GUIDE

Manga LGBTQIA+: una guida per iniziare

2 settimane fa

16 minuti

Manga LGBTQIA+: una guida per iniziare

La storia della rappresentazione LGBTQIA+ nei manga giapponesi è abbastanza diversa dalla storia della rappresentazione LGBTQIA+ nei fumetti e nelle graphic novel americane o italiane. Vogliamo quindi fornirvi una guida per iniziare con manga LGBTQIA+ e una breve storia di come si sono evoluti negli anni.

Sebbene l’omosessualità in Giappone non sia mai stata criminalizzata nella misura in cui lo era in paesi come gli Stati Uniti o il Regno Unito, i membri della comunità LGBTQIA+ subiscono ancora discriminazioni a livello culturale e sociale con una protezione legale molto limitata.

Tuttavia, questo non ha impedito a scrittori e artisti queer di produrre opere d’arte queer, né ha impedito ai lettori di consumarle. L’autore giapponese Yoshiya Nobuko ha scritto romanzi sull’amore e le relazioni tra persone dello stesso sesso negli anni ’20.

Il suo lavoro è stato molto popolare e ha influenzato direttamente lo sviluppo di entrambi i manga shōjo e yuri nei decenni successivi.

Shōjo si riferisce a manga sviluppati appositamente per le lettrici. Con la loro forte attenzione al romanticismo e al dramma, i manga shōjo si concentrano maggiormente sulle relazioni interpersonali, sul dramma e sulle emozioni. I conflitti interni hanno la precedenza sulle grandi azioni, quindi le lotte affrontate dai personaggi queer sul proprio genere e identità sessuali si adattano perfettamente a questa configurazione. The Heart of Thomas di Moto Hagio ne è un eccellente esempio in quanto presenta opere d’arte lussureggianti, prosa lirica e si concentra principalmente sulle relazioni tra giovani studenti maschi.

A partire dagli anni ’70, i manga con relazioni omosessuali iniziarono a vedere il successo commerciale mainstream all’interno dei manga shojo. Le artiste di manga hanno iniziato a produrre un nuovo tipo di manga shōjo che presentava bellissime opere d’arte, trame complicate, storie d’amore tra coppie dello stesso sesso, personaggi che sfidavano il loro genere o identità sessuale e altre narrazioni che hanno avuto un’influenza potente e duratura su molti creatori e lettori di manga.

Alcuni dei manga shōjo più popolari dell’epoca furono prodotti da un gruppo di artiste manga che in seguito sarebbero state chiamate Year 24 Group. Sebbene questi mangaka (creatori di manga) abbiano lavorato e prodotto i loro manga separatamente, sono stati indicati come il gruppo dell’anno perché sono nati tutti nello stesso periodo di tempo e quindi avevano all’incirca la stessa età (primi anni ’20).

Queste giovani donne hanno rivoluzionato i manga shōjo e la loro influenza si può sentire ancora oggi.

Nel 1978, Riyoko Ikeda, un membro del gruppo non ufficiale, ha prodotto uno dei primi manga di successo commerciale a presentare una protagonista esplicitamente transgender, Claudine. Sebbene i primi manga LGBTQIA+ fossero rivoluzionari, non erano privi di difetti. Sebbene questi titoli presentassero coppie omosessuali, finivano quasi sempre in modo tragico o presentavano casi di abusi eccessivi, come Claudine di Ikeda. I moderni manga LGBTQIA+ si sono allontanati in modo significativo dalle sue tragiche radici, ma questi primi lavori hanno avuto un’influenza duratura.

Nel frattempo, i mangaka queer pubblicano da decenni le loro opere attraverso piccole macchine da stampa, editori clandestini e riviste di manga queer. Sfortunatamente, molti di questi sono stati prodotti in quantità limitate e sotto piccoli editori quindi molti di questi sono persi o difficili da trovare.Per questo motivo, è molto più comune trovare una traduzione inglese di alcuni dei manga shojo più tradizionali degli anni ’70 che abbiamo menzionato prima che trovare un manga romantico gay degli anni ’80.

