For All Mankind 3, intervista a Shantel Vansanten: “volevo essere tra chi aveva il coraggio di viaggiare”

2 mesi fa

7 minuti

Intervista a Shantel Vansanten, For All Mankind 3: "volevo essere tra chi aveva il coraggio di viaggiare"

For All Mankind ha piantato il seme del cambiamento nella sua versione alternativa della storia, che presto è germogliato in un mondo in cui la Russia ha superato gli Stati Uniti nell’ormai infinita Corsa allo Spazio. Ma la serie ha messo in luce tanto le relazioni private e i personaggi complessi quanto la storia alternativa creata dallo showrunner di Battlestar Galactica, Ron D. Moore.

Shantel Van Santen ci ha parlato di dove si trova Karen Baldwin all’inizio della terza stagione, di come è legata ad alcuni co-protagonisti e del processo molto personale che ha usato per connettersi con il suo personaggio. Durante l’intervista, ha parlato di ciò che i fan possono aspettarsi dalla terza stagione, di come la trama di Karen non rallenti, perché le piace guardare gli episodi in streaming invece che in anticipo, la sua trama preferita. Inoltre, con Shantel Vansanten che ha partecipato alle prime due stagioni di The Boys, abbiamo anche parlato della sua apparizione nella terza stagione di The Boys.

Se non avete familiarità con For All Mankind, la serie si svolge in una storia alternativa in cui la corsa allo spazio globale degli anni ’60 non è mai finita. In questa linea temporale alternativa, l’Unione Sovietica è sbarcata per prima sulla Luna e seguiamo gli astronauti della NASA, gli ingegneri e le loro famiglie mentre cercano di mettersi al passo con i russi mentre affrontano anche i tempi che cambiano. Ricca di fantastiche interpretazioni, incredibile scenografia e una rappresentazione dettagliata della corsa allo spazio, For All Mankind è una delle perle che potete trovare sul catalogo di Apple TV plus.

Nella seconda stagione di For All Mankind, sono passati dieci anni e siamo nel bel mezzo della Guerra Fredda tra gli Stati Uniti e l’URSS. La tensione è alta tra i due paesi poiché ciascuna parte cerca di prendere piede sulla luna e controllare le aree ricche di risorse. Allo stesso tempo, il Dipartimento della Difesa ha militarizzato parti della NASA ed è diventato centrale nelle storie di diversi personaggi. Ecco cosa ci ha raccontato Shantel VanSanten a prossimo del suo personaggio…

Intervista a Shantel Vansanten

Intervista a Shantel Vansanten

Nella prima metà della stagione, Karen assume una faccia coraggiosa e un fronte unito per le mogli degli astronauti prima che quella facciata inizi a incrinarsi. Com’è trovare quella profondità emotiva in progresso nel salto temporale della nuova stagione?

Sì, sono stato fortunata che nella prima stagione abbiamo avuto quel salto temporale di 4-5 anni per prepararci un po’ per il salto temporale successivo. È così interessante la  terza stagione perché ci sono delle lacune da colmare e ovviamente abbiamo visto Karen avere questo grande arco narrativo: tutto ciò a cui si aggrappava era così caro e così stretto che cadeva completamente a pezzi nelle sue mani, e non importa quanto controllo ha cercato di avere, l’ha perso. E così, all’inizio della stagione, ricordo di aver pensato: “Dove andiamo? Sono passati anni, dove sarà e cosa accadrà?” E mi ha scioccato. È stato molto sorprendente e non vedo l’ora di sentire le reazioni del pubblico. Ma non credo che perderemo mai la storia degli anni intermedi e si dispiegherà lentamente mostrando ciò che è accaduto nel mezzo. C’era una piccola parte di me che era sconvolta dal fatto che nessuno potesse vedere le piccole cose che erano nella mia mente. E non posso rivelare troppo, ma rispetto a dove l’abbiamo lasciata l’ultima volta a dove l’abbiamo trovata per me è stato un processo creativo così divertente per arrivare a condividerli con alcuni degli scrittori, le cose che ha attraversato e le cose che il pubblico si è perso…

Cosa cerchi quando fai un provino per un ruolo?

Se sono davvero in sintonia con un personaggio, voglio provarlo. Ci sono state molte cose per cui ho fatto il provino e dico sempre al mio team di persone: “Combattiamo per questo!” Manderò un nastro e farò quello che devo. Ci sono state molte cose che sono stato vicino a ottenere e, sai, per un motivo o per l’altro, semplicemente non era il mio ruolo.

Com’è stata la tua audizione per For All Mankind?

