The Boys 3, intervista a Tomer Capone e Karen Fukuhara

8 mesi fa

8 minuti

The Boys 3, intervista a Tomer Capone & Karen Fukuhara

The Boys 3 sarà presentato in anteprima su Amazon Prime Video il 3 giugno, con i primi tre episodi. Gli episodi rimanenti verranno pubblicati settimanalmente sul servizio fino al finale l’8 luglio.

Non faremo nessuno spoiler ma affronteremo cosa possiamo aspettarci dalla stagione 3 e quanto più sanguinosa e diabolica diventerà. The Boys di Amazon Prime è stato presentato in anteprima nel 2019 e ha preso d’assalto la comunità dei supereroi.

Con una versione diversa dei supereroi che umanizza i nostri personaggi preferiti dei famosi franchise DC o Marvel, The Boys è diventato piuttosto popolare sia tra i fan che tra i critici. A poco a poco, la cupa serie di supereroi ha guadagnato più ammiratori, incluso lo stesso ex presidente degli Stati Uniti, ed è ora sulla buona strada per una terza stagione potenzialmente esplosiva (in tutti i sensi). Ma adesso vediamo cosa ci hanno raccontato Tomer Capone & Karen Fukuhara che interpretano Kimiko e Frenchie.

Intervista a Tomer Capone & Karen Fukuhara

The Boys 3, intervista a Tomer Capone & Karen Fukuhara

Salve a tutti, grazie per essere qui. Quello che vorrei chiedervi come prima cosa è cosa ne pensate della vostra relazione in questa nuova stagione e se avuto delle sfide nel girare alcune scene e perché?

Sì, assolutamente, ma la cosa totalmente nuova di questa stagione è che Kimiko e Frenchie iniziano dal trovarsi allo stesso punto. Penso che in precedenza abbiamo visto un po’ di squilibrio in questo, ma è eccitante vederlo, ed è nuovo. E in questa stagione, iniziano in un posto davvero fantastico, amano la vita, si godono ogni minuto, come facciamo noi. Nessuno vuole vedere due persone felici per otto episodi. Quindi è come se affrontassero le loro lotte, ma iniziano in un posto molto felice.

È stato così piacevole iniziare finalmente la nuova stagione con Kimiko e Frenchie che non scappavano, non venivano braccati, non avevano paura. Stanno solo vivendo la vita. Frenchie mangia ciambelle e ha cercato di smettere di fumare come un normale essere umano. E in realtà stanno lavorando legittimamente per la CIA. Hanno un lavoro, sono felici. Ma poi, come sai, i sette non danno loro tregua.

Qual’è stata la più grande sfida in questa stagione?

Sento di non avere il diritto di parlare di sfide dopo quello che ha fatto Karen nella terza stagione. Voglio dire, sul serio, non ho mai visto nessuno lavorare così duramente come ha fatto Karen in questa stagione. Non so come ha fatto. Mi è piaciuto guardarla. L’ho supportata, quindi ero praticamente una cheerleader per Karen. Entrare e uscire dai combattimenti, imparare la lingua dei segni e fare tutte le nostre coreografie e il ballo che avevamo. È stato piuttosto impressionante. Quindi mi ha semplificato la vita. Ma Karen può parlarne molto di più. Quanto è faticoso.

Penso che il mio personaggio stia cercando di andare avanti. Kimiko è tutta incentrata sulla questione di capire se stessa da un punto in cui ha subito un trauma. Ha avuto molte cose da fare prima, e ora sta cercando di andare avanti in qualche modo. Penso che Frenchie abbia un piccolo dilemma con il suo passato. Quindi sento emotivamente che deve essere stato difficile per te attingere a tutte queste cose.

Ancora una volta, sono stata una grande cheerleader. E no, avevamo molti luoghi interessanti verso i quali si dirigevano i personaggi. E abbiamo dovuto in qualche modo risolverlo in termini di renderlo interessante, fresco, nuovo. Quindi molte conversazioni, prevedevano un sacco di andare in profondità e scavare all’interno dei personaggi, il che è stato rinfrescante perché è come, in un certo senso, che la stagione iniziasse. È un nuovo capitolo nella loro vita, in entrambe le loro vite. Molti altri personaggi stanno ancora lottando e stanno facendo quello che stanno facendo, ma questi due, Frenchie e Kimiko, è come iniziare un nuovo inizio, e poi va davvero storto. Sì. La terza stagione parla di scrivere la propria storia. Non hanno davvero avuto questa opportunità in passato. E questa stagione parla di loro che scrivono questo. Prendere il controllo della loro vita.

Mi chiedevo, come fate come attori, a superare le dinamiche tra i vostri personaggi? Perché soprattutto Kimiko non dice una parola, e potrebbe essere difficile interagire tra di voi.

Sì. Bene, la bellezza di questa lingua è che, sebbene non sia verbale, è comunque una lingua e puoi comunicare attraverso di essa, ed è potente come qualsiasi altra lingua. Penso che sia qualcosa che il mondo normale, il mondo dell’udito, in realtà non riesce a comprendere. È una lingua. È un linguaggio completo, vivo, e puoi inviare il tuo messaggio e puoi ricevere indietro la risposta.

La prossima domanda è, senza fare spoiler, in realtà, anche questa nuova stagione sta affrontando questioni sociali contemporanee. E mi chiedevo quale sia più importante per voi? In realtà, abbiamo un’esperienza satirica, politica in qualche modo, si può definire un’esperienza estremamente puntuale. Quindi mi chiedevo se c’è un aspetto a cui tenete di più che viene mostrato in questa nuova stagione.