A causa del boom dei manga shojo negli anni ’70, i mangaka dilettanti iniziarono a produrre i propri manga auto-pubblicati, altrimenti noti come dōjinshi, che spesso presentavano i loro personaggi maschili preferiti di anime e manga coinvolti in relazioni queer. Grazie alle convenzioni sui fumetti, gli artisti dōjinshi hanno iniziato a condividere e vendere le loro opere d’arte tra altri fan e artisti. Spinti da questo supporto, molti di questi artisti dōjinshi sarebbero poi passati a produrre le proprie serie originali. In effetti, le narrazioni che caratterizzano l’amore romantico tra coppie dello stesso sesso sono diventate così popolari che si sono evolute in generi di manga specifici e prolifici noti come Yaoi (obsoleto) o “Boy’s Love” (attuale) e Yuri, o “Girl’s Amore”, dagli anni ’70 in poi.

Terminologia Manga LGBTQIA+

Manga LGBTQIA+: una guida per iniziare

I termini yaoi e Boy’s Love/BL si riferiscono entrambi a manga che seguono relazioni sessuali/romantiche tra due personaggi maschili. Tuttavia, di regola, i manga yaoi presentano sempre materiale sessualmente esplicito, mentre Boy’s Love può o meno. Yaoi è in gran parte considerato un termine obsoleto ed è stato sostituito principalmente con Boy’s Love negli ultimi anni. Questi termini non devono essere confusi con shounen-ai, un genere incentrato sulla relazione romantica tra ragazzi, emerso nelle prime riviste di shōjo negli anni ’70. Sebbene shounen-ai sia anche un sottogenere e un termine obsoleti.

Il termine “Bara” era usato per riferirsi ai manga gay scritti da e per uomini gay negli anni ’80, ma da allora quel termine è stato considerato obsoleto e impreciso. Invece, i manga scritti specificamente da e per uomini gay sono attualmente indicati come “geicomi”, “manga gei” o “fumetti/manga gay”.

Proprio come i romanzi rosa americani, che sono spesso scritti da donne per le donne, gli yaoi/Boy’s Love tradizionali e ampiamente disponibili sono stati tradizionalmente scritti e progettati da artiste manga per le lettrici. Detto questo, ci sono stati molti mangaka queer che hanno pubblicato i loro lavori per anni attraverso distributori più piccoli. Ora è molto più comune che i manga Boy’s Love e yuri mainstream, disponibili in commercio, siano scritti da e per lettori queer di tutte le età e generi.

Gengoroh Tagame è un mangaka gay che da decenni pubblica manga per riviste queer. I lettori di manga statunitensi probabilmente hanno più familiarità con la sua serie, Il marito di mio fratello.

Yuri, o Girl’s Love, è un termine generico che si riferisce a qualsiasi manga che presenta l’amore sessuale/romantico tra donne. A differenza di yaoi, la quantità di materiale sessualmente esplicito nel manga yuri varia da storia a storia, con alcune narrazioni incentrate esclusivamente sul romanticismo senza sesso. Ciò significa che un manga yuri può essere una storia d’amore innocente mentre un altro può presentare materiale sessualmente esplicito. Eppure entrambi i titoli sarebbero messi sotto il genere yuri.

Spesso, Boy’s Love e i manga yuri sono classificati come manga LGBTQ+ perché presentano coppie dello stesso sesso; tuttavia, la maggior parte, se non tutti, i moderni manga Boy’s Love e yuri si concentrano rigorosamente sul romanticismo e sulle scappatelle sessuali dei protagonisti e raramente, se non mai, discutono di questioni o identità queer. I protagonisti di Boy’s Love e yuri raramente si riferiscono a se stessi o ai loro partner come omosessuali, o gay, queer, lesbiche, bisessuali, ecc., Né in genere esplorano la realtà della vita come una persona queer. Questo è cambiato nel corso degli anni con nuovi titoli e nuove tendenze, ma è ancora qualcosa da tenere a mente.

Termini e categorie cambiano e si alterano frequentemente poiché sia ​​i creatori, i lettori e i librai cercano di capire quale sia la terminologia più appropriata per il loro lavoro.

Queste “linee” che separano Boy’s Love/Yuri dai manga LGBTQ+ sono mutevoli poiché i mangaka spesso si incrociano e lavoreranno su qualsiasi tipo di inclinazioni creative. I personaggi LGBTQ+ non sono relegati esclusivamente ai titoli yaoi e yuri. Ci sono molti anime e manga con narrazioni che ruotano attorno o presentano protagonisti esplicitamente queer o con codici queer. Queste storie possono esplorare l’identità queer o i problemi affrontati dai membri della comunità LGBTQ+, o potrebbero semplicemente essere una fantasia di evasione con protagonisti personaggi queer.

