recensione: l'amore secondo Elia
Echoes, la recensione: suspence dove sei?
Echoes, la recensione: suspence dove sei?
The Cuphead Show! 2, la recensione: una tazza mezza piena
The Cuphead Show! 2, la recensione: una tazza mezza piena
Lost Ollie, la recensione: la favola della buonanotte per il vostro bambino interiore
Lost Ollie, la recensione: la favola della buonanotte per il vostro bambino interiore
Peaky Blinders 6, la recensione: nella nebbia tra due mondi
Peaky Blinders 6, la recensione: nella nebbia tra due mondi