Love, Death + Robots 3, la recensione: un altro capitolo visivamente sbalorditivo

1 mese fa

7 minuti

la recensione di Love, Death + Robots 3

Da sempre la premessa di Love, Death + Robots è fondamentalmente carta bianca per tutti; Una tela bianca per artisti e animatori che possono raccontare tutti i tipi di storie provocatorie che vogliono. Iniziamo la recensione di Love, Death + Robots 3 ricordandovi che il primo capitolo presentava ben 18 episodi, mentre il secondo ne presentava otto. Il terzo capitolo offre nove storie uniche, che non sono molte di più, ma il lato positivo è che sono tutte molto coinvolgenti – una in particolare è eccezionale.

Questa serie ha sicuramente dei punti di forza che usa come segno di riconoscimento: il suo tono che non lesina sul sesso e sulla violenza e dà ai narratori la libertà di andare “oltre” come vogliono.

Un altro segno di riconoscimento è l’uso di generi come fantascienza, fantasy e horror, piacevoli e adatti alle metafore e più malleabili nell’animazione che dal vivo. Ma il vero vantaggio non un segreto: la serie è semplicemente realizzata da persone di talento a cui è stata data abbastanza libertà creativa per raccontare le storie che vogliono.

In un’epoca di conservazione dei canoni narrativi e intrattenimento preconfezionato e per famiglie, è forse più vitale di quanto ci rendiamo conto.

Ma in ogni caso vi racconteremo solo alcuni dettagli di ogni singolo episodio, una panoramica completa anche per chi si avvicina per la prima volta alla loro visione. Il primo è il primo sequel diretto nella storia della serie tv, un altro racconto di 3 robot di John Scalzi che Netflix ha pubblicato un giorno prima su YouTube. Il momento clou della stagione è il secondo episodio, Bad Travel, una storia nautica di eroismo e orrore del duo dello scrittore-regista Andrew Kevin Walker e David Fincher. Se volete guardare un solo episodio di Love, Death + Robots Season 3, iniziate da questo. Di seguito il trailer pubblicato su YouTube:

Orsi grizzly meccanici e mini zombi

la recensione di Love, Death + Robots 3

Continuiamo la recensione di Love, Death & Robots 3 dicendo che la tagliente antologia animata per adulti di Tim Miller e David Fincher è tornata. La prima stagione della serie spingeva tantissimo sulla nudità e la violenza estrema con 18 cortometraggi piuttosto lunghi. La stagione 2, al contrario, era più incisiva e tagliente, con v cuna narrazione più toccante.

La stagione 3 segue le orme della stagione 2, mantenendo un tono con tempi più corti e scattanti e ci sono più coraggio e sangue.

Uno degli episodi più coinvolgenti, Bad Travel, vede una nave a vela a caccia di squali che viene attaccata da un gigantesco crostaceo le cui dimensioni e intelligenza sono eguagliate solo dal suo appetito. Ammutinamento e tradimenti: salite a bordo del debutto alla regia di animazione di David Fincher.

The Very pulse of the machine vede una spedizione esplorativa sulla superficie della luna Io che finisce in un disastro, un astronauta deve mettersi in salvo, trascinando il corpo della sua copilota, mentre usa droghe potenzialmente sconvolgenti per affrontare il dolore delle sue stesse ferite in questo trippy omaggio alla leggenda dei fumetti Moebius.

Night of the Mini Dead è uno degli episodi più geniali in assoluto. L’apocalisse è concepita – letteralmente – in un cimitero in questa pungente satira di zombi, che inizia con un po’ di sesso sfacciato da cimitero e accelera in un’invasione di morti viventi ovunque – dal centro di Los Angeles al Vaticano. È la fine del mondo…

Kill team kill, un episodio pieno di sangue, tanto, tanto sangue, una squadra di soldati americani infuriati e adrenalinici affronta un nemico diverso da tutti quelli che hanno mai affrontato prima, il risultato di un esperimento della CIA, il tutto firmato dal regista di Kung Fu Panda 2.

Amore e violenza

la recensione di Love, Death + Robots 3

Avvicinandosi alla fine e alla conclusione della recensione di Love, Death & Robots 3, Swarm è di alto livello di fantascienza sull’avidità e l’arroganza dell’umanità; una storia di paura, sesso e filosofia all’estremo confine, mentre due scienziati postumani studiano una razza insettoide apparentemente senza cervello. Tim Miller scrive e dirige il primo adattamento cinematografico in assoluto dell’opera del famoso autore Cyberpunk, Bruce Sterling.

Mason’s Rats mette in guardia contro la fiorente tecnologia e la guerra impersonale, dietro le porte; sai di avere un problema con il controllo dei parassiti quando iniziano a rispondere. La ratpocalypse arriva in Scozia, quando un contadino scontroso prende misure drastiche per affrontare un’invasione di roditori iperevoluti.

In Vaulted Halls Extombed offre CGI quasi fotorealistica in una storia di azione ravvicinata, deliberatamente ambigua. Nelle profondità delle montagne dell’Afghanistan, una squadra di soldati delle forze speciali ha il pericoloso compito di recuperare un ostaggio trattenuto dai terroristi. Ma il vero male che devono affrontare è un dio antico dal potere antico e terrificante…

Un episodio finale audace intitolato Jibaro, che rielabora il mito della sirena come un’allegoria di aggressione sessuale attraverso il mezzo della danza interpretativa, è piuttostoprovante. Fantasia e avidità si combinano in questa rivisitazione del tradizionale racconto popolare di una sirena il cui canto attira gli uomini verso il loro destino. Ma la sua stregoneria non funziona sul cavaliere sordo, Jibaro, e la Donna d’Oro ne rimane affascinata…

Praticamente tutti questi episodi durano meno di 20 minuti, il che è un risultato straordinario dato quanto terreno narrativo coprono e quanto sono in grado di raggiungere, in particolare visivamente.