Revolutionary Girl Utena di Chiho Saito presenta un cast indubbiamente strano sia nel suo adattamento manga che in quello anime, ed è una delle serie più famose con protagonista una protagonista lesbica. Pretty Guardian Sailor Moon di Naoko Takeuchi, una delle serie manga/anime più famose di tutti i tempi, è anche nota per la sua interpretazione e l’accettazione di personaggi queer come Sailor Uranus e Sailor Neptune, una coppia lesbica canonicamente orgogliosa. La serie manga di Takako Shimura Wandering Son segue due studenti di quinta elementare mentre scoprono e fanno i conti con la propria identità di genere.

Nonostante la discriminazione culturale e sociale, la produzione di manga con personaggi LGBTQ+ ha visto un netto aumento negli ultimi 10 anni circa. Manga come My Lesbian Experience With Loneliness di Kabi Nagata, My Brother’s Husband di Gengoroh Tagame e The Bride Was a Boy di Chii hanno fatto molto per fornire una varietà di storie a tema LGBTQ+ e per normalizzare le relazioni e i personaggi LGBTQ+. La serie di Fumi Yoshinaga, What Did You Eat Yesterday?, che segue una coppia gay che vive nella Tokyo moderna, è stata nominata per il primo premio Manga Taishō in assoluto nel 2008 e ha vinto il Kodansha Manga Award 2019.

I Married a Girl to Shut my Parents Up

Manga LGBTQIA+: una guida per iniziare

I genitori di Machi le hanno sempre messo molta pressione, e ora che ha poco più di vent’anni, vogliono che si sposi. Il problema è che Machi non ha mai trovato l’idea così attraente o ha avuto una relazione di successo, quindi nonostante sia abituata a cedere ai suoi genitori, ha resistito. Quando menziona il problema alla sua amica Hana, tuttavia, Hana ha un’idea: lei e Machi dovrebbero sposarsi, o meglio, ottenere un certificato di unione, in modo che Machi possa dire di aver seguito alla lettera la legge dei suoi genitori. Machi è d’accordo, ma solo perché Hana è un’altra donna, ciò non significa che funzionerà meglio che se avesse sposato un uomo… giusto?

Machi, la “io” nel titolo, potrebbe concludere il manga con una relazione lesbica, ma non sarebbe giusto classificarla rigorosamente come omosessuale: è molto più probabile che sia nello spettro asessuale (probabilmente demisessuale) dato il modo in cui reagisce alle relazioni e al suo disagio con uomini e donne in termini di come queste relazioni si evolvono.

Non è completamente contraria a una componente fisica, ma ha bisogno di avere una connessione emotiva con la persona e guardarla muoversi verso quell’attaccamento emotivo è una parte importante dello sviluppo del suo personaggio nel corso del manga.

Potremmo anche sostenere che sia d’accordo con l’idea di Hana di ottenere un certificato di unione (simile ma non analogo al matrimonio) perché sa che Hana prova dei sentimenti per lei sin da quando erano adolescenti, e quindi è sicura che Hana non stia cercando di usare lei in qualche modo. In effetti, sono le cose molto umane che Hana fa che alla fine conquistano Machi, piuttosto che le cose specificamente femminili; che Hana sia una donna sembra quasi secondario, tranne quando Machi si sente gelosa, e questo è solo perché Hana è con un’altra donna e sa che Hana è gay.

Boys Run the Riot

Manga LGBTQIA+: una guida per iniziare

Dopo aver vinto il 77° premio Tetsuya Chiba per il suo debutto one-shot Light, Keito Gaku ha preso il nucleo di quella storia e lo ha costruito nelle basi di Boys Run the Riot. Il manga, disponibile solo in lingua inglese (lo trovate facilmente su Amazon) segue Ryo Watari, uno studente delle superiori alle prese con i suoi segreti. Avere una cotta per un caro amico è una cosa, sgattaiolare fuori a dipingere murales sotto la copertura dell’oscurità un’altra; ma la cosa più difficile è assicurarsi che nessuno scopra la vera identità di Ryo.

Ogni mattina, mentre va a scuola, Ryo si toglie l’uniforme e si mette una tuta da ginnastica. Fasciato al petto e vestito comodamente, Ryo può finalmente rilassarsi, ma indipendentemente dai vestiti o dalla situazione, “Non posso ancora fare a meno di desiderare”, pensa, “Sono nato ragazzo”.