Avevo appena finito di fare lo show Shooter, ed è stata la mia prima audizione dopo tre anni di recitazione in quello show televisivo. Quindi, mi hanno mandato la sceneggiatura per l’audizione ed è stata una delle nostre scene più grandi , un monologo di quattro pagine. Pensavo: “Non ho intenzione di entrare in una sala per le audizioni e fare questa scena. Sono arrugginita”. Non mi sentivo pronta per questo. Quindi ricordo di aver detto al mio manager: “Ti manderò un nastro”. Mi sono seduta a casa e ci ho lavorato davvero con il mio ragazzo, e mi è sembrato un ambiente più confortevole in cui recitare. Ho inviato la mia cassetta e il giorno dopo hanno chiamato e hanno detto: “Hai un incontro con il regista e due dei produttori”. Ancora una volta, mi sono seduta in una minuscola sala del consiglio con altre cinque ragazze e mi sono guardato intorno e mi sono confrontato con loro e ho pensato: “Non lo capirò mai. Perché sono qui?” Mi sentivo come se avessi fatto la peggiore audizione. Ho lasciato la sala delle audizioni pensando: “La mia carriera è finita. Non so più cosa sto facendo”.

Intervista a Shantel Vansanten, For All Mankind 3: "volevo essere tra chi aveva il coraggio di viaggiare"

Karen è un personaggio femminile molto complesso. Com’è interpretarla?

Lo amo. Adoro poter interpretare tutte le diverse sfumature che esistono all’interno di Karen. È stata dura finire la prima stagione e avevo bisogno di un mese di pausa per elaborare tutto. Penso che tutti questi personaggi siano davvero riconoscibili perché noi umani subiamo un’enorme quantità di perdite, dolore e cambiamenti, quindi Karen ne è un esempio.

Come hai detto, Karen ne ha passate tante, specialmente negli episodi finali. Com’è stato dare vita a quell’arco narrativo straziante del personaggio?

I nostri scrittori mi hanno fatto un bellissimo regalo. Per iniziare nel posto in cui era e in soli 10 episodi per passare così tanto, non sempre lo capisci. Mi sono sentita davvero grata per essere stata in quel viaggio con Karen. È stato emotivamente faticoso, questo è certo, e ora avere una perdita così tremenda che cambierà per sempre il suo modo di vedere e la sua vita. Ad essere onesti, nella terza stagione intraprendiamo un altro viaggio del genere. Gli sceneggiatori realizzano questi archi narrativi che non riesco mai a prevedere.

Il cast di For All Mankind è un bel ensemble in questo momento. Com’è lavorare con tutti dietro le quinte?

So che molte persone lo dicono, ma è così diverso in questo show, andiamo tutti così d’accordo, specialmente come donne. Non so se è solo la nostra età, ma non c’è concorrenza. C’è molto supporto l’uno per l’altro. Sembra che questo aggiunga solo un altro bellissimo livello alla serie.

Qual è qualcosa per cui ti ritieni nerd?

Sono una grande nerd per lo spazio, ed è così straziante per me essere in uno show sullo spazio e non sono una degli astronauti. Se dicessi “Potresti andare nello spazio in questo momento”, direi “Arrivo!” Tra l’altro questa passione me l’ha passata ai suoi tempi la mia insegnante di scienze, che era una pilota, ed era davvero molto in gamba. Se ci penso sono stata molto fortunata ed ho avuto esempi femminili sempre molto forti da cui attingere per me. Mi hanno fatto capire che volevo essere tra chi non aveva paura di viaggiare o provare nuove esperienze nella vita ed è stato molto di ispirazione per me.

A proposito di The Boys, come è stato portare a termine la storia di Becca durante il finale della seconda stagione?

C’è una tale tragedia nel suo finale e in quella serie in generale. È solo straziante. Onestamente, probabilmente ero coperta di sangue fino alla fine, quindi questo è uno dei miei ultimi ricordi delle riprese.

Mythic Quest 3 - Il teaser trailer della terza stagione
Mythic Quest 3 - Il teaser trailer della terza stagione
See 3 - Il trailer della serie con Jason Momoa dal SDCC 2022
See 3 - Il trailer della serie con Jason Momoa dal SDCC 2022
For All Mankind rinnovato per una quarta stagione
For All Mankind rinnovato per una quarta stagione
10 serie tv da vedere su Apple TV Plus
10 serie tv da vedere su Apple TV Plus
For All Mankind 3, intervista a Cynthy Wu: "sono una vera nerd per lo spazio"
For All Mankind 3, intervista a Cynthy Wu: "sono una vera nerd per lo spazio"
Ferrari: Apple TV+ annuncia la serie di Steven Knight diretta da Stefano Sollima
Ferrari: Apple TV+ annuncia la serie di Steven Knight diretta da Stefano Sollima
Sugar: Colin Farrell protagonista della serie di Apple TV+
Sugar: Colin Farrell protagonista della serie di Apple TV+