Non so se riesco a scegliere solo una cosa, ma posso dire che sono davvero orgoglioso di far parte dello show in un momento in cui tutti ricevono le loro notizie in modo usa e getta e molto velocemente e molto non organico e a volte non è molto vero, le persone non hanno la pazienza, non hanno il tempo di cercare la verità. Tutto è così veloce, così veloce, così cattivo e buono, cattivo e strano. E sono molto orgoglioso di essere in uno show come questo. Puoi pensare quello che vuoi pensare a cosa significa avere troppo potere. Puoi pensare quello che vuoi su cosa significhi in termini di personaggi, di essere stranieri, di sentirsi fuori posto e di essere sfavoriti. Tocca e affronta così tante cose che sono rilevanti. E questa è una delle cose più incredibili dello show in ogni stagione. Non sai come fanno gli scrittori. Lo leggi e lo fai. E poi abbiamo girato quasi un anno fa, forse meno, un po’ meno. E solo per vedere quanto sia rilevante in questi giorni, come quello che sta succedendo ora, è pazzesco e super importante.

Parliamo sempre del sangue, dell’orrore. Ma alla fine, penso che molte persone siano legate a questo show perché va in profondità e affronta cose di cui forse non ci sentiamo a nostro agio a parlare in modo diretto. Quindi affrontarlo dal mondo dei supereroi e dei vigilantes, fa qualcosa. Quindi sono super orgoglioso di far parte di quella conversazione. Decisamente. Grazie.

Quale pensi che la direzione che sta prendendo lo show a questo punto? Perché credo che sti andando sempre più in profondità.

Interessante. Ancora una volta, alla fine, facciamo il nostro lavoro, interpretiamo Kimiko, interpretiamo Frenchie. Penso che questa non sia la direzione che affronta per noi ma questo capitolo è incentrato molto sulla famiglia. Poi altre questioni importanti come: cosa è davvero importante, di chi ti puoi fidare o no. Fino a che punto sei disposto ad andare? Quanto lontano sei disposto ad andare o quando sei in un posto specifico. Perchè sei li? Per chi sei lì? Per chi stai facendo quello che stai facendo? È molto interessante perché i ragazzi sono sempre stati una famiglia disfunzionale e la relazione tra Kimiko e Frenchie diventa sempre più stretta. E affronta più cose che si riferiscono a scelte simili. Quindi amo quella parte su dove va la nuova stagione con quei due personaggi. A parte questo, diventerà molto più sanguinoso.

Sì, ci sarà molto sangue. Ma stiamo andando anche più a fondo nella psiche di ogni personaggio. E ancora, penso che con ogni personaggio, dipenda da ciò che sei disposto a sacrificare o da dove tracci il limite e fare le scelte attivamente per affrontare queste circostanze in cui si trovano.

Qual è la cosa di cui siete più entusiasti che i fan vedranno nella nuova stagione?

Il numero musicale È una delle scelte più belle, ma penso che ce ne siano così tante nella stagione. Abbiamo così tanti momenti interessanti, di molti dei quali non vi possiamo dire nulla. Questo è in generale, ma penso che sarebbe davvero divertente per gli spettatori vedere, cose come chi si schiera con chi. I personaggi che non vi aspettereste mai insieme faranno coppia. Quindi penso che sia eccitante.

Fantastico. Una curiosità per Karen: hai già preso lezioni di ballo prima di fare quel genere di scene o in realtà hai imparato una coreografia solo per lo show?

Oh mio Dio. Avevo preso solo una lezione di ballo prima a Los Angeles ed è stato così difficile. Non sono una ballerina molta brava. È fantastico, ma la coreografia è davvero difficile. Devi memorizzarla, devi inserirla nella tua memoria muscolare. Quando ho frequentato quella lezione molto tempo fa, avevamo forse metà della classe in cui le persone della mia età e poi metà della classe erano molto simili a me. Sono entrata e stavo pensando non ho intenzione di sembrare troppo male. Andrà tutto bene. Tutti ballavano molto meglio. Anche gli uomini e le donne più anziani erano bravissimi e non riuscivo nemmeno a fare le mosse più elementari. Quindi poi imparare il numero musicale per lo show è stata una sfida. In realtà è stato davvero divertente ma decisamente più difficile del previsto.

 

La Leggenda di Vox Machina 2: il mondo di D&D è sempre più presente
La Leggenda di Vox Machina 2: il mondo di D&D è sempre più presente
Hunters 2, la recensione: l'ultima grande caccia ai nazisti
Hunters 2, la recensione: l'ultima grande caccia ai nazisti
Gli Anelli del Potere episodio 8, la recensione: La mano sinistra dell'oscurità
Gli Anelli del Potere episodio 8, la recensione: La mano sinistra dell'oscurità
Gli Anelli del Potere episodio 7, la recensione: l'occhio del male si sta aprendo
Gli Anelli del Potere episodio 7, la recensione: l'occhio del male si sta aprendo
Gli Anelli del Potere episodio 6, la recensione: una battaglia epica
Gli Anelli del Potere episodio 6, la recensione: una battaglia epica
Gli Anelli del Potere episodio 5, la recensione: la guerra sta per cominciare
Gli Anelli del Potere episodio 5, la recensione: la guerra sta per cominciare
Peaky Blinders 6, la recensione: nella nebbia tra due mondi
Peaky Blinders 6, la recensione: nella nebbia tra due mondi