Questa “lotta”, e la frustrazione di Ryo nei confronti di se stesso e del mondo che lo circonda, è al centro di Boys Run the Riot.

Il liceale Ryo sa di essere transgender, ma non ha nessuno con cui confidarsi sulla confusione che prova. Non può dirlo al suo migliore amico, per il quale ha segretamente una cotta, e non può dirlo a sua madre, che chiede costantemente perché Ryo “si veste da ragazzo”. Di certo non può dirlo a Jin, il nuovo studente trasferito che sembra solo un altro bullo. L’unico momento in cui Ryo si sente a suo agio è quando indossa i suoi vestiti preferiti. Allora, e solo allora, il mondo si dissolve e lui può essere il suo vero sé. Un giorno, mentre fa shopping, Ryo vede qualcuno che non si aspettava: Jin. Il ragazzo che sembrava così duro in classe ha il suo stesso gusto per la moda! Alla fine, Ryo ha qualcuno a cui aprirsi e il viaggio che lo attende potrebbe finalmente dargli un modo per esprimersi al mondo.

The Bride was a Boy

Manga LGBTQIA+: una guida per iniziare

Il manga autobiografico segue Chii mentre naviga nell’amore, nella sessualità come donna trans. Racconta la sua relazione con il suo ragazzo e l’eventuale marito e spiega come è stato il suo percorso sia fisicamente che legalmente. Un fumetto diario con uno stile allegro e adorabile che racconta l’affascinante storia di Chii. La sua storia inizia con la sua infanzia e segue gli alti e bassi dell’esplorazione della sua sessualità, genere e transizione, oltre all’innamoramento di un uomo. Ora, Chii sta per intraprendere una nuova avventura: diventare una sposa!

I Hear the Sunspot

Manga LGBTQIA+: una guida per iniziare

I Hear the Sunspot è una serie manga giapponese di Yuki Fumino. Un adattamento cinematografico live-action del primo volume è stato rilasciato il 24 giugno 2017. A causa di una disabilità uditiva, Kohei viene spesso frainteso e ha difficoltà a integrarsi nella vita del campus, quindi impara a mantenere le distanze. Cioè, finché non incontra lo schietto e allegro Taichi, che dice a Kohei che la sua perdita dell’udito non è colpa sua. Le parole di Taichi tagliano i consueti meccanismi di difesa di Kohei e gli aprono il cuore. Più che amici, meno che amanti, la loro relazione cambia Kohei per sempre.

My Son is Probably Gay

Manga LGBTQIA+: una guida per iniziare

Nonostante appartenga a una famiglia di quattro persone, la residenza di Aoyama è tipicamente la casa di tre persone a causa del lavoro di padre Akiyoshi. Mentre è via per lavoro, mamma Tomoko e i suoi due amati figli Hiroki e Yuri vivono la loro vita quotidiana: andare a scuola, preparare la cena, fare i compiti, ecc.

Ma ora che Hiroki è al suo primo anno di liceo, i suoi pensieri iniziano a rivolgersi leggermente al sesso e al romanticismo e sua madre non può fare a meno di notare i suoi lapsus quando parla di chi gli piace. Tomoko di supporto ha la sensazione che Hiroki possa essere gay, ma glielo lascerà capire da solo.

Sfortunatamente, Hiroki ha poco talento per mantenere il suo “segreto”, quindi potrebbe morire di imbarazzo prima che tutto venga detto e fatto!

My Son is Probabilmente Gay infatti, è una storia molt dolce, su come una famiglia (in particolare modo la madre), affronta l’omosessualità del figlio. Nel Manga di Okura, Hiroki il figlio maggiore, ha tendenze omosessuali, l’unica ad accorgersene è la madre. Anche perché il padre è spesso e volentieri lontano per lavoro. Hiroki quindi dovrà giorno dopo giorno imparare ad accettarsi, in quanto inizialmente sembra a disagio nel manifestare con gli altri i suoi pensieri, le sue cotte e quello che in ogni caso dovrebbe normale in una società evoluta.

Il marito di mio fratello

Manga LGBTQIA+: una guida per iniziare

Yaichi è un padre di periferia che lavora a casa nella Tokyo contemporanea, precedentemente sposato con Natsuki e padre della loro giovane figlia, Kana. Le loro vite cambiano improvvisamente con l’arrivo alla loro porta di un imponente e affabile canadese di nome Mike Flanagan, che si dichiara vedovo del gemello gay separato di Yaichi, Ryoji.