Ognuno è distinto e memorabile, e la collezione generale è un altro impressionante lotto di racconti con abbastanza varietà per compiacere quasi tutti. Love, Death + Robots è stato uno dei migliori progetti ricorrenti a uscire su Netflix. Guidata da persone come David Fincher e il direttore di Deadpool Tim Miller, la serie è una raccolta di cortometraggi resi in diverse forme di animazione (e occasionalmente incorporando alcuni elementi live-action).

Questa serie ha permesso ai creatori di mostrare che l’animazione non è un mezzo che può solo soddisfare il pubblico più giovane. E onestamente, la stagione 3 di Death + Robots potrebbe essere la migliore raccolta di cortometraggi. C’è un’eccellente diversità negli stili e negli approcci di animazione, e l’ordine dei nove episodi lascia poco spazio a troppa somiglianza. Sembra che le ultime due stagioni abbiano permesso ai cineasti di capire il modo migliore per ordinare gli episodi in modo che le cose siano davvero diverse ogni volta.

Considerazioni Finali

la recensione di Love, Death + Robots 3

Ok, conclusione della recensione della stagione 3 di Love, Death + Robots, ripercorrendo i punti salienti, anche se non ci sono molti segmenti che non meritano di essere menzionati. Il primo episodio, riporta tre personaggi della prima stagione mentre continuano a guardare una terra post-apocalittica e come gli umani hanno cercato di sopravvivere alla fine della civiltà. È un modo umoristico per tornare alla serie e sicuramente soddisferà il pubblico più cinico.

Successivamente, abbiamo uno dei migliori episodi della stagione, Bad Traveling, diretto dallo stesso David Fincher. Questa è una storia nautica che coinvolge un crostaceo alieno che prende il controllo della nave ed è il tipo di storia che potrebbe essere facilmente espansa in un film. Essendo questo debutto alla regia di Fincher per la serie, è una forte speranza che tornerà per un’altra puntata se otteniamo una stagione 4.

Il terzo episodio di Love, Death + Robots 3, The very Pulse of the Machine due astronaute sulla luna di Giove, Io, si schiantano. Dopo che solo una di loro sopravvive, la storia diventa un trekking sulla superficie della luna per raggiungere una zona di atterraggio sicura. Ma all’interno di ciò arriva un’esperienza psichedelica e trascendentale che è meglio lasciata incontaminata. I colori vibranti e il ritmo costante rendono questo un episodio rivelativo che probabilmente sarà uno dei migliori nell’intera stagione.

Successivamente, i prossimi cinque cortometraggi variano per temi e ritmo. Night of the Mini-Dead è il più breve della stagione con soli sette minuti, ma è una velocità di carina e sfacciata di una storia di Apocalisse zombi. Le altre voci utili in questo tratto, Kill Team Kill e Mason’s Rats sono iper-violenti e sono totalmente divertenti se deliberatamente leggeri.

E per chiudere, Love Death + Robots Stagione 3 sceglie Jibaro, un pezzo di animazione radicale e storico del vincitore dell’Emmy Alberto Mielgo. Questa voce prende la storia familiare della sirena e la trasforma in qualcosa di primordiale e pulsante.

È l’unico episodio che non presenta dialoghi e utilizza questa decisione essendo un sovraccarico sensoriale nel migliore dei modi. C’è un chiaro motivo per cui questo ha chiuso la stagione.

 

Love, Death + Robots 3 è disponibile per la visione su Netflix.

 

83
Love, Death + Robots 3
Recensione di Laura Della Corte

Love, Death & Robots 3 con nove inedite storie animate riesce a coprire una vasta gamma di storie e lo fa in modo originale ed eccentrico. Se avete amato le prime due stagioni della serie di David Fincher e Tim Miller, non vi resta che tuffarvi in questa nuova stagione che non mancherà di stupirvi.

ME GUSTA
  • Il tono come sempre non lesina sul sesso e sulla violenza e dà ai narratori la libertà di andare "oltre" come vogliono.
  • L'animazione fusa alla narrazione inconvenzionale sono due dei punti maggiori di forza.
  • L'ultimo episodio è un sovraccarico sensoriale nel migliore dei modi.
FAIL
  • Alcuni episodi risultano più scontati di altri, se proprio vogliamo trovare un difetto.
La Casa di Carta: Corea, la recensione di una lettera d'amore all'originale
La Casa di Carta: Corea, la recensione di una lettera d'amore all'originale
Peaky Blinders 6, la recensione: nella nebbia tra due mondi
Peaky Blinders 6, la recensione: nella nebbia tra due mondi
Stranger Things 4, la recensione del volume 1: la stagione più cupa e matura è un omaggio all'horror
Stranger Things 4, la recensione del volume 1: la stagione più cupa e matura è un omaggio all'horror
Old Enough, la recensione: il reality show giapponese più carino della TV
Old Enough, la recensione: il reality show giapponese più carino della TV
Better Call Saul 6 - Prima parte, la recensione: in dirittura d'arrivo
Better Call Saul 6 - Prima parte, la recensione: in dirittura d'arrivo
Kotaro abita da solo, la recensione: una visione del mondo schietta e senza filtri
Kotaro abita da solo, la recensione: una visione del mondo schietta e senza filtri
Tiger King 2, la recensione del ritorno di Joe Exotic su Netflix: il troppo stroppia
Tiger King 2, la recensione del ritorno di Joe Exotic su Netflix: il troppo stroppia