Mike è alla ricerca del passato di Ryoji e la famiglia lo accoglie con riluttanza ma diligentemente.

Quello che segue è uno sguardo senza precedenti e straziante sullo stato di una cultura gay giapponese ancora in gran parte chiusa: come è stata influenzata dall’Occidente e come la prossima generazione può cambiare i preconcetti al riguardo e i pregiudizi nei suoi confronti.

La mia prima volta

Manga LGBTQIA+: una guida per iniziare

Il manga autobiografico straziante che ha preso d’assalto Internet. La mia esperienza lesbica con la solitudine è uno sguardo onesto e sincero all’esplorazione di una giovane donna della sua sessualità, del suo benessere mentale e della sua crescita nella nostra epoca moderna. Raccontato utilizzando opere d’arte espressive che evocano sia risate che lacrime, questo volume unico commovente e molto divertente descrive non solo la sessualità in crescita dell’artista, ma anche molti altri aspetti personali della sua vita che risuoneranno con i lettori.

Se le vostre prime esperienze con il sesso non sono state per appetito sessuale ma per bisogno di affetto, se a volte non siete riusciti ad alzarvi dal letto per giorni di fila, se il senso di fallimento è aumentato con il passare degli anni, se il bisogno di approvazione è più forte del bisogno di fare qualcosa per voi, i manga autobiografici di Kabi Nagata sono assolutamente da leggere.

La sessualità di Kabi Nagata non viene mai messa in discussione: non è questo il fulcro del manga.

È, piuttosto, capire come inserire questo desiderio di essere amata e di avere una compagna e di avere rapporti con una donna in una quotidianità che non sembra portare rispetto nemmeno per la sua esistenza.

Oltre le Onde

Manga LGBTQIA+: una guida per iniziare

Non solo il liceale Tasuku Kaname è il nuovo ragazzo in città, ma è anche terrorizzato di essere stato dichiarato gay. Proprio mentre sta pensando di fare l’impensabile, Tasuku incontra una donna misteriosa che lo conduce da un gruppo di persone alle prese con problemi non molto diversi dai suoi.

In questa rappresentazione realistica e sincera di personaggi LGBT+ di diversa estrazione che trovano il loro posto nel mondo, la ricerca della pace interiore si rivela l’esperienza più universale di tutte.

Utsumi deve fare i conti con il “supporto” ben intenzionato ma in gran parte offensivo di un vecchio compagno di liceo. Haruko e la sua compagna Saki vogliono sposarsi, ma Saki è preoccupata di dichiararsi lesbica con i suoi genitori. Ogni individuo sta lottando con la propria identità a modo suo e ognuno di loro deve trovare una soluzione che funzioni per lui. Elencarli tutti renderebbe un disservizio alla narrazione; a soli quattro volumi, questa serie racchiude una grande quantità di emozioni, conflitti e catarsi.

A legare insieme queste scene intense e alla ricerca dell’anima c’è l’incredibile, quasi psichedelica, opera d’arte di Kamatani. Utilizzano la metafora visiva con grande efficacia, mostrando conflitto e connessione attraverso il simbolismo rilevante per ogni personaggio e la sua situazione specifica. Questa combinazione di narrazione realistica ed eccezionale abilità artistica rende Oltre le Onde un capolavoro di una serie che sicuramente influenzerà, ispirerà ed eleverà i lettori per molte generazioni a venire.

 

I 10 migliori nuovi manga da leggere nel 2022
I 10 migliori nuovi manga da leggere nel 2022
Le serie TV LGBTQ+ che hanno fatto la storia della comunità
Le serie TV LGBTQ+ che hanno fatto la storia della comunità
20 film a tema LGBTQ+ da recuperare per il mese del Pride
20 film a tema LGBTQ+ da recuperare per il mese del Pride
Supereroi LGBTQ+: quelli da scoprire per il Pride Month
Supereroi LGBTQ+: quelli da scoprire per il Pride Month
I 10 migliori film a tema LGBTQ+ su Netflix tutti da scoprire
I 10 migliori film a tema LGBTQ+ su Netflix tutti da scoprire
I 10 migliori fumetti da leggere a San Valentino
I 10 migliori fumetti da leggere a San Valentino
Top 10 Serie a Fumetti Straniere 2018
Top 10 Serie a Fumetti Straniere